Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

TRADURRE INSIEME DALLO YIDDISH - II
COSA FARE CON SHAYLE?
di Franco Bezza e Anna Linda Callow

Rebe! Ikh vil aykh fregn a shayle vil ikh ayk. Rebbe! Voglio chiedervi un parere.
Così si apre il secondo dei racconti contenuti nel libro Un consiglio avveduto (Adelphi, 2003), il primo con cui si cominciò l’avventura del nostro leyenkrayz. Il termine che abbiamo tradotto con "parere" è nell’originale una parola ebraica che significa domanda e che in yiddish assume il significato di "parere rabbinico riguardo a questioni rituali". La presenza di un simile termine pone due problemi tipici per chi traduce da questa lingua: in quale misura e in quale modo è possibile rendere in italiano le differenti origini linguistiche dello yiddish? E inoltre, come offrire alla comprensione del lettore italiano il complesso mondo rituale ebraico?
Per quanto riguarda la prima questione è necessario premettere alcune considerazioni. Come si è detto, nel lessico yiddish compaiono vocaboli di origine non germanica, in misura rispettivamente decrescente: semitici, slavi e latini.
Vi sono però almeno due differenti modalità in cui la lingua yiddish si comporta nei confronti di questi vocaboli. Un primo caso è dato dal "prestito" per così dire "inconsapevole": shokhn per "vicino (di casa)", zshurnal per "rivista", "periodico", ad esempio. Qui il termine di origIne non germanica è l’unico disponibile e il problema della sua origine è dunque sostanzialmente dissolto nella quotidianità dell’uso. Un secondo caso, che riguarda soprattutto e in notevole misura la componente semitica dello yiddish, si riferisce invece a quei vocaboli e a quelle espressioni per cui la lingua dispone di più versioni di origini differenti: "eccesso" può rendersi con ibermos o con oydef, "in effetti" può esssere faktish, eygntlekh, ma anche leoylem; "migliorare" può corrispondere a besern o a mesakn zayn; in questi e in moltissimi altri casi, la scelta incide sul registro, talvolta impercettibilmente, talvolta in modo clamoroso e la traduzione deve cercare di darne conto. D’altro canto lo spostamento di registro non è a senso unico, l’assunzione di una versione semitica al posto di quella germanica può dar ragione di una sfumatura dotta o umoristicamente pretenziosa oppure, al contrario, di un moto dell’animo più intenso e più immediato. Traducendo in una lingua che naturalmente non possiede questo tipo di risorsa è necessario, ovunque sia possibile, rendere di volta in volta, con mezzi diversi – un’espressione colta, un termine inusuale o fuori registro oppure un’espressione popolare o altro ancora – le scelte dell’originale.
In ogni caso, se è vero che la felicità della traduzione risiede soprattutto nell’equilibrio tra fedeltà e scorrevolezza, il ricorso a espedienti tipografici e redazionali (note al testo e corsivi con rimando a un glossario) va doverosamente contenuto, così come le soluzioni eccessivamente lunghe, che avrebbero forse diritto di residenza in un saggio, ma certo non in letteratura, anche se ciò comporta sovente un’inevitabile perdita di complessità e di densità semantica.
Se dunque nel suo insieme il problema delle differenti origini linguistiche dello yiddish può essere affrontato con una certa adeguatezza, sia pure non priva di perdite e di sacrifici, la seconda questione a cui abbiamo accennato, la restituzione, cioè, dei riferimenti al complesso e articolato ambito rituale ebraico, rimane assai più aperta. La disposizione rituale dell’ebraismo orientale oppone infatti alla comprensione da parte del lettore non ebreo e più in generale al lettore "occidentale" degli ostacoli non facilmente sormontabili. La ragione risiede in gran parte nel rapporto tenacemente osmotico tra religione, ritualità e quotidianità domestica della tradizione yiddish (rapporto che non sembra risolversi o quanto meno sciogliersi completamente nemmeno nei casi di scrittori laici). Un’implicazione religiosa, che nel testo originale appare ovvia, può comportare problemi di comprensione se non viene sciolta nella traduzione, ma può altrimenti indurre sofferenza nel lettore obbligato a sorbirsi nel testo un breve saggio di esegesi dell’ebraismo. Si pensi all’uso del termine kaddishim per "figli maschi": il riferimento è al kaddish, la preghiera che (in primo luogo) il figlio maschio è tenuto a recitare in onore del genitore defunto durante il primo anno dalla sua morte e a ogni anniversario (la desinenza im indica il plurale). Appare chiaro che una traduzione letterale è impossibile e che un’improbabile traslazione su un parallelo piano culturale potrebbe solo produrre confusione. In questo caso la scelta possibile è tra la censura del termine in traduzione e il mantenimento della parola originale non tradotta, con conseguente rimando a una nota o al glossario.
Quale criterio adottare nella scelta? Pragmaticamente sembra opportuno valutare il contesto in cui il termine venga utilizzato. Se il tenore espressivo è di medio livello, se cioè si può convenientemente supporre che l’utilizzazione sia relativamente neutra rispetto al registro comunicativo, è probabilmente lecito operare una "normalizzazione " traducendo – nel caso – con "figli maschi"; se invece il termine appare con una valenza in qualche modo aggressiva nel discorso, per un rimando umoristico o sarcastico, per esempio, alla tradizione, allora può essere più pportuno restituire almeno in parte, con il vocabolo originale, il colore dell’espressione, varcando la soglia – e soprattutto imponendo di farlo al lettore – del famigerato glossario.
Vi è poi un’ultima considerazione, che appare di non poca importanza e che potremmo definire "didattica". Se giusto il testo lo consente può convenire alla felicità della traduzione una certa disposizione all’accoglienza del lettore. Lo si lasci entrare un poco nell’ambiente e cominciare a familiarizzarsi con le stranezze di un mondo a lui estraneo, porgendoglielo con il minimo di difficoltà possibile, sarà l’autore il miglior complice della traduzione, in un percorso che potrà farsi via via tanto più impegnativo quanto affascinante.

¬ top of page


Iniziative
6 settembre 2018
Aperte le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398