Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

ROSALBA DE FILIPPIS (a cura di), Paura. Intellettuali e artisti sulle angosce del nostro tempo, Firenze, Edizioni della Meridiana, 2016, pp. 112, € 12,00.

La paura è un sentimento dominante del nostro tempo: sarà sufficiente aprire un giornale, accendere la televisione o frequentare i tanto discussi social network per capire l’aria pesante che talvolta si respira. Un clima di perenne incertezza che vede da un lato persone sempre più spaventate alla costante ricerca di un capro espiatorio (da leggersi anche nel senso girardiano del termine), e dall’altro una politica che fatica a dare risposte a queste (non più tanto) nuove ansie. Poco importa quali siano gli argomenti in questione: siano questi l’immigrazione, la crisi economica, la globalizzazione, il terrorismo o i cambiamenti climatici, ci sarà sempre chi farà di tutto per minimizzare o screditare i timori di coloro che vedono delle minacce in questioni come quelle sopracitate; mentre si farà strada anche chi, in maniera opposta, proverà ad amplificare le paure già insite nella popolazione, proponendo soluzioni semplici a problemi complessi, che meriterebbero approfondite discussioni e dibattiti meno sterili. Paura. Intellettuali e artisti e sulle angosce del nostro tempo prende il tema della paura e lo analizza, lo sviscera; dà voce a punti di vista che guardano il problema da molteplici angolazioni. Una prospettiva, ad esempio, è quella della malattia; qui, ne parlano Alessandro Moscè e Ezio Bosso. Il primo (poeta, scrittore e critico), nel suo intervento, racconta della rara forma di tumore che lo colpì in età preadolescenziale, che lo costrinse a incessanti cure; questo, nel momento in cui il suo punto di riferimento era il calciatore Giorgio Chinaglia: non un semplice idolo, ma un simbolo di vittoria e tenacia, figura alla quale Moscè ha dedicato anche il romanzo Il talento della malattia, dove la grave vicenda giovanile dell’autore incontra le gesta sportive di Chinaglia; dimostrazione che paura e malattia possono dar vita anche a opere letterarie, come avvenuto anche nei secoli addietro. Il noto musicista Ezio Bosso, affetto da SLA, risponde invece alle domande dell’avvocato civilista Luciano Marocco: non solo la malattia, ma anche il successo e la conoscenza di sé sono l’oggetto delle risposte di Bosso, il quale afferma che le angosce del nostro tempo siano da combattere con bellezza e conoscenza. Una tesi che sembra accomunare gran parte degli scritti presenti in Paura: «accudire ciò che siamo stati, studiarlo, promuoverlo in condivisione e onestà, è uno dei modi per combattere chi ci vuole niente» (p. 19), afferma Luca Nannipieri, anch’egli convinto che si debba sconfiggere la paura attraverso l’arte. Il saggista si concentra in particolar modo su ciò che compone i nostri paesi e le nostre città: è la Storia che deve essere difesa, in modo tale da tutelare anche noi stessi e la nostra memoria collettiva. Davide Rondoni, poeta, dal canto suo, prova a spiegare la paura con due suoi componimenti, concludendo che l’amore debba sempre venire prima della paura: ma quest’ultima deve essere comunque amata e rispettata. Libri, cultura e conoscenza sono anche protagonisti in Coltivare il re-incanto con leggerezza (pp. 93-95): l’esperta di marketing culturale Catterina Seia si rifà al concetto di leggerezza, di calviniana memoria, che non implica assolutamente la mancanza di profondità; cita poi il progetto “Cartesio” della cooperativa Arcobaleno, il quale accoglie «gli ultimi della fila dalle periferie esistenziali», ma pure tutti quei libri che altrimenti sarebbero destinati al macero. Tiziano Fratus, scrittore e poeta, definito «cercatore d’alberi», stimola il lettore al ritrovamento della consapevolezza del proprio essere nel mondo, a una pace che può essere cercata e trovata nella natura attorno a noi, anche in quella che sta a pochi passi da casa. La miglior letteratura per ragazzi è il fulcro del brano firmato dallo scrittore e giornalista Alessandro Zaccuri che, parlando di «paura come eccezione», parte dal Pinocchio di Collodi e dal personaggio dell’Omino di burro, colui che condurrà i ragazzi al Paese dei balocchi, il quale nasconde un animo spietato e malvagio dietro una maschera mansueta, al contrario dell’apparentemente temibile Mangiafoco. La morale è la seguente: è necessario esser capaci di riconoscere gli Omini di burro che intralciano il nostro cammino. Quello dell’antropologo Fabio Dei è un discorso molto articolato che parte da Zygmunt Bauman e Marc Augé; s’interroga sui legami tra paura e politica, sul perché il monopolio della paura sia troppo spesso in mano alla destra e sul perché la sinistra tenda spesso a prendere sottogamba le inquietudini del popolo; una tesi che sta bene insieme anche col breve saggio dell’urbanista Marco Romano, La città e la paura: passando per le utopie di Moore e Campanella, la fenomenologia della paura è spiegata per mezzo dello spazio urbano, di come questo sia cambiato negli anni e nei secoli e di come la modernità e la contemporaneità abbiano fallito nell’ambito della sicurezza, sfociando nella ghettizzazione degli ultimi, alimentando la paura senza contrastarla. Armando Punzo racconta la sua esperienza del teatro delle carceri, argomento assai discusso, più volte oggetto di narrazioni, servizi giornalistici e film (Cesare non deve morire dei Fratelli Taviani, 2012); il regista e drammaturgo parla del teatro come «uscita da sé»; sul palcoscenico, l’uomo può trasformarsi in qualcos’altro: «la mia eresia è credere nelle potenzialità trasformatrici dell’uomo» (p. 82). «Le paure si smantellano, in primo luogo, ascoltandole» (p. 15), scrive Rosalba de Filippis, presentando questo saggio a più mani come un testo rivolto ai giovani; a quei giovani che la curatrice e ideatrice del volume, in qualità di insegnante, guarda negli occhi ogni giorno, percependo prima dai loro volti, e poi dalle loro parole, la precarietà del presente e la poca fiducia nel domani: due elementi che già da soli possono scatenare le paure più disparate, rappresentativi, in questo caso, di una intera generazione, circondata da una realtà che, conclude sempre de Filippis, «esprime bisogni urgenti e domande che esigono risposte» (p. 16). Obiettivo del libro è dunque anche quello di provare a dare qualche risposta, talvolta suscitando anche qualche nuovo interrogativo, cercando di prendere in esame le varie forme che la paura può assumere, senza però ricondurre il discorso alla sola – e, ad ogni modo, imprescindibile – dimensione socio-politica.

(Marco Renzi)

¬ top of page


Iniziative
13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398