Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

FEDERICO SCARAMUCCIA, Canto del rivolgimento (1995-2015), Salerno, Oèdipus, 2016, pp. 79, € 11,50.

Il percorso poetico di Federico Scaramuccia, iniziato ufficialmente con la pubblicazione della raccolta di versi Ninfuga (2008) e proseguito con Incanto (2010) e Come una lacrima (2011), ha raggiunto il suo punto di arrivo – e dunque l’inizio di un nuovo tracciato – con il Canto del rivolgimento, opera matura che coniuga una ricerca formale, per non dire diacritica, della poesia, a un uso ricercato della parola, senza che questa ceda a forme patetiche, ‘innamorate’ o retoriche; anzi, nella sua complessità, il Canto di Scaramuccia è un flusso di leggerezza che attraversa senza soluzione di continuità le quattro sezioni (Il fiore inverso, Mire, Treppiedi, Il tempo in lotta) della silloge.
Una premessa: Scaramuccia, come tanti poeti contemporanei, è laureato in Lettere e ha un dottorato in Italianistica; la filologia, disciplina in cui si è specializzato, è parte integrante della sua attività di critico e torna, senza soffocare l’intenzione lirica, anche nella sua poesia. Come leggiamo nella nota che chiude il suo libro di versi, la «presenza di alcune varianti in questa edizione determina di fatto una equivalenza: entrambe le versioni, infatti, concorrono paritariamente al senso. Le note, invece, per nulla esplicative, sono da leggersi come una estensione del testo poetico. Questa, almeno, la volontà dell’autore» (p. 79). Questo sostrato ironico che soggiace all’intera struttura compositiva dell’opera deve essere letto secondo la sua etimologia greca: εìρωνεία, ‘dissimulazione’, ma soprattutto ‘finzione’; attraverso testo e autocommento Scaramuccia costruisce, decostruisce e riscrive nei suoi versi una storia di un soggetto che, come vuole il titolo del libro, si rivolge e ripensa continuamente, riflette metaletterariamente sulla tradizione lirica occidentale inaugurata dai Canti di Leopardi, sperimentando il potere descrittivo della poesia. La ‘finzione’ dell’io di Scaramuccia non segue paradigmi ipertrofici né relazionali. Le marche deittiche pronominali di prima persona singolare sono pressoché assenti – così come quelle spaziali e temporali – e anche quando compaiono non ricoprono un ruolo centrale nella struttura del testo, né sono spia di una postura (transitiva o intransitiva) dell’io. Al centro della raccolta ci sono gli «Uni», l’«universo dei divisi», una «molteplicità di clausure» (p. 14) che genera una pluralità di immagini che investe lo sguardo del soggetto e lo invita a descriverne e raccontarne la formazione, l’evoluzione e la presenza nel mondo. Benché le immagini del ‘rivolgimento’ siano materiali e creaturali («emergano i figli / nati nel parapiglia / dalla bile dei fratelli», p. 22; «da dentro un fiato stridulo / accanto alle orme lo scempio», p. 42), esse sono «mute al peso», «non rispondono alla gravità», alle leggi della fisica classica, e si muovono in uno spazio umbratile e anonimo («la piaga da gelo / irradia il verbo immondo / l’ombra dell’ombra dell’ombra», p. 34), la cui unica forma è dettata dalla lunghezza del verso, dalla struttura della stanza – che l’autore talvolta rompe a inizio sessione – e dal gioco di rime che ne accompagna il dettato lirico. Questa finzione non si articola secondo moduli narrativi, bensì attraverso una serie di immagini che racconta una storia, uno squarcio di mondo che l’io, nelle vesti di spettatore, osserva; egli trascrive una realtà meccanica che «si comprime» per il «lavoro» delle «parti», di una catena di montaggio che non lascia spazio all’espressione individuale e produce «scarti» di vita (p. 51), figure pronominali e impersonali («alcuni si sdraiano sciolti / alcuni stanno si stanno raccolti / alcuni camminano sempre», p. 52) che «respira[no] a fatica», «congela[no] e muoiono per sbaglio («il boia un po’ troppo agitato […] / di colpo poi piega sul secchio / perdendo la testa allorquando / capisce che è lui il condannato », p. 55). Come si legge nel titolo dell’ultima sezione, questo sforzo dell’io è il Tempo in lotta, una battaglia fisica e metafisica affinché la «nostra anima così fresca» possa «con calma rinnovarsi / restando alla rovescia / senza estinguersi senza consumarci» (p. 74); nel quarto tempo della raccolta, Scaramuccia «scopre l’abisso» (p. 72), indaga la «luce» e l’«ombra» (p. 66), il «cielo», la «terra» e il «fango» (p. 67) per inseguire in affanno una posa», un «attimo uno appena» (p. 69) in cui l’io possa dirsi ancora io.
Nella sua complessità, la raccolta raggiunge un (in)atteso equilibrio tra estetica e ricerca formale, aspetto, quest’ultimo, da non trascurare nell’ambito della produzione lirica dei ‘poeti laureati’ – cui il filologo-poeta Scaramuccia appartiene, – dato che (troppo) spesso l’orizzonte scientifico (dalla filosofia alla teoria della poesia) soverchia l’intenzione lirica di tanta poesia contemporanea; i versi di Scaramuccia creano uno spazio dove la poesia riesce a emergere in tutta la sua singolarità – estetica e formale – e il lettore è chiamato a partecipare attivamente all’evento lirico costruito dal poeta. Si tratta, come detto, di un nuovo tracciato, di una poetica in fieri che Scaramuccia sta tuttora sperimentando e che necessita di ulteriori prove – forse anche sul piano della prosa – per raggiungere una sua forma compiuta.

(Alberto Comparini)

¬ top of page


Iniziative
8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398