Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

KAREL HYNEK MÁCHA, Maggio, a cura di Annalisa Cosentino, traduzione di Alessandra Mura, Venezia, Marsilio, 2013, pp. 116, € 12,00.

in: Semicerchio LI (2014/2) Per Seamus Heaney, pp. 97 - 98



A lungo si è fatta attendere la riedizione di Maggio, ottocentesco capolavoro poetico della letteratura ceca, testo con cui ogni verseggiatore di questa tradizione è chiamato a confrontarsi, opera su cui ancora oggi convergono infiniti vettori di rimandi, contrapposizioni, citazioni e burle provenienti da ogni campo della vita culturale ceca, dall’arte letteraria a quella figurativa, dal teatro e dal cinema fino alla danza. Può quindi risultare paradossale lo scarto tra l’indiscussa centralità di questo poemetto, tanto breve quanto denso di immagini, temi e suggestioni, e la sua evidente difficoltà nel trovare spazio all’interno del panorama italiano, per altri aspetti così attento a una letteratura, quella boema, di cui ha imparato a cogliere e apprezzare una vasta pluralità di spunti. A colmare finalmente questo vuoto è l’iniziativa editoriale di Marsilio, che nel 2013 sceglie proprio questo titolo per inaugurare la collana di classici centroeuropei ‘Gli Anemoni’, concedendo spazio e nuova voce alla sventurata storia d’amore tra Jarmila e Vilém, il brigante condannato al patibolo per un omicidio che assume la forma di una duplice vendetta. Il seduttore della fanciulla è infatti il padre dell’amato, colpevole di avere scacciato il figlio di casa, costringendolo a rifugiarsi nei boschi, in quella natura che è teatro di delitti e incontri amorosi, testimone impassibile di passione e di morte.
Proporre a un ampio pubblico un’opera pressoché sconosciuta di poesia romantica straniera può apparire oggi un rischio audace, se non addirittura un capriccio dei cultori della materia. Certo, se Karel Hynek Mácha (1810-1836) fosse davvero il giovane eroe dal tragico destino che il mito dipinge, e se Maggio fosse il frutto di un particolarismo culturale, o la semplice rielaborazione di un modello invalso, veicolato magari da un linguaggio aulico e da una retorica di stampo patriottico, sarebbe più che lecito sospettare della validità del suggerimento. Né Mácha né Maggio, però, corrispondono a queste rappresentazioni. L’indagine sull’autore rivela non solo una personalità complessa, a lungo oggetto di disquisizioni di carattere psicanalitico, ma anche una vasta formazione letteraria e una certa riluttanza a piegarsi alle rivendicazioni nazionalistiche dell’epoca. Il poema stesso si apre con una dedica solo all’apparenza conforme allo spirito risorgimentale («Il popolo ceco è un popolo buono»), e più probabilmente carica di uno spiccato accento ironico, ancora più evidente nella sua discordanza rispetto ai versi successivi, eleganti, armoniosi e al contempo struggenti, appassionati. Sullo sfondo di una natura a tratti soave e ad altri cupa, tra specchi d’acqua lucenti, precipizi e vette ricoperte di rigogliosa vegetazione, Maggio non celebra quindi l’amore di patria, ma l’amore cosmico, che trascende l’esperienza individuale per sfumare nell’infinito, eterno come il nulla, come l’ultimo sonno, come l’incessante riproporsi di un’esuberante primavera. Nei quattro canti di cui è composta l’opera si assiste a un crescendo della tensione che, attraverso il suicidio di Jarmila e la tormentata veglia di Vilém, culmina con l’esecuzione del prigioniero, con il suo definitivo congedo dalla vita, dalla terra natia, da un amore di cui il poeta potrà solo cogliere l’eredità, entrando con il suo alter ego, il viandante Hynek, sulla scena del canto finale. Il flusso della narrazione poetica è inoltre scandito da due intermezzi di carattere corale, in cui intervengono prima gli spiriti del cimitero, in attesa di accogliere un nuovo seppellito, poi i briganti, rimasti orfani del proprio condottiero. Così orchestrata, la drammatica vicenda degli infelici amanti prende vita attraverso affascinanti visioni simboliche, sostenuta dalla forza musicale del verso prevalentemente giambico, fresco e moderno nel suo superamento della più naturale tendenza trocaica della lingua ceca. Ne deriva uno slancio creativo atipico, una genuina spinta innovatrice capace di sostituire al tentativo preromantico di ricerca e affermazione dell’elemento nazionale la piena espressione di una poetica originale, in grado di misurarsi con le altre tradizioni europee.
Se in Italia la prima pubblicazione integrale dei diari intimi, e particolarmente scottanti, dell’autore (Un poeta romantico ceco. Prose autobiografiche di K. H. Mácha a cura di Alena Wildová Tosi, Venezia, 1976) aveva attirato l’attenzione sulla figura enigmatica di Mácha in quanto ‘uomo lacerato’, l’ultima versione italiana di Maggio, la sua opera fondamentale, risaliva ancora al 1950. La complessità del testo, con il suo fittissimo tessuto fonico impiantato su una struttura di coraggiose scelte prosodiche, ha forse contribuito a frenare l’impeto traduttivo, ma, d’altro canto, non ha mai cessato di ammaliare coloro che si sono potuti accostare alla tragica storia di Vilém e Jarmila, condensata in questi versi dall’incredibile potenza lirica. L’efficacia delle figure simboliche e il ritmo sapientemente calibrato accompagnano il lettore in una narrazione che apre alla meditazione filosofica, ovvero al 98 LI 02/2014 Rassegna di poesia internazionale Poesia greca dissolversi della vita umana nell’ineluttabile contemplazione del vuoto, unica dimensione in cui amore e morte finiscono per congiungersi. «Il teschio ghignante di Mácha, cantore dell’‘eterno nulla’ e delle girandole della natura fantasima e dell’implacabile fuga delle cose terrene, si colloca accanto alle teste nocchiute delle statue di santi barocche», osserva nel suo Praga Magica Angelo Maria Ripellino (Torino 1973), individuando nel turbinio di particolari macabri la chiara ascendenza seicentesca di queste immagini così nettamente contrastanti con la gioiosa vitalità trasmessa dalla natura primaverile. Per quanto indifferente alle vicende umane, il maggio che ciclicamente torna a riaffermare la propria bellezza non si mostra mai crudele nei confronti dei mortali, che godono, anzi, del suo piacevole tocco, capace di impreziosire i fuggevoli istanti di un’esistenza transitoria. Mentre la traiettoria della vita di ogni individuo è segnata, diretta verso il declino, l’infinito reiterarsi delle stagioni scorta la memoria umana nella rievocazione del passato, come avviene per il poeta, pellegrino nella sua stessa opera, giunto sulla collina che ha visto anni prima l’esecuzione di Vilém, «terrore dei boschi». E così come nel mondo il risveglio della natura si ripete senza sosta, nel poema ritornano, in più forme e variazioni, i versi dell’incipit, in assoluto i più celebri della storia letteraria ceca: «È tarda sera – il primo di maggio – / una sera di maggio – tempo d’amore. / Chiama all’amore un canto di tortora, / là dove i pini profumano il bosco». Oltre a scandire la successione dei canti, collegando tra loro i diversi momenti del racconto, queste varianti dei più noti versi máchiani hanno ispirato studi linguistici e letterari di grandissimo pregio, su tutti il saggio di Roman Jakobson Il verso di Mácha sul richiamo della tortora (1960).
Sull’approccio strutturalista a Maggio e sull’eredità máchiana accolta dal surrealismo ceco si sofferma l’introduzione di Annalisa Cosentino in una rassegna storica sulla ricezione e interpretazione del poema che lascia intravedere la portata monumentale della letteratura critica sull’opera. Il saggio della curatrice, che sulla simbologia dei colori ricama un’inedita analisi stilistica di Maggio, informa inoltre il lettore sugli elementi che inevitabilmente vanno persi nella trasposizione in italiano, per esempio gli echi trasmessi dai nomi dei personaggi e il gioco di richiami che essi innescano, coinvolgendo i nuclei fondamentali della riflessione dell’autore: amore, colpa, morte. Puntando sulla spontanea musicalità di una lingua viva, epurata dall’uso di rime ritrite, termini aulici e ritmi estranei alla tradizione poetica italiana, la traduzione di Alessandra Mura risponde all’innovazione ceca del giambo máchiano con l’utilizzo preferenziale dell’endecasillabo sciolto, arricchito da un folto intreccio di allitterazioni, paronomasie e assonanze («E se non fu mia volontà di compiere / quell’atto, perché devo morire / di morte orrenda, precoce, eterna? / Ora e in eterno – Eterna – l’ora –»). Mentre in questa trama di suoni e colori si ravviva e si rinnova il paesaggio romantico boemo, ornato da riflessi alpini e veneziani raccolti dal poeta nel suo peregrinare, con il fine volumetto di Marsilio torna a fiorire, dopo un lungo inverno, un nuovo Maggio italiano.

(Eleonora Bentivogli)

¬ top of page


Iniziative
22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

27 ottobre 2020
Recensibili 2020

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398