Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

GUIDO MONTI, Fa freddo nella storia, Azzate, Stampa 2009, 2014, pp. 74, € 12,00.


Si esce dalla prima lettura del nuovo libro di Guido Monti (che è quella che conta, le nuove approfondendo l’emozione metrica) con la convinzione lieta del suo valore; la lingua di questa ‘cronica’, quasi una cronica di Bologna, come nella poesia Osteria del sole: «noi traversando del novecento ultimo di Bologna / questo suo concorde concènto di finissima civiltà / di uomo su uomo arrangiata, come sonata sul riso», si sgrana nella forma del canzoniere epicizzante, con prudente scioltezza, dal surplace alla corsa veloce, dalle liriche narranti e figurate agli scioltissimi poemetti finali, sui miti personali, poetici e ciclistici, letterari e paterni. Sembra un libro sui padri, anche, sul loro caldo cappotto, sulla nostra storia gelata, sopra le nostre fragili spalle di postumi novecenteschi: Scalia, Caproni, Giudici, i pittori concreti, da Morandi a Rosai, gli amici scrittori da Bertoni a Cucchi, i campioni sportivi del suo mito, da Bartali a Saronni, il guerriero dalle bande nere; lentamente la lirica privata e la memoria ossessionata dalla sparizione dei testimoni, si sfilano verso l’epica del personaggio che prende il posto dell’autore lirico. Il realismo, secondo Pasternak, è questo oltrepassamento dell’indirizzo letterario, della corrente precostituita, non essendo invece forse nient’altro che «un grado di artisticità, il livello più alto della precisione di un autore»; precisi sono i contorni di questo cinema evocativo, preciso il lessico del paesaggio emiliano, la compresenza dei suoi tempi storici, l’evocazione «dell’era dell’ultra capitale», che ci perseguita senza posa, e del mondo medievale e contadino, con la fitta memoriale dell’infanzia, inerme e pugnace. Giovanni, Elda, Francesca, il Marco sparito di Berlino, il prete del dialogo del «Temp…», con le proiezioni nobili dei campioni e degli artisti, sono figure buone e memorabili, che l’incalzante finale riconvoca alla ‘sparizione scongiurata’, nel personaggio del poeta Giovanni forse Giudici, disorientato e veridico, allegoria delle voci interiori in subbuglio; e poi la metrica, si direbbe roversiana, doppio settenario o doppio ottonario, esametro con sei accenti forti, che vira la lirica in poema. Si apprezza quindi il lavoro che Monti ha compiuto forse in dialogo con altri autori anche sul versante stilistico. Non c’è più quella frase slentata, troppo prosa-prosa, troppo lunga, come a volte accade nella plaquette del 2008 Eri Bartali nel gioco o troppo franta come ricordo in Millenario inverno, ma una forma (che Cucchi nella nota introduttiva chiama «materica», originale), e che forse poi tanto originale non è, se l’impeto dell’esametro, come si accennava, pare ricomporre una metrica barbara e carducciana, profondamente radicata nella tradizione emiliana, fino a Delfini, se non ci sbagliamo; irregolare, ma non troppo, se si conta sempre una costante di sedici sillabe, quindici, diciotto, in cui ballano i sottomultipli degli emistichi ‘barbarici’, settenario, ottonario, novenario, liberamente combinati per il flusso, a nostro avviso, filmico, sempre da inquadratura o piano-sequenza, passeggiata per l’audio, incontro, memoria scolpita come in Vite (Bartali vs Bobet): «e Bartali ce l’hai sempre in testa? nel gioco di gambe / te l’ho mimato, alzava la testa solo per guardare il cielo come quella volta sul Mont Ventoux». Questa forma metrica insomma pare il vero mito e il racconto dello spasmo memoriale, che si fa durata: una gran tappa, vinta, con tutti gli applausi del caso.


(Gianni D’Elia)

¬ top of page


Iniziative
8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398