Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

DOMENICO CIPRIANO, Novembre, Transeuropa edizioni, coll. Inaudita (con allegato il CD Ultimo volo. Orazione civile per Ustica di Pippo Pollina), 2010, pp. 40, € 15,00.

       
          Novembre
segue di quasi un decennio
la prima raccolta di Cipriano (Il continente perso, 2001) ed esce nell’anno del 30° anniversario del terremoto in Irpinia (23- 11-1980). Aveva 10 anni all’epoca l’autore, nato nel 1970 a Guardia Lombardi (AV), che va così ad inserirsi nell’ambito del filone della poesia civile irpina, come argomenta nella prefazione il noto latinista Antonio La Penna, suo conterraneo. Trent’anni di distanza dall’evento, ma il ricordo del sisma è certo ancora molto vivo e forte è l’esigenza di testimoniare una ricostruzione solo esterna, denunciare quella ferita non rimarginata: «la morte ha soggiornato per anni / ora le nostre case hanno bisogno / di respiri, abbandonate come sono / al silenzio. abbiamo traslocato / i nostri corpi e lasciato solo / le crepe nude delle rughe / a vegliare sulla piazza», dare voce a tutti coloro che come «formiche disorientate» hanno dovuto convivere con la distruzione «stampati / su giornali ammuffiti», l’instabilità tra «i volti tumefatti delle cose» e con tutta la sfiducia di quando «sopra i morti / crescono case bianche e vuote, tutte uguali», perché «i progetti sono nelle fabbriche che salderanno / la terra. ma le crepe non sono nella terra». Da qui la scelta di una poesia corale, tragica e quasi epica del giovane poeta irpino, condotta con uno stile robusto, espressionistico e allo stesso tempo misurato, rinforzato dall’uso frequente di rime, assonanze e allitterazioni (specialmente efficaci nel rendere la ritmica colluttazione storica, ma anche primigenia, dell’uomo con la terra al momento del sisma: «… è un fiotto la terra che lotta, sussulta, avviluppa. confonde / la terra che affonda, ti rende sua onda, presente a ogni lato / soffoca il fiato, ti afferra, collutta, si sbatte, si spacca, ti vuole / e combatti, chiede il contatto, ti attacca, ti abbatte…») e avvalorato da una sua personale struttura ‘architettonica’ che, se regolarizza e in parte raffredda una materia incandescente e ricca di pathos, eppure risponde ad un bisogno interiore: già negli ‘occhi’ di Domenico, bambino cresciuto in fretta in quei pochi giorni di emergenza, si manifesta la propositiva rivalsa del ricreare («cercavo di ricostruire già le case / con le graste dure delle tegole: iniziavo / a sfidare la presenza della terra mentre / altrove si scavava e nella terra si moriva»). E forse non a caso queste brevi composizioni prendono anche visivamente la forma quasi di mattoni, compatti rettangoli chiusi su se stessi, ma con l’assenza di maiuscole come a ribadire la continuità di catena, il tempo al presente. Del resto tutta l’opera sembra basata su una precisa simbologia sia numerica che rievocativa. Come avverte la Nota a fine libro, «per ricordare diventano ossessivi i numeri», quasi in cerca di punti fermi: dopo l’introduzione di 11 versi (11, il mese di novembre, già di per sé mese dei morti), 23 in tutto sono le poesie (il giorno 23), ognuna di 7 versi, più un prologo di 34 (le 7.34, ora del terremoto); alla ‘parola’ fanno riferimento, circolarmente, sia l’introduzione che la conclusione; mentre la «guida all’ascolto musicale» suggerisce di leggere questi versi sulle note della lenta Blood di Annette Peacock, e significativamente ‘sangue’ è anche l’immagine d’inizio della prima poesia («trema la terra, le vene hanno sangue che geme e ti riempie ») ed è poi pure presente nell’episodio in cui un generoso carcerato tampona la ferita di un compagno strappandosi il pigiama: sangue anche come difesa e resistenza, segno di forza attiva della popolazione e dei volontari in mezzo allo sciacallaggio dei profittatori e all’incapacità di gestire i soccorsi da parte delle autorità. Oltre al sangue, c’è la terra, da madre a forza ostile. Permane ancora sotto ai piedi un senso di vuoto fisico e insieme metafisico: «siamo stati separati / dalla terra per un solo / istante e la terra / ci ha ripresi dimezzati», un tradimento ai danni sia dei morti che dei vivi, un patto spezzato con la natura che, in risposta alla ‘farsa’ celebrativa della memoria da parte dei media e al vuoto politico ed istituzionale, chiede ancora giustizia: sono state cancellati non solo gli edifici ma anche i confini e le categorie spazio-temporali, così anni di distanza equivalgono a un attimo di scossa, nel tempo liquido e mai concluso dell’universo tragico. L’esperienza del terremoto è un grado zero, confine di non ritorno, che si fa condizione di identità sospesa e indifesa, rubata, precaria, ridotta ai minimi termini, ai non-luoghi («Non c’è più sorpresa / tranne i pacchi arrivati con gli aiuti, la carne / in scatola il latte le pretese. Il fumo ci consuma / gli occhi ora che il camino sbocca nella casa / e crescono ammassati villaggi di container»), scenario di macerie illuminate dalla luna in cui quella sera potrebbe essere ogni sera («questa sera ceniamo con la morte, così ogni notte / ci riuniamo e guardiamo le pietre non ancora scosse / la terra senza volto arresa…») eppure non è l’ultima sera: «poi tutto si ricompone stringendosi / ai residui della vita» e nel prologo finale sembra a fatica aprirsi uno spiraglio alla possibilità, forse l’unica, della «parola cinica / risorta »: «cerchiamo nel trauma / della memoria / di riunirci alla storia», «ricontiamo ossessivi / i visi cancellati / ma si rinasce nella vita che cresce…».

(Caterina Bigazzi)

¬ top of page


Iniziative
26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398