Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

ROSARIA LO RUSSO, Crolli, Firenze, Le Lettere, 2012, pp. 64, € 15,00.


           Al talento espressivo di marca plurilinguistica e accumulativa che da sempre caratterizza la scrittura poetica di Rosaria Lo Russo, nessuna area tematica quanto quella prescelta in quest’ultimo libro potrebbe essere più congeniale. Allegoria e catalogo del disfacimento contemporaneo delle forme, dei linguaggi, dei paesaggi, ma persino dei corpi e dei luoghi deputati all’abitare, Crolli propone un discorso che è insieme privato e pubblico, esistenziale e civico, metalinguistico e referenziale. Il percorso poetico si organizza associativamente in base a una metafora centrale: quella della casa-corpo, guscio e scrigno tarlato da un processo di inesorabile disgregazione, ma animato da un intensissimo sussulto linguistico di vitalità, come in un’agonia che è di per sé tema e significato: «Le cose còlte sul fatto impertinente, da lato, / imperturbabili espongono penombre e pieghe / incrinate come rughe d’espressione. / Le crepe simmetricamente segnalano / rischi di selvatiche estinzioni o caducei / fulminanti peritoniti d’intonaco» (p. 14). Nel segno dell’interscambiabilità tra organico e inorganico, se da una parte gli oggetti sono forzati entro un’animazione quasi surrealista («Le cose, gelosamente asseverate, si vendicano / dei subitanei spostamenti spalancando / corolle maniglie come gli occhi invasati / degli innocenti», p. 8), dall’altra il trattamento del corpo è espressionisticamente declinato in termini di grottesca cosificazione, di deformante resa inorganica («Scivola lentamente anche il cuore / sciogliendosi come gesso fra dita sudate », p. 39). Il crollo riguarda luoghi, corpi, lingua, oggetti che specularmente sconfinano in reciproche deflagrazioni. Il disfacimento corporeo è reso in una diffusa, funambolica e minuziosa sintomatologia patologica, che computa, ad esempio, il «clangore d’ossa sinistre in riassetto» (p. 16), gli «occhi pieni di terra» (p. 17) o gli «occhi crepanti» (p. 13), la «demolizione maxillo-/ facciale» (p. 18), il «maxingorgo biliare» (p. 16). Mediante una palese disseminazione di isotopie foniche (particolarmente ricorrente il gruppo consonantico –CR nelle due parole tematiche crolli e crepe), il testo della Lo Russo percorre la via più propriamente poetica dell’associazione e della polivalenza semantica: crepe è ad esempio il segno di un’incrinazione che prelude al crollo, ma anche una voce del verbo crepare, che conduce la semantica della morte al centro di questa rapsodia poetica. Ne è prova il fatto che i topoi della polvere e della cenere ritornino insistentemente nella raccolta, divenendo centrali nell’ultima poesia, che chiude il libro come un riepilogo, dedicata ai terremotati dell’Emilia, in cui, nella casa minacciata dal crollo, le «donne morte», «le nostre parche domestiche, le nostre / Aracni arcane», «sono diventate la polvere che si annida negli angoli» (pp. 59-60). Il crollo rappresentato nel testo è azione processuale, segno culturale e collettivo di una decadenza che non lascia scampo ma che insieme chiede la pazienza e l’intelligenza del suo inconcluso procedere. La parola moltiplicativa e tracimante del testo riesce a rendere esattamente proprio questa tensione in atto, l’accadere progressivo e infinito del crollo, l’entropia centrifuga del caos che sembra non giungere ad alcun compimento (e si veda, ad esempio, una prosa che segue la lenta caduta di due pattinatori sul ghiaccio, quasi mimandone cineticamente in parole il virtuosismo ginnico, pp. 29-30). La mimesi del caos si fa linguaggio, ne segnala la deriva attraverso il riuso parodico degli standard linguistici, dei tic comunicativi, delle icone linguistiche contemporanee: «Mi rigoverno vomici spaventi, anse di tumulti al cardias / sospendono il respiro cedendo al righello prospetto di un / ripristino di risiko ad alto rischio, allarme rosso, / fusti barbuti cannicci marci, caste scialbe al governo» (p. 10). Il discorso civile che – sempre in parallelo alla ricognizione interiore – questo libro propone, come nella migliore tradizione espressionista si serve delle armi della citazione deformante e parodica («dottor Divago», «polvere alla polvere», «faccetta rossa, faccetta nera», «lardo che colonna», «mammaliturchi », «sconto di civiltà», «ponzipilati») di un mondo visto sullo schermo televisivo e ascoltato come in una delirante allucinazione uditiva, che arriva dunque già frantumato e straniato dalla realtà. Cosicché il disordine del mondo si manifesta in una lingua deprivata di forma e di significato: «Poi ci rubano – rimetta – l’antica lingua / disseminando babilonie come scrollassero di dosso / torri babelliche che confuse sparigliano» (p. 9). L’indignatio civile, che è sicuramente una dimensione essenziale di questo libro, ha però come suo carattere precipuo l’essere sempre condotta da un punto di vista interno, e la voce che denuncia i ‘crolli’ del reale sembra nascere dal buio e dal caos delle sue stesse rovine, rotta e alterata dai sommovimenti tellurici di una qualche apocalisse, come in un profetismo furioso ma al contempo dolente, mai esente da una intensa partecipazione a questa drammatica entropia. Un io rappresentato nel testo come punto percettivo e prospettico del crollo in atto, «risibile missionaria ripudiata / dall’irresistibile ascesa di una borghesia / come dalla borghesia in rapida discesa» (p. 14). Lo stesso linguaggio poetico non sembra perciò ambire a salvare alcunché né a rinvenire senso, ma si dedica invece ad amplificare i crolli in cerchi concentrici e autoproliferanti. È questo tono ossimorico di desistenza indomita, di furibonda resa, a caratterizzare il libro e a definire una nuova misura espressiva più matura, in cui il gioco linguistico non è mai fine a se stesso ma sempre profondamente necessitato, poiché la tensione linguistica è argine e parte insieme di questa drammaturgia del caos. La lingua poetica che si incarica di rappresentare il crollo, registra e misura nel proprio agire la propria stessa caduta e inanità, tanto che in alcuni testi, che potrebbero forse indicare una nuova direzione nella poesia della Lo Russo, il fondamento fonico del dettato è come disciplinato da un sentore di dolente autenticità e da una qualche riassunzione di movenze liriche. Si pensi ad esempio all’intensa elegia Le parole e le cose, che della lingua e della poesia racconta l’impotenza, la deriva di silenzio di fronte alla morte, all’assenza, al dolore («Scrivere una poesia sulla tua morte è vietato // Questa non è una poesia / È una pagina strappata di diario»). Ma anche alla misura espressiva più pacata e riflessiva di testi che raccontano la scomparsa del paesaggio e dell’ethos dell’infanzia: «Sulla fiumara secca si deposita una melma / di fogna […] / l’odore di liquerizia e mentuccia è quasi ovunque / sparito e comunque non trasmette più un mito, anche dove / si annida, dell’infanzia, la mistica eolica di quando / andavo su e giù in bicicletta a rubare fiori di zucca / e more, estorto, disdetto, fine della mia campagna» (p. 23). Come se il passato opponesse al crollo e alla degradazione del presente una strenua resistenza, e lo spazio memoriale lottasse per conservare una propria essenziale autenticità che si traduce in testi di misura e di tono più classici e pacati: «Odore di pomodoro cotto, nauseabondo / odore di casa-famiglia. Quand’ero figlia / non concepivo di mangiare in rosso alla mensa / dei poveri ricordo in bianco il mio pasto. Di me / che dietro occhialini di ferro imbambolavo / su una pasta scotta, resta un’automa o sindone, / in questo tempo in cui il ricordo non conta» (p. 37). (C.V.)

¬ top of page


Iniziative
15 ottobre 2022
Hodoeporica al Salon de la Revue di Parigi

19 settembre 2022
Poeti di "Semicerchio" presentano l'antologia ANIMALIA

13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398