Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

GIULIO MARZAIOLI, Quattro fasi, Roma, La Camera Verde, 2012, pp. 28, € 20,00.


          Leggendo queste Quattro fasi, viene da dire che quella di Giulio Marzaioli è una scrittura eminentemente progettuale. È questo, infatti, il dato essenziale del suo fare poetico, il quale si sviluppa su progetti ben delimitati, circostanza che spiega in parte una certa identità multipla di tale scrittura, non immediatamente riconducibile a un centro unico, a uno stile univoco. Si tratta comunque di un dato che rende i libri di Marzaioli per alcuni aspetti ‘necessari’, nel senso che ciascuna uscita editoriale non si presenta come una pura e semplice silloge oppure quale sintesi del cammino compiuto fino a un punto determinato nel tempo, bensì come opera compiuta, frutto di un progetto fortemente predeterminato, non tanto nel télos, quanto soprattutto nelle condizioni di realizzazione dell’opera. Il progetto pluriennale delle Fasi, avviato nel 2010 e articolato appunto in quattro tappe, conduce, all’ingrosso, una ricerca dell’identità, sia della persona che del testo medesimo. È opportuno avvertire subito che tale ricerca non ha alcunché di autobiografico, anzi tende a interessare una dimensione plurivoca e collettiva della personalità (chi vive e lavora in un quotidiano chiuso), oltre che la dimensione testuale, giacché, come si diceva, il testo concluso è contraddistinto da modalità di scrittura nettamente diversificate, al punto che una delle fasi esce dalla pagina scritta e si avvale di un video. In quest’ultima circostanza sono racchiuse numerose componenti fondamentali della scrittura di Marzaioli: prima di tutto, l’opera non esibisce connotati autoriali ‘forti’, giacché nasce dal contributo di altri soggetti oltre a colui che la progetta e la firma (per esempio Gaia Rinaldelli e Michele Zaffarano, indispensabili per la realizzazione della Fusione di terza fase, rispettivamente per le analisi di linguistica computazionale e per le riprese e il montaggio del video); in seconda istanza l’intero insieme testuale si può leggere ricorrendo alla nozione di installazione verbale. Si tratta infatti di un dispositivo non concepito per una lettura lineare del testo poetico: esso presenta numerosi punti di accesso e, parimenti, numerose modalità di organizzazione del testo. Davanti alle pagine che contengono la Fusione di terza fase, dove rinveniamo alcuni grafici e una sorta di muro composto di vocaboli, risulta difficile immaginare di disporsi secondo la medesima postura mentale con cui si affrontano i versi tradizionali, comunque siano declinati. Entrano quindi in gioco altri fattori percettivi, come ci accade, appunto, davanti a una scultura e a una installazione, che consentono di girar loro attorno e di contemplare l’integrazione o la discontinuità delle parti. Vediamo più da vicino come si è realizzato il progetto Quattro fasi. Nei Moduli di prima fase si espone, per così dire, il tema (non il contenuto; il termine tema vale anche in chiave musicale), attorno al quale si impernia l’intera operazione: l’identità. L’input è generato dallo smarrimento di un badge, dal quale scaturisce una sorta di riflessione su un altro elemento consustanziale alla scrittura di Marzaioli, quello del lavoro, già presente in testi precedenti (per esempio in Cavare marmo). Ed ecco il succedersi di una continua opposizione tra «dentro» e «fuori», nella quale il primo termine si riferisce all’«acquario» o al «vetro », figure traslate dell’universo chiuso e claustrofobico della nostra vita lavorativa e non (l’ufficio, il quotidiano), da cui non si riesce a uscire. Dimensione chiusa allusa forse anche dalla forma quadrangolare dei moduli, dal disporsi del testo secondo un andamento geometrico-spaziale non immediatamente riconoscibile come metrico. E così la ricostruzione dell’identità della persona – non, si badi bene, dell’autore – procede in parallelo con la costruzione o ricostruzione di un testo per via modulare, appunto (tipico di questa scrittura è infatti l’uso delle ripetizioni). Al tentativo di aprire un varco, di forzare quella dimensione chiusa ed elaborare una via d’uscita, rispondono le Voci di seconda fase, il passaggio maggiormente corale dell’intero progetto. Qui sono rimodulate numerose voci intervistate e registrate dall’autore, le quali propongono le più svariate prospettive di fuga, quali che siano, «Ma facendo ciò che piace». Nondimeno, alla complessità corale dell’opera fornisce il proprio contributo anche l’uso della linguistica computazionale, cui l’autore fa ricorso nella terza fase, rappresentata da un video che rielabora a sua volta, ex machina, i Moduli. Di questa operazione nel volume restano ‘solamente’ la spiegazione del procedimento, i relativi grafici e l’insieme dei lemmi che vanno a comporre la «partitura verbale», sulla quale si innestano poi alcune delle Voci; di qui, appunto, la «fusione». Questa terza fase è alquanto emblematica delle modalità operative di Marzaioli: spesso la scrittura, il testo, rimandano a qualcosa che sta fuori dal testo medesimo, a un altro da sé. Si instaura così un fitto dialogo intermediale che fa esondare la parola scritta dalla pagina e la conduce altrove, in particolare verso l’immagine, sia fotografica che video. Alla Sintesi di quarta fase, da ultimo, il compito di trarre le somme, di individuare nella memoria il fondamento, ancorché minimo, dell’identità individuale: mi ricordo dunque sono. «per ciascuno una somma di ricordi / il ricordo mancante è la memoria / una misura attendibile della propria identità», sono questi i tre enunciati con i quali si chiude l’intera opera. Si chiude e si compie, giacché quella delle Fasi è una scrittura fortemente concettuale, se così si può dire, legata non solo e non tanto al mero dato testuale, ma anche e soprattutto al concretizzarsi di un intero progetto. E dunque al vocabolo fasi si può attribuire tanto l’accezione strettamente referenziale – sono appunto le fasi (steps) di un lavoro, detengono un senso cronologico o spaziale – tanto quella etimologica. Secondo l’etimo greco, fase è infatti ciò che si manifesta all’occhio (dal greco φαivνω: apparire), come si trattasse di una immagine fisica del tempo: il tempo visualizzato nello spazio. E fasi, infine, sono anche gli stati di aggregazione della materia, che qui, per estensione, si configurano come il manifestarsi di un’identità. Le Quattro fasi, in fondo, si possono leggere come una lunga indagine sull’esperienza del soggetto nell’epoca, e negli spazi, della disidentificazione, primo dei quali, ovviamente, è quello del lavoro. Ed ecco perché, infine, il progetto che vi si realizza è evidentemente politico.

(Massimiliano Manganelli)

¬ top of page


Iniziative
13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398