Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

FEDERICO ITALIANO, Habitat, Roma, Elliot, 2020, pp. 90, euro 14,50.

 

Tra le voci più originali e sorprendenti della poesia italiana degli ultimi vent'anni (una scelta rappresentativa del suo lavoro si può leggere nell'auto-antologia Un esilio perfetto, pubblicata da Feltrinelli nel 2015), Federico Italiano tocca con Habitat la piena maturità del suo percorso autoriale, del resto segnato da una costante tenuta tonale e formale. Il soggetto poetante (ma attenzione:  Italiano è tra quanti lavorano per una de-soggettivizzazione dell'io) torna a vestire i panni dell'esploratore, in parte avventuriero in parte scienziato, impegnato a scandagliare una cartografia emotiva in cui i luoghi dell'infanzia (l'Ovest Ticino) e gli ambienti usuali, domestici, si intrecciano con distese artiche e plaghe desertiche, la quotidianità familiare con accese fantasie di ere remote e dimensioni altre. La scrittura in versi si offre come uno strumento sensibilissimo per mappare un gran numero di habitat esistiti, esistenti o soltanto fantasticati e studiare le entità – si tratti di donne, uomini, maestosi rapaci o umili arbusti, a comprendere persino la materia inerte – che li abitano. Nel continuo, fisiologico rimescolarsi dei fenomeni, ogni forma di vita costruisce il proprio spazio di presenza nel segmento di mondo che le è dato, ciascuna è condizionata dall'ambiente e cerca di reagire a tale condizionamento elaborando strategie per orientarsi, restare, prevalere. Il metodo nigeriano per vincere a Scrabble è da questo punto di vista un componimento esemplare del lucido ma non distaccato impulso analitico che muove la penna di Italiano, nonché un acuto testo di riflessione metalinguistica (con accenti wittgensteiniani).

            La scelta di suddividere la silloge in cinque sezioni numerate pare rispondere più al coagularsi di alcuni motivi esemplari che a una rigida partizione cronologica o per argomenti. Mentre le liriche incipitarie rinviano soprattutto alle dimensioni dell'infanzia e del privato (segnalo in particolare il trittico Corpo d'acqua, tra i testi di questi anni destinati a restare), il secondo e il terzo segmento sono centrati sull'osservazione di esistenze, organiche e non, colte nella loro naturalissima estraneità (o impossibile dimestichezza) rispetto al luogo in cui si trovano. Merita di essere qui ricordata la sequenza Frammenti di una guerra, cui è assegnato un posto centrale nella raccolta:si tratta di un'escursione visionaria in sinistri paesaggi apocalittici la cui portata può essere meglio compresa se raffrontata con le opere di altri autori della stessa generazione di Italiano (penso soprattutto al Paolo Maccari di Fuoco amico e Contromosse). Nella zona conclusiva del volume si trovano la quarta sezione, più propriamente letteraria (con testi scritti in risposta a brani poetici del passato), e la quinta, dalla netta curvatura malinconica, imperniata su oggetti che richiamano alla mente ricordi più o meno brucianti. Dominano questa poesia, sotto la cui superficie apparentemente quieta si agita un implacabile furor magico-istintuale, atmosfere ora minimali, rarefatte, ora vertiginose e inquietanti; presagi e fantasticazioni vi allignano sovrapponendosi alla registrazione dei dettagli d'ogni giorno, ora disvelando scenari di armonia, ora palesando crepe irreparabili nell'edificio della realtà. Come già nei libri precedenti, un ruolo importante, perché capace di attivare un campo di attenzione non banale, è occupato dalla sfera verbo-visiva, che qui in particolare si manifesta attraverso il richiamo alla fotografia d'autore: mi riferisco ai due testi ecfrastici dedicati il primo a Vivian Maier (Autoritratto, 1955), il secondo al perturbante, seducente Félix Thiollier – di fatto, nella sostanza se non nella forma, due esempi di vanitas barocca.

            Quanto allo stile, il tono è sostenuto ma niente affatto prezioso; l'andamento meditativo-narrativo delle liriche è affidato a una partizione metrica perlopiù regolare, a una fluida progressione dell'architettura testuale per terzine, più raramente per quartine o distici, con propensione alla misura classica dell'endecasillabo e del settenario. Ricorrente risulta l'opzione del sonetto, variamente ripreso e dissimulato; costante è, come nelle prove precedenti, l'attenzione al livello fonico (non mancano rime, assonanze, persino giochi anagrammatici). Interessanti gli esperimenti di ripresa, tra pensosa ironia e umana partecipazione, di forme di preghiera ritualizzata, sorta di litanie anaforiche di ispirazione scritturale-sapienziale (le corrosive Supplemento alle beatitudini e Pronome indefinito;l'invito al carpe diem di Villanelle di Qoèlet). La lingua, estremamente sorvegliata, è improntata a una medietas che rinuncia quasi del tutto alle quote di letterarietà riscontrabili nelle prove precedenti ma ricorre ancora volentieri all'esattezza del linguaggio zoologico-botanico (attraverso lemmi quali «culmo», «nitticora», «ipomeo», «astore»).

            Con Habitat la voce di Italiano si conferma tra le poche in grado di restituire alla nostra letteratura una dimensione che, in tempi di realismi forzati, di nuovi ‘naturalismi fiscali’ per parafrasare Lukács, rischia di andare perduta: quella del meraviglioso raziocinante. Il processo concettuale e associativo alla base del suo disegno autoriale aspira infatti, per via di nitore e accorta misura del dettato, a un recupero della stupefazione, a una possibilità di re-incantamento della parola poetica dettato da una vibrante adesione alla labile, inopinata caparbietà di cui è capace ciò che esiste.

(Riccardo Donati)

 

 

 


¬ top of page


Iniziative
13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398