Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Questo seminario è stato il nucleo germinale del festival, il progetto dal quale e intorno al quale è cresciuta questa costellazione veramente inedita di incontri, esposizioni, letture, concerti: il cuore pulsante dell’esplorazione sulle capacità generative dell’arte, dalla testualità intertestuale delle riscritture poetiche alla testualità transtestuale e poligenerica dell’arte e della musica. Sappiamo che, quando ci si occupa di teoria e tecniche della traduzione, le tracce di Dante sono inevitabili e ci portano abitualmente lungo i crinali di tutte le letterature occidentali, dalla traduzione intralinguistica alla traduzione intersemiotica. Ma fra queste certamente l’italiana, la russa, e soprattutto la statunitense sono le culture dove forse più che in tante altre il modello dantesco ha esercitato e continua ad esercitare un ruolo generativo.
Per promuovere un’esplorazione anche solo campionaria di queste germinazioni avremmo davanti diverse modalità: potremmo confrontare traduzioni diverse all’interno di una stessa tradizione letteraria o con tradizioni esterne, traduzioni con riscritture, riscritture testuali con interpretazioni teatrali, musicali o visive. Ognuna di queste strade, impossibili da percorrere tutte e perfino da articolare in una gerarchia consapevole, è anche un modo di visitare le soglie di un monumento non cercando di capirne le intenzioni ma esplorandone gli effetti, le influenze, un risalire al volto dell’uomo guardando i suoi figli e i suoi nipoti. Cercare nei riflessi che la nostra epoca cerca di rimescolare le potenzialità generative del testo originario.
È anche un modo per superare la museificazione del classico con una via d’uscita diversa dalla pura spettacolarizzazione o lettura imitativa, pur benedette. Ci è sembrato che fosse nella natura, o come si dice oggi nella ‘missione’ di «Semicerchio» scegliere il confronto delle traduzioni e delle riscritture testuali, e interrogare i poeti russi e statunitensi che si sono impegnati in questa sfida suprema: è una fortuna insolita, per chi come me si occupa di letterature antiche, poter interpellare direttamente gli attori letterari, traduttori e interpreti, e metterli in dialogo reciproco. Ascolteremo su questo punto soprattutto Robert Pinsky, autore della più diffusa e celebrata traduzione inglese dell’Inferno.
I problemi che si aprono sono naturalmente moltissimi, e in poche ore potremo soltanto sfiorarli. E sono problemi che – più che a un medievista interessato alla tecnica della traduzione, come me – potranno essere affrontati da colleghi con competenze americanistiche e slavistiche.
Potranno esserci questioni comuni a qualsiasi traduttore: molti di questi problemi sono venuti fuori quando è stata pubblicata la traduzione dell’Inferno di Robert Pinsky, che è stata occasione di riflessioni traduttologiche generali. Anche «Semicerchio» si espresse sulla traduzione di Pinsky pubblicando in italiano una recensione favorevole di Jan Ziolkowski, che aiutò a mettere a fuoco alcuni problemi, così come fecero altri articoli. Ma successivamente le recensioni si sono succedute fino al noto premio riconosciuto al poeta per il suo lavoro, e il dibattito ha dato luogo anche a interventi di qualche peso scientifico come il saggio Dantes’ Inferno: translations di Jean Charles Altieri che ha proposto una rapida ma efficace valutazione comparativa dei lavori di Singleton, Ciardi, Pinsky, Longfellow, Mandelbaum e Musa che aiuta in misura significativa a comprendere le ragioni e le caratteristiche di ognuna di queste traduzioni.
Anche in base ai punti messi a fuoco da questo dibattito proverei a enucleare alcune delle questioni che il seminario può affrontare:
a)         La scelta fra prosa e di poesia, Singleton o Steve Hellis.« It is Singleton’s prose that remains faithful to the rhythmic flow of Dante’s poetry» (Altieri 3). E, in conseguenza di questa scelta, l’inevitabile questione: «should it be the poet’s voice that is heard, or the voice of the one who is making the poet accessible in another language?» (Musa IX).
b)        La scelta del metro: la soluzione di Ellis di un ottonario senza rima per restare fedele al testo «without padding it unnecessarily», per mantenere la «concision and economy» di Dante. E, a latere: è poi vero che la fluviale scrittura dantesca è caratterizzata da ‘concisione’?
c)         La scelta della rima, con la famosa soluzione di Pinsky della consonanza, specie su rime femminili, al posto dell’assonanza o della rima piena; una scelta che risale a caratteristiche dello stile di Yeats e che lascia maggiore libertà; ma è vero, come lamentano i traduttori, che l’inglese pur essendo molto più ricco di vocaboli dell’italiano ha molte meno rime? Oppure il problema è che la rima comporta scelte di lessico che il lettore di poesia del 2000 potrebbe giudicare non più sopportabili? Il problema si sposterebbe in questo caso sulla scelta del registro lessicale adeguato a comunicare Dante al lettore di oggi, spingendoci a chiedere se esso consenta o richieda arcaismi.
 
d)        La scelta del linguaggio e del tono, e problemi ovviamente specifici a una lingua e a una specifica tradizione poetica, a seconda della distanza fra il suo lessico poetico e il lessico quotidiano: una di- stanza che nella produzione poetica italiana è oggi minima, a parte alcune eccezioni, ma che forse in altre tradizioni pone problemi diversi.
e)         La letteratura americana, ad esempio, si confronta con Dante da secoli e produce quasi ogni decennio una nuova versione del poema, in concorrenza con la tradizione britannica, entrambe fondate sulla so- vracanonizzazione della Divina Commedia assai più di quanto lo sia la cultura russa. Su questo ascolte- remo gli interventi introduttivi di Massimo Bacigalupo, di Michail Andreev e Stefano Garzonio.
f)        Ma un versante relativamente inesplorato, che qui vorrei proporre per aprire un capitolo ulteriore di questa ricognizione, secondo un orientamento che sta molto a cuore alla rivista, è l’effetto che le traduzioni inglesi e russe della Commedia hanno esercitato sulla produzione poetica originale della propria letteratura. Su questo elemento potremo ascoltare dantisti-poeti statunitensi come Robert Pinsky e Yusef Komunyakaa, russi come Olga Sedakova, italiani come Edoardo Sanguineti, e per le ultime generazioni Rosaria Lo Russo e Massimiliano Chiamenti, e studiosi come l’anglista Doro- thea Barrett e l’americanista Antonella Francini, gli slavisti Guido Carpi e Stefania Pavan, l’italianista Adele Dei, direttrice del Dipartimento che ospita questo seminario, e alla quale va il nostro ringraziamento.

¬ top of page


Iniziative
15 ottobre 2022
Hodoeporica al Salon de la Revue di Parigi

19 settembre 2022
Poeti di "Semicerchio" presentano l'antologia ANIMALIA

13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398