Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

ROSARIA LO RUSSO, Lo Dittatore Amore. Melologhi, Milano, Effigie 2004, ‘Stellefilanti 1’, con uno scritto di Marco Berisso, pp. 86 + CD, € 15,00.
 
Si potrebbe iniziare dal CD prima che dal libro. La cosa più notevole è che il disco contiene, oltre alla gustosa esecuzione di Musa a me stessa, corrispondente alla prima sezione di quanto è stampato (certo, con in più il materializzarsi delle voci, degli inserti rossiniani e stornelli del folclore toscano), una composizione dal titolo Nastro – un tape non molto beckettiano ma collage «di brani poetici e non tratti dal Canzoniere di Gaspara Stampa, da Dino Campana e dalla beata Angela da Foligno». Lettura poetica gravida dei propri antecedenti (Carmelo Bene, Piera degli Esposti), intento del centone, un cui orizzonte di manovra plausibile è negli Epigrammi ferraresi di Pagliarani, è di realizzare una lunga stringa di scrittura vocale, dove, tra accordi di organo, la voce diviene corpo eucaristico della tradizione (accidenti mistici sono il lessico di recupero, gli accenti a nudo, pura spinta della colonna d’aria). La stuzzichevole mania vellicatoria del verso sembra realmente ‘possedere’ chi qui recita-scrive, l’«indiata speciale», così che il riflesso di omaggiare ancora una volta la macchina estetico-menadica (se mai c’è stata), l’io-scenico-femminile stratosferico, la baccante col microfono, è destinato a un misero flop. Qui «in maschera», e stiamo parlando ormai anche del libro, c’è soltanto la voce. Il falsetto, non è una novità nella poesia di Rosaria Lo Russo, artificio ‘debole’ dei cantanti, promosso dai poeti a contraffare il codice quando gli scappa. Soprattutto è da notare che è lo scritto più che il recitato ad ammettere tutti i trucchi, non solo i più complessi: il neometrico (la collana, «piuttosto una cavezza, una gorgiera», di sonetti), il poematico (il Trittico figurativo il cui primo pezzo è nientemeno che le Grazie), il madrigalistico (o giù di lì, come la parodia rinforzata di «Sempre caro mi fu stare qui chiusa / e questo speco ch’è camera oscura» etc.), ma anche meno gloriosi «esercizi gassmaniani di respirazione per imposto verbale». E insieme con questi, entrano in forza gli espedienti guitti, l’uso del vernacolo, rumori, linguacce, jingles di un futurismo vecchio come le sorelle Materassi: infanzia dell’arte e ‘pòlemolalia’ della donna, condannata alla terra dei Padri (sono un magico viatico le parole misteriosissime, amuleti scacciapericoli, della nonna calabrese), all’attacco dei medesimi (di quello vero, psicanalista all’ombra del padre-Freud, e il padre Dante, il padre Foscolo, il padre Carducci). In fondo ad ogni de-formazione ci sono gli inseguimenti, secondo umore, della voce chiamata a gestirsi in relazione alla doppia natura dello scritto («Col mito platonico della scrittura, ci pensi che figura?»), abbandono ai codici e abbandono della fiducia nei medesimi. A questo punto, nella circolarità della procedura di saturazione, o non ci sono più citazioni o ci sono perché la voce, nella poesia, è dappertutto. Così è nella tautologia dei mistici, l’erotico-retorica di Dio. Rimane attorno a quella, salda l’unità della funzione-soggetto, per cui si ricorre volentieri all’immagine trovata da Marco Berisso nel saggio che accompagna il volume. Dice Berisso, citando Hermann Broch, che l’immergersi a capofitto nel Kitsch permette di «trovare un compromesso tra la propria puritana e ascetica concezione dell’arte e il proprio amore per la decorazione», perché «la dea della bellezza artistica è la dea del kitsch». E quindi, perché è la voce che ha deciso di prendere la penna: «sarà anche D’Annunzio, quello della Lo Russo [...] però D’Annunzio scritto dalla Duse». Tutto qui, e siamo nel cuore stesso del meccanismo. Sembrava barocco, nella pienissima ostensibilità della scrittura, ed era, a suo modo, classicismo (a parte ultimi sbuffi rococò). Lo Dittatore amore, grande burattinaio del poetricio stilnobbista, ancora annoda e spira, come nella nostalgica gotica di L’adorazione dei Magi, davanti all’affresco di Gentile: «[...] Grossi cavalli testicoluti montati da cieche madonne godeane / E vecchi fiorentini lividi e olivastri e arcigne parapissere ciane / Quello che mi fa più male è non avermi conosciuto di persona / In persona in costume storico tra tonitruanti grancasse smarimettendo / In scena un afrore di sacro lungo la strada del mio lungo addio [...]». Sembra una parabola di come dovevano perdersi, in margine alla tradizione, le prime illusioni stilistiche e poi quelle, più tenaci, sul nesso poesia/vita. Espulse queste, è praticamente impossibile, ripetendo, ripetersi. L’ultimo melologo in ordine di composizione è nel libro il primo: convivono la nota figura dell’autrice in scena, sfinitissima egeria di se stessa, viso biaccato etc. «a cavalcioni di una sedia come l’Angelo Azzurro» etc., di fronte a un pubblico di «Padri spaparanzati nei primi ordini dei Predicatori [...] tardivamente pentitasi, che anche lei fu a lungo connivente degli avventori» e alcune possibili reincarnazioni tra cui la straordinaria evocazione della badessa del parmense monastero di San Paolo, committente di un arcano ciclo correggesco (al visitatore, in raccoglimento, ficcano tra le mani uno ‘spiegone’ con le teorie di Longhi e di Panofski): «o come quell’altra signora, / Giovanna Piacenza / che c’aveva la stessa credenza // – Hi hi, suorine New Age! // – Fui io proprio io – io fui proprio io nella stanza di Giovanna accanto al caminetto accovacciata / (Abbadessa Diana) / – hho hho hho Abbadessa Diana!» (nell’angolo, la querula vocina «qual goffa sibilla vecchina»). La badessa «... mimò le sue gesta mondano-diplomatiche su quelle mitologiche della famosa dea del Femminismo» (Diana). Chissà se Lo Russo conosce lo scritto del drammaturgo berlinese Heiner Müller che negli arcani piedoni senza corpo dipinti dall’Araldi nella seconda contigua stanza della badessa, vedeva, con sinapsi classicista brechtiana, i poveri piedi piagati di Wozzek. Ma i piedi ai Padri e alle vittime dei Padri; qui invece, la voce-poetessa, appagata di sinapsi, di accelerazioni in arsi, nel pensiero del libro a venire, riposa: «Nella magnifica sua stanza ho provato un godimento estetico senza pari».

Fabio Zinelli

¬ top of page


Iniziative
15 ottobre 2022
Hodoeporica al Salon de la Revue di Parigi

19 settembre 2022
Poeti di "Semicerchio" presentano l'antologia ANIMALIA

13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398