Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Esiste la poesia europea? 
Di Piero Bigongiari 


Ecco, Europa, la tua nuova lavagna
scrivici libertà con mano ferma
Piero Bigongiari, Agosto 1968

Non esiste lingua poetica universale che non sia prima lingua particolare, anzi direi individuale: una lingua che individui nell’io individuante una particola necessaria a che il tutto sia il tutto. E la parzialità che lo individua e che in esso si inscrive come il misterioso e sorprendente movente di un tutto possibile, di un tutto concreto. Altrimenti il tutto è un’astrazione della mente e non una realtà percepibile. Il tutto è sempre “in arrivo” da situazioni locali, da momenti irripetibili, e non viceversa. La poesia è uno stato di effabilità continuamente alle prese con l’ineffabile, così come il visibile è continuamente alle prese con l’invisibile. Non si dimentichi che ogni dizione è possibile nell’ambito e in rapporto con la propria contraddizione, di cui ogni dizione non elimina l’esistenza, ma di cui anzi avverte la presenza antipodica sussistente in ogni movimento di scelta del proprio campo d’azione. Altrimenti l’arbitrio della scelta, in tale condizione bipolare, non avrebbe ragione di esistere come libero arbitrio umano in cui si esercita l’azione della responsabilità dell’io in ogni situazione ambigua. Non si dimentichi che ogni motivo poetico è un elemento che muove, ma è anche qualcosa che è mosso. L’oggetto, e la ragione, di ogni poesia è qualcosa che è scelto nell’ambito della propria ambiguità sostanziale. Quella che si suol definire come forma poetica non è altro che l’esito di una scelta, nel campo della propria probabilità espressiva che si svolge a tutto campo, di quella che io chiamo la sua raggiunta improbabilità: cioè la lectio del proprio testo, che mette fine da parte dell’autore al gioco del probabile linguistico ed espressivo della sua elaborazione nella raggiunta e impossibile ulteriore manipolazione del testo. Si chiude l’enjeu delle probabilità da parte dell’autore, un vero e proprio spossessamento delle sue attribuzioni specifiche e della sua responsabilità di creatore, divenendo egli non altro che il lettore, forse anche nemmeno il più autorizzato, di un testo più oggettivo ormai che soggettivo, mentre il campo ermeneutico del probabile insito nella polisemia di quel testo si apre a ventaglio nel lettore. Voglio dire che il testo continua nella sua azione pragmatica interna trasferendone gli impulsi, a fare e cioè ad essere, nel ricevitore del messaggio. E lì che la polisemia del senso poetico diventa pluralità ermeneutica ed emotiva: cioè di nuovo motiva situazioni diverse. Lo stato di attività del testo si traferisce in una nuova decisionalità e responsabilità individuale. L’ethos implicito di quel testo diviene un’etica del comportamento del suo fruitore. L’àisthesis, il movimento percettivo, è compiuto.
 
II
Esiste la poesia “europea”? mi si domanda, e io rispondo che la poesia, senza aggettivi, esiste dove esiste la poesia, a Firenze come a Berlino o a Tombuctu. Hölderlin è mio come Leopardi. Non credo tanto alla poesia come espressione del paese globale quanto come destino salvifico dell’uomo come tale, uguale dappertutto, ma diversificato dalle sue condizioni storiche e dalla sua diaspora primordiale dopo la confusione delle lingue di Babele. Occorre ritrovare nella diversità qualche segno e forse l’eco di una perduta lingua divina, nei cui accenti forse irritati Adamo pure udì pronunciare la sua condanna. I rapporti tra una poesia che nasce in un luogo e una poesia che nasce in un altro luogo sono rapporti tra una singolarità e un’altra singolarità in cui l’indirizzo di partenza è diverso, ma quello di arrivo è lo stesso: l’uomo, la cui sofferenza e la cui felicità può essere, anzi è, diversa, ma per raggiungere, seppure in condizioni diverse, una sofferenza e una felicità comune, che è quella inderogabile dell’uomo sulla Terra, in qualsiasi parte della Terra egli, l’animale aristotelico, viva, a qualsiasi etnia e a qualsiasi diacronia storica appartenga. E semmai la storia, nella sua perduta sincronia, che ne diversifica le ragioni, più che la stessa geografia.
Alla constatazione di Flaubert: «Madame Bovary c’est moi», rispondo la constatazione di Pessoa: «Io sono Europa», ma Pessoa può dirlo trasferendo e nascondendo la propria calcolata eterogeneità nei propri eteronimi. Cambia il nome dell’io, di un io scisso, in una disseminazione delle proprie qualità apprensive e inventive, per raggiungere la propria identità nel diverso. Perché è il diverso che identifica quello che è l’unico destino dell’uomo, quello di essere se stesso nelle varie apparenze e nelle varie condizioni in cui il proprio operare mira a raggiungere quello che l’uomo è, il segreto se stesso della propria evidenza. L’uomo è un evento unico e irripetibile sulla Terra, al di là delle varie somiglianze che possono avvicinarlo diversificandolo a ogni altro suo simile: la vera ragione della poesia è questo atto continuo di identificazione di quello che altrimenti l’uomo non saprebbe di essere.
E l’incontro tra poeti diversi e tra poesie diverse è un continuo confronto tra identità irripetibili. L’incontro con l’altro, e con l’altro da sé, è possibile solo se esiste questa possibilità di scambio tra identità irripetibili. Il dono, che è il proprio della poesia, consiste in questo atto di «alterazione» dell’io in presenza dell’altro: che è una forma, la più vera, della riconoscenza e del riconoscimento reciproci. Anzi io arrivo a dire che l’uomo dona quello che non è, e che non ha, per arrivare ad essere quello che è, e per possedere veramente, nell’altro, quello che non ha. È allora che egli vede quello che altrimenti non potrebbe vedere. La visione è strappata all’invisibile e, come mi è già capitato di dire, è in questa operazione quasi furtiva nella verità, che è invisibile, che il visibile, cioè la realtà, prolunga o accresce le proprie possibilità di essere quello che è, di divenire quello che deve essere. Il concetto stesso di realtà altrimenti è destinato a consumarsi con l’uso quotidiano che ne facciamo. Mancherebbe la sorpresa che aiuta a vivere il sorprendente insito in questo rapporto tra il visibile e l’invisibile, tra il reale e il vero, tra il rapporto perturbante e il promettente; che non è detto sia promesso a priori. L’uomo deve metterci qualcosa di suo.
Anche l’Europa è qualcosa che, più che essere, avviene, è qualcosa che deve essere, attraverso la tragicità della storia che ha attraversato nei secoli e che noi, suoi cittadini futuri, abbiamo conosciuto, nel nostro secolo, nei suoi aspetti più drammatici e inaccettabili di offesa alla persona umana. La storia si è fatta tanto più veloce nella sua ambiguità di fondo, nei suoi meccanismi deterministici, e all’ingiustizia e all’orrore che abbiamo vissuto non possiamo che apporre la nostra bona voluntas, ed è la poesia il mezzo misterioso a cui attingere questa aqua fontis rigeneratrice, nel mistero del suo battesimo tra innocenza e colpa.
E concludo queste mie brevi e forse stravaganti diva- gazioni su quello che potrà o potrebbe essere la poesia «europea», di cui i semi sono ancora preda del vento, seppur nati dai fiori, e dai dolori multipli, radicati nella sua storia, nelle sue divergenze, trascrivendo una mia poesia originata negli anni Ottanta durante una visita a Dresda, quando ancora il Muro separava innaturalmente le due Germanie e l’Europa stessa languiva nella minaccia atomica della guerra fredda, oggi che l’Europa è la nostra speranza. E la terza parte di un trittico intitolato Tristezza di Europa, e che ha come sottotitolo A Dresda, cogliendo una margherita per E. sul prato digradante verso l’Elba. Ricordo ancora questa bellezza straziata che aveva l’aspetto, e la suspence innaturale, di una città metafisica, con alberi cresciuti come un giardino surreale che si intravedevano fitti dalle finestre all’interno dei suoi palazzi sventrati dalle bombe delle loro viscere architettoniche, e di cui pur tuttavia si innalzavano ancora i muri perimetrali delle facciate, quasi a racchiudervi e preservarvi la visione di ciò che può la follia umana, quando poi vidi sulla riva erbosa e digradante dell’Elba intatto il Palazzo Giapponese pensai che quello che c’è di assurdo nella stessa sopravvivenza umana è proprio la sua più strana promessa dell’indistruttibilità della speranza. Credo quia absurdum...
 
L’Elba sotto il Palazzo Giapponese
scorre cupa come erba, indistinguibile
carezza che dirupa l’uniforme
col diverso delle orme che calcarono
l’incerto della storia incespicando,

riprendendosi informe, quasi in maschere
e ghigni che ora ghignano, al passato

o al futuro?, se l’oggi è questo, maschera
che non trattiene un volto né lo libera.
Forse il gomito rosa della sera

è appoggiato su amore: lo corrode

il peso che non pesa, il grido che

non piange, e non piange perché nemmeno grida.
Langue il destino in poco spazio, attende

la morte che più a lungo lo accompagni

e dimentichi il passo che diviene

acqua, l’Elba, erba, quanto non trattiene
né propone al dolore di quest’Europa

che avviene, o non avviene, e non diviene,
se il Toro che la porta non la rende.



¬ top of page


Iniziative
15 ottobre 2022
Hodoeporica al Salon de la Revue di Parigi

19 settembre 2022
Poeti di "Semicerchio" presentano l'antologia ANIMALIA

13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398