Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

La poesia europea 
di Mario Luzi 


Come ribolle sempre la stessa poltiglia nell’antico pentolone! Eppure le variazioni di Ulrich J. Beil sono tutt’altro che anacronistiche e inattuali. Esse sono anzi sveglie, attente al momento. Le potremo trovare legittime o pretestuose, ma non potremo negare la loro attendibilità neppure quando rimandano alle più inveterate dispute che la letteratura, in ogni paese, ha dovuto intavolare nel corso di questo secolo – come quello tra radicalità e cosmopolitismo, per esempio. Questo ci ricorda il carattere ciclico dei processi letterari. In tutte le attività creative, anche nella poesia il tempo ha un andamento indefinibile, si può perfino pensare che non si muova affatto. Sono le attività parallele e riflesse come l’arte retorica che caricano l’orologio e fissano la lancetta su questo o quel punto del quadrante, e neppure questo procedere è lineare. Di questo dovremo tenere conto quando si affrontano temi generali.
Esiste una poesia europea? Spero non esistano criteri preventivi per riconoscerla e distinguerla. De facto si potrà anche, non lo nego, retrospettivamente contrapporla a quella di altri spazi culturali, di altre civiltà. Ma il termine di confronto non è fisso: e neppure questo riferimento relativo è irreversibile. Le differenze si modificano, le contrapposizioni si conciliano e si integrano. L’area egemone nella quale si trova la nostra episteme, il principio subconscio o esplicito in base al quale abbiamo sempre pensato poesia, ecco, a un certo momento lo troviamo cambiato, infiltrato di valori e misure altre che frattanto sono divenute nostre. Europea? O soltanto scritta in Europa? Anche sotto questo aspetto l’universo letterario è, come il cosmo, perennemente metamorfico.
Ciascuno di noi entra in questo universo e se ha pensato di avervi una posizione da occupare e da difendere, si troverà poi smarrito nel mutamento che trasforma di continuo l’orizzonte visibile e quello interiore. La linea costante che permette di evitare il naufragio è l’identità: l’identità verso cui tendiamo tutta la vita. E un progetto – nostro, insinuato dentro di noi? – di cui il mondo fa di tutto per disappropriarci e tuttavia tende a diventare realtà. Quante perdite e quante acquisizioni durante questo percorso. Le frontiere vengono perdute di vista e ritrovate. Se ne tracceranno di nuove per pura dialettica? Ma in tal caso che efficacia avranno?
Beil non si dilunga sulla condizione tedesca, tuttavia la presuppone e la considera seriamente, magari già trapassata dall’oscuro, tragico, catastrofico alla catarsi linguistica. In questo passaggio gli accade di mettere a fuoco la vera questione della poesia del nostro tempo. Parlando di una situazione circoscritta e peculiare succede anche a lui di centrare meglio il generale problema.
È una minaccia di improbabilità che sento come insidia per gli autori come anche per i lettori: e riguarda n verità la nostra poiesis. Tutta quanta forse; neppure la frontiera affascinante dell’esotismo, o se volete, delle culture altre dà garanzia. Quelle culture, è vero, sono meno suscettibili riguardo alla storicità, ma al loro interno le tradizioni e le maniere soffrono anch’esse di logoramento.
Il rischio viene da una vera disarmonia e inequalità che progressivamente ha gravato e grava sul linguaggio e, ormai è il caso di dire, sul sistema dell’espressione poetica. Ricapitolando con la massima concisione direi che si potrebbe definire una disarmonia patologica, un bubbone, tra significato e significante. In questo bubbone succhia e trova alimento abbondante l’arte retorica riducendo o almeno inquinando la quota intrinseca di significazione e rendendola in ogni caso meno efficace.
In tutti gli angoli del mondo a quanto posso vedere la poesia è venuta trascinandosi una enorme matassa di accessori più o meno preziosi che pur non essendo di necessità decorativi si sono installati in questo intervallo tra la causa e gli effetti, cessando infine di essere a loro volta nuova causa generativa per diventare ritardo, zavorra. L’indicazione di Beil a proposito di Celan è preziosa. Sì, proprio lì accanto a una cupa obiurgazione e altrettanto dura catarsi si consuma un atto (non un rito) di purificazione che vale per tutti. Di qua o di là della frontiera del nuovo millennio e di quella dei continenti la poesia ha oggi il primario bisogno di legittimare la sua parola, di attraversare molto e vero silenzio per riemergere più credibile e più irrefutabile a chi la usa e a chi la riceve. È, mi accorgo, un postulato di innocenza quello che qui trascrivo. Spurio, dunque, rispetto alla problematica letteraria: ma questa è appunto l’anomalia che avvisa dell’oscuro mutamento in corso.

 


¬ top of page


Iniziative
15 ottobre 2022
Hodoeporica al Salon de la Revue di Parigi

19 settembre 2022
Poeti di "Semicerchio" presentano l'antologia ANIMALIA

13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398