Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

IN SEMICERCHIO, RIVISTA DI POESIA COMPARATA LXV (2021/2) pp. 121-122 (scarica il pdf)

JEAN FLAMINIEN, Della bontà, traduzione e cura di Fabio Scotto, Book Editore, 2020, pp. 224, € 18,00.


Jean Flaminien, originario di Airesur-l’Adour nelle Lande e attualmente residente in Spagna, ha compiuto sin dagli inizi della sua attività letteraria una scelta radicale: quella di non pubblicare in Francia. Ciò spiega, almeno in parte, il successo raggiunto in Italia nel corso degli ultimi vent’anni e, viceversa, l’ancora scarso riconoscimento ottenuto in Francia. Nonostante il sostegno di poeti del calibro di Yves Bonnefoy, di cui Flaminien viene spesso considerato l’erede, quest’ultimo appare raramente accostato a quella corrente, caratteristica della produzione francese contemporanea, di «poesia pensiva» (secondo la definizione di Michel Deguy) alla quale fanno capo anche Philippe Jaccottet e lo stesso Bonnefoy. Eppure, sin da Soste, fughe (2001), i versi di Flaminien appaiono perfettamente in linea con l’idea della poesia come modalità peculiare del pensiero, ovvero, nella formula di Georges Bataille, della poesia come «langage de l’impossible» in grado altresì di superare i limiti di un pensiero cartesiano.
In Italia, la scoperta di Flaminien si deve principalmente a Massimo Scrignòli, curatore della collana «Serendip» per la Book Editore, che dal 2001 pubblica le raccolte poetiche dell’autore. Nella traduzione di Marica Larocchi, oltre al già menzionato Soste, fughe, sono usciti Graal portatile (2003), Pratiche di spossessamento (2005), L’acqua promessa (2009), Preservare la luce (2011), L’altra terra (2018) e la silloge L’infinitude – Finitezza e infinito (2012; 2019). Di Antonio Rossi è invece la traduzione di L’uomo flottante (2016; 2020). 
Della Bontà, tradotto e curato da Fabio Scotto, si pone in relazione di continuità con le raccolte precedenti per la volontà di individuare nell’esercizio della bontà una risposta allo «spossessamento» dell’individuo, a quella condizione «flottante» dell’esistenza che la poesia di Flaminien già problematizzava. Tuttavia, appare opportuno riconoscere, insieme a Fabio Scotto, l’eccezionalità della scelta di un argomento così «storicamente poco praticato, per non dire inviso alla poesia», soprattutto nel contesto di una modernità che, «da Poe a Baudelaire, da Blake a Lautréamont […] ha preferito dar voce al male» (p. 7). I 93 frammenti che compongono la silloge si presentano dunque come un tentativo di circoscrivere tale concetto di «bontà», sdoganandolo dai luoghi comuni e dalle facili tentazioni di sovrapposizione semantica.
Come suggerisce ancora Scotto, il campo di indagine di Flaminien è il «mistero della presenza dell’essere in un mondo spesso insensibile alla voce della natura e vittima di un edonismo egoistico che mina fortemente la relazione» (p. 7). La «bontà» sarà allora intesa dal poeta in due sensi complementari: da un lato come principio necessario alla coesistenza tra gli uomini, fondamento di un moderno umanesimo che si pone come sola speranza per una società devastata dal «culte effréné de soi» (p. 70) [lo sfrenato culto di sé]; dall’altro come unica postura adottabile nei confronti del mondo che ci ospita («Partager / l’esprit de la terre et du ciel / entre nous, / comme don continuel») [Condividere / lo spirito della terra e del cielo / tra noi, / come dono continuo]. 
Certo è che, rispetto alle raccolte precedenti, qui la scrittura di Flaminien si fa più assertiva, priva degli ornamenti stilistici ancora presenti in L’Homme flottant. Il modello novalisiano risulta particolarmente evidente proprio in tale postura gnomica, aforistica. L’aspetto moralizzante si ritrova soprattutto nella critica della società contemporanea, tutta volta, nella definizione di Flaminien verso «l’ultramodernità» (p. 129) in cui l’uomo appare intrappolato «en ce site obscur que nous sommes / – séparés des autres comme de soi – » (p. 70) [in questo sito oscuro che siamo / – separati dagli altri come da noi –]. Per Flaminien, grande lettore di Lévinas, il mancato riconoscimento dell’Altro, il primato conferito al principio di identità da Platone in poi, sfociano in un soggettivismo che impedisce la costruzione di una società fondata su un vero umanesimo. La visione dell’uomo moderno, monade ridotta alla condizione di «araignée tissant sa toile» (p. 202) [ragno che tesse la sua tela], è sostanzialmente pessimistica, come mostra la citazione di Pascal posta in esergo al frammento 11: «Que le cœur de l’homme est creux et plein d’ordure» (p. 48) [Come è vuoto e pieno di immondizia il cuore dell’uomo]. L’umanità è percepita come consumata dall’orgoglio, colma di una «inconsciente cruauté / et de ses belles apparences» (p. 180) [incosciente crudeltà / e delle sue belle apparenze]. Non diversamente dalle recenti produzioni di Michel Deguy (Écologiques, 2012) la critica all’antropocentrismo e alla globalizzazione in quanto mali del secolo è esplicita, così come la necessità per l’uomo di riscoprire la coappartenenza con il territorio: «Ce sont bien des hommes / qui parlent d’avenir et détruisent le monde. / Insoucieux de l’unicité de la vie, /oubliant qu’il ne revient qu’à eux /d’enlacer terre et ciel» (p. 50) [Sono proprio uomini / che parlano di futuro e distruggono il mondo. / Incuranti dell’unicità della vita, / dimenticando che sta solo a loro unire terra e cielo]. Non sorprende che, nella raccolta, alla prima persona singolare sia spesso preferito un «noi» rimandante a una dimensione corale, all’auspicio di un agire collettivo: «dépasser l’intériorité, c’est vivre en pensée / la mise en commun originelle» (p. 202) [Andare oltre l’interiorità significa vivere nel pensiero / la condivisione originaria]. Flaminien ritrova nuovamente Lévinas: «reconnaître l’Autre, c’est donner» (p. 207) [riconoscere l’Altro, è dare]. Solo riconoscendo il «volto» dell’Altro, ammettendone l’alterità e al tempo stesso la somiglianza, è possibile accedere ad una dimensione etica fondata su una «réalité partagée» (p. 196) [realtà condivisa].
Ciò che il poeta sembra ingiungere all’uomo è, pertanto, una radicale inversione di marcia che parta dal ri-conoscimento dell’esistenza della bontà non tanto, come sottolinea Fabio Scotto, in quanto «ente in sé» ma come «materializzazione di un’istanza morale che orienta i comportamenti degli esseri» (p. 11). Rovesciando il cogito cartesiano, Flaminien individua infatti nella bontà il fondamento stesso dell’essere, la certezza della sua presenza nel mondo: «Je donne, – je me donne –, donc je suis» (p. 206) [Io do, – io mi do –, dunque sono]. Tuttavia, a differenza del cogito cartesiano, quello di Flaminien apre ad una dimensione mistica, ove non addirittura metafisica: «Par elle / nous avons un pied dans l’absolu, / ici, maintenant» (p. 206) [Grazie a lei / abbiamo un piede nell’assoluto, / qui, ora]. Un «assoluto», certo, appena afferrabile e che rimane comunque legato all’ineffabilità dell’istante; un «assoluto» che, precisa Flaminien, è «sans angélisme / foyer de nul idéalisme» (p. 38) [senza angelismo / patria di nessun idealismo], foriero di una mistica agnostica o di una «demi-vision», per dirla con Jankélévitch. E come nella «demi-vision» jankélévitchiana, il carattere evanescente della rivelazione non ne diminuisce la portata: «C’est un rare pouvoir inné / savoir aimer totalement» (p. 36) [È un raro potere innato / sapere amare totalmente], scrive Flaminien a conclusione del sesto frammento e aggiunge in nota, citando Yves Bonnefoy: «ce pouvoir d’aimer compris “comme en soi une réalité, une seconde réalité, à opposer à la nuit des choses”  » [questo potere d’amare inteso «come una realtà in sé, una seconda realtà, da opporre alla notte delle cose]. La «seconda realtà» di Bonnefoy diventa in Flaminien l’«altra terra», una dimensione oblativa da cui osservare «l’infini des sens du monde» [l’infinito dei sensi del mondo] dalla prospettiva dell’«hors temps, le temps spirituel» [fuori tempo, il tempo spirituale], una terra dove finalmente «non annotta», come recita l’epigrafe tratta da Montale.
È proprio tale dimensione oblativa, prossima a una forma di dépense, che accomuna, per Flaminien, esercizio della bontà e esercizio della poesia: «Donner sans recevoir est aussi l’offrande du Poète» (p. 213) [anche dare senza ricevere è l’offerta del Poeta]. La poesia, ricorda Fabio Scotto, diventa in effetti per Flaminien «un mezzo etico di affermazione della speranza e quindi dell’istanza morale come ecologia della mente e dello spirito» (p. 9). Bontà e Poesia, dunque, come sole armi per «guarire il mondo», come strumento per riconoscere la presenza viva dell’Altro: «S’il vous plaît d’entrer entre ces lignes murmurantes, fugaces, qui vers vous montent à l’air libre […] elles s’accroissent aussitôt de votre expérience réfléchissante. En les lisant, elles vous lisent, et nous sommes ensemble, malgré tout». (p. 22) [Se desiderate entrare tra queste righe mormoranti, fugaci, che salgono verso di voi nell’aria libera […] esse subito s’accresceranno della vostra esperienza riflettente. Leggendole, vi leggono, e siamo insieme, nonostante tutto].


di Sara Svolacchia

¬ top of page


Iniziative
9 dicembre 2023
Semicerchio in dibattito a "Più libri più liberi"

15 ottobre 2023
Semicerchio al Salon de la Revue di Parigi

30 settembre 2023
Il saggio sulla Compagnia delle Poete presentato a Viareggio

11 settembre 2023
Presentazione di Semicerchio sulle traduzioni di Zanzotto

11 settembre 2023
Recensibili 2023

26 giugno 2023
Dante cinese e coreano, Dante spagnolo e francese, Dante disegnato

21 giugno 2023
Tandem. Dialoghi poetici a Bibliotecanova

6 maggio 2023
Blog sulla traduzione

9 gennaio 2023
Addio a Charles Simic

9 dicembre 2022
Semicerchio a "Più libri più liberi", Roma

15 ottobre 2022
Hodoeporica al Salon de la Revue di Parigi

19 settembre 2022
Poeti di "Semicerchio" presentano l'antologia ANIMALIA

13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398