Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Poesia contemporanea. Settimo quaderno italiano, a cura di FRANCO BUFFONI, Milano, Marcos y Marcos, 2001, pp. 258, Euro 11,88.

 

Il tempo di una breve premessa con bilancio di legittima soddisfazione (dal 1991, 7 quaderni pubblicati, 44 giovani poeti presentati al pubblico) e si spalancano le porte del volume a sette autori nati negli anni ’60 e ’70. Di questi, particolarmente interessanti risultano Dome Bulfaro (1971) e Pierre Lepori (1968). Bulfaro nella raccolta Ossa, 16 reperti, presenta una collezione ‘fanta-archeologica’ di poesie supposte incise sui resti dello «scheletro antropomorfo di un’entità» che altri non è che «Uomo...essere cosmogonico». I testi, accompagnati da una ‘cornice’ esplicativa para-scientifica e didatticamente teatrale (si pensa alla conferenza kafkiana di Relazione per un’accademia, e, sul versante poetico, anche al Grünbein di Lezione sulla base della scatola cranica), si dispongono simmetricamente, due per ogni reperto, corrispondendo spesso ad un primo segmento ‘maschile’ una ripresa e controcanto presumibilmente «dal femminile dello stesso individuo», altrettante occasioni di adeguate combinazioni metriche. Il dettato privilegia conseguentemente il piano dell’armonia, sorretta da un lessico tecnico/anatomico aperto a (talora prevedibili) effetti espressionistici, quasi però per meglio preparare decisive sortite melodiche: «[uomo] Di quel sogno degli amanti; noi siamo; spicchio / le dita incrociate abbiamo; quale dorsale; spina ... // [‘donna’] mucchio ; non direi ; se l’intreccio a te m’avvita / luna ; danza galante ; gonna di spezia infinita / manna; ricordare sempre ; quella tua materia amata / cinghia; di pelle il cibo; contornata di prezzemolo / loto caduto ; di te non mi basta l’anima ». Pierre Lepori, luganese, forte di questa preziosa ‘italianità altra’ esprime uno slancio vitale perfino un po’ arruffato per eccesso di detriti prometeici, in quella sorta di Song of myself che è il Canto oscuro e politico, ossimorico nel titolo e nel programma che comprende infatti la «rivolta contro me stesso» ma anche il canonico progetto di «dinamitare i padri». Di gran lunga preferibile il controcanto esibito nelle altre poesie in cui il racconto di ogni singola ‘emozione’ è contenuto nei termini di disegno nitido e sicuro: «potrebbero essere un giorno e un’ora qualunque / e invece sono le sette di sera / la luce del sole radente / e il vento / e tutto è traslucido e perso». Una menzione particolare spetta di diritto anche a Massimiliano Palmese, delizioso manierista sabiano/penniano, cantore di sapide avventure omosessuali («...che la vita / non sia solo un sogno inconsistente / ma un gomito che sfioro nella folla / sotto una maglia azzurra, / che passandomi accanto mi sussurra: / – Vedi, l’estate è qua, / è questa felicità»). Gabriela Fantato (1960) trova spesso i toni di una convincente pronuncia affettiva (addirittura percorsa da alcune cadenze pascoliane), combinati ad un’esattezza (ma a volte anche eccessiva generosità) dello sguardo, e a una vena di ostentata, ingenua insouciance («di lato Alfonsine ruota sui tacchi / la sua giostra bambina», con il pendant solo apparentemente più cupo di «milano stava girata, piegata alla pancia / quasi come distratta nel morire»). Di buon livello anche i testi dei restanti poeti. Stefano Raimondi (1964), scrive un requiem dal titolo ambizioso (La Metafisica del padre), nel quale la simmetria un po’ rigida tra cura del segno e racconto del dolore («ti curo come fossi il mio alfabeto», «tieni cucite frasi e sangue»), giunge talvolta a liberarsi in una parola ad altezza della vita: «che strano quando le parole / della vita iniziano a tremare». Andrea Temporelli (1973), ancora molto legato ai dettami di una lirica che combina storia familiare e personale con struggimenti di fine gioventù, ha i suoi momenti migliori nella pratica di una fine ironia immaginativa: «Strani singhiozzi salivano a volte / dai lavandini. Un tranello da preti, / pensava, per costringerlo a pregare, / prima di addormentarsi » (vedi ovviamente Ermanno Cavazzoni, Il poema dei lunatici). Così Stelvio di Spigno (1975), che esprime un io lirico molto ancorato all’alveo della koiné poetica novecentesca (con tanto, forse troppo Montale), capace tuttavia di stendere con il dovuto ironico distacco un programma sul futuro di sapore quasi kiplinghiano: «il ritmìo sferruzzante del tram / ti porterà all’altro capo di te: il giorno che potrai, vorrai».

 

(Fabio Zinelli)


¬ top of page


Iniziative
6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398