Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

EDOARDO ZUCCATO, La vita in tram, Milano, Marcos y Marcos, 2001, p. 127, Euro 9,30.

 

Nel segno del crescente distacco generazionale da un rapporto diretto con la matrice antropologica del parlato, le possibilità esperite dai più giovani scriventi in dialetto oggi vanno dalla declinazione dei vari gradi di contaminazione con le esperienze della lingua letteraria maggiore (liriche certo, ma anche ‘aperte’, ‘sperimentali’), alla scelta di mantenere nonostante tutto il massimo di vicinanza con tale matrice ‘basica’. Sull’effetto di straniamento (esteso ai contenuti) che ne consegue fa leva Giovanni Nadiani, mentre una forte coscienza metalinguistica del mezzo impiegato è al centro della poesia veneta di Gian Mario Villalta. Edoardo Zuccato di questi è forse il più incline a immergere la lingua della poesia nel bagno delle frasi fatte dell’uso quotidiano. Zuccato, che scrive un dialetto ‘altomilanese’ (varesotto/brianzolo), è un cultore del ‘ritmo della lingua viva’. A riprova, ecco un catalogo di espressioni ‘tipiche’ con relativa traduzione italiana (a bella posta, si direbbe, impoverita rispetto a una più che possibile traduzione ‘uno a uno’): «spüà spüìsc» (‘proprio uguali’, ma, ‘meglio’ sarebbe ‘precisi sputati’), «Naja nuént» (‘nuove di zecca’, ma ‘meglio’ ‘nuove nuove’), «a ’mpienì ’l piatt» (‘a mangiare’ ma ‘riempire il piatto’), «in fen daa fea» (‘alla fin fine’, ma ‘alla fine della fiera’); un raro es. del contrario: «campanjei di buteghi», potenziato in traduzione dall’onomatopea ‘din don dei negozi’. La sostanza ritmico/sintattica si impasta di una materia fonetica estesa a blasone di fisicità territoriale. Esemplare la litania toponomastica: «Bulâ Cariâ Bèrgual Fagnàn / Castalàsc Sulbiâ Sulbièll Ulgiâ / Castegnâ Castelànza Sinàgh.../ Non spaventarti non sto bestemmiando, / sono questi i nostri paesi». Ma risonanze geoglottologiche traspaiono meglio da un altro testo programmatico in cui all’acqua della pianura si accompagna il parlare ‘pieno di spigoli’ dei montanari, «le U che sanno di boschi e di brughiere, / di sirene di fabbriche di fonditori, / le È gentili e un po’ sbruffone / e nella Bassa le A in bocca a gente / che sembra allunghi le parole con l’acqua». Il riferimento meta letterario è sicuramente a Seamus Heaney (oltretutto Zuccato ‘di mestiere’ è anglista), ad alcuni testi di Wintering out (1972), doppiati dalla dichiarazione di ‘poetica’ per cui emergerebbe dal fondo dell’inglese (lingua letteraria nel segno allitterante delle consonanti) una musicalità tutta irlandese affidata alle vocali e intimamente legata ai temi personali. La coscienza regionalistica è insieme cronotopica, descrizione dello spazio-tempo nella durata. Il paesaggio scopre scorci preistorici e medievali come in Al ponte di Oleggio, racconto ‘epico’ della canalizzazione del Ticino quando appunto «la natüra l’è diventâ storia», esibente in esergo «i calibani gutturaloidi della Nea-Keltiké » del Carlo Emilio Gadda della Cognizione (e si ricordi: «in quella regione del Maradagàl, così simile, per molti aspetti, alla.... Brianza») e pensiamo ancora alla guttural Muse di Heaney. Un tale sentimento della lingua ‘forza’ l’assunzione per buona parte letteraria del personaggio dispensatore di invettive, lunghe tirades di didassi brechtiana («Dove arrivavano, i romani costruivano / strade ponti teatri e tombe: e fogne, / mostrando a tutti come nascondere / ciò che dà fastidio. Imperi e fogne»), ma soprattutto di pura tradizione milanese dal Porta al Tessa («Car’ul mè Carl’, ul mè Deglio») a Franco Loi (da cui viene probabilmente anche un’occasionale vena di ‘buonismo’: «incö in dul rüdu ch’è nassüü ’na rösa», ‘oggi nel letame è nata una rosa’). Invettive impure, dal basso della razza di quelli che prendono ancora il tram, e che danno corpo a buona parte dei magoni dei lombardi (un tremendo sospetto, il Giovannin Bongee se la sarebbe messa la camicia verde?). Dalla tradizione milanese scende ancora la vena didattico/illuminista circolante in una serie di vere e proprie epistole in versi (esemplare la ‘lettera’ a F. – Franco Buffoni? – sulla critica, A vöri cüntàtt sü quatar panzànighi). Su un altro piano, circola nel libro una vena descrittiva ‘modernista’ debitrice principalmente di modelli inglesi. Spiamo così nella quotidianità speciale delle ore libere del boia («Anch ul boi al g’ha i so urett da respir», ‘Anche il boia ha le sue orette di pausa: è vero, si lamenta con la moglie / che il nodo non scorreva bene / e che hanno tolto per mezz’ora la corrente’, e appende quadri, «natür mort specialment»), e sorprendiamo in un angolo della pianura, come in un quadro di Brueghel (scopertamente, W.H. Auden, Musée de Beaux Arts), un delinquente che sbudella un poveraccio. Immagini di alta definizione («e i bar inlüminâ / ’me ’n frigor vöj», ‘bar illuminati / come frigo vuoti’), ‘animazioni’ quasi ‘mansfieldiane’ (la vita del prato dopo la partenza del circo), e una vena di poesia d’amore non sempre al riparo dalla regressione vernacolare ma di tono più distesamente colloquiale. Il doppio lavoro sull’oggi e sulle radici, è nella poesia di Zuccato insomma lavoro di pazienza, «’me laurà ’l vedar l’or a pulenta » (‘come lavorare il vetro l’oro la polenta’).

 

 

 

(Fabio Zinelli)


¬ top of page


Iniziative
19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398