Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

PRISCA AGUSTONI, Sorelle di fieno / Irmãs de feno, Belo Horizonte (MG), Mazza Edições 2002 (bilbeli@hotmail.com - edmazza@uai.com.br), pp. 112, s.i.p.

 

Ci si può affidare alla poesia iniziale per illustrare convenientemente la struttura del libro: «Perché è più  acile / attraversare l’Atlantico / che passare il valico / del San Gottardo». L’autrice, ticinese (n. 1975),  ive tra la Svizzera e il Brasile (nello stato del Minas Gerais; dei poeti della regione l’Agustoni ha curato  na piccola antologia in Semicerchio, 26-27, 2002), e pratica il portoghese, anche letterariamente, come una seconda lingua. Il dato di questa migrazione personale e linguistica (ma il testo a fronte è in questo caso opera del poeta Edimilson de Almeida Pereira), si specchia qui nelle storie di «voci femminili che ci narrano l’esperienza dell’esilio – dalle valli della Svizzera italiana oltre il valico del San Gottardo, frontiera fisica e simbolica tra il Nord e il Sud del paese, tra la lingua italiana e il tedesco. All’inizio del XX° secolo molte giovani ragazze partirono dal Ticino per essere impiegate come tessitrici in convitti diretti dalle suore, abbandonando l’universo mitico della natura per entrare in quello storico della produzione industriale ». La frontiera interna, ancora una volta culturale e linguistica («Deutschsprechen, bitte»), iniziatica («e voi avete il grembiule / macchiato di sangue», «Mi piace salire ai laghi. / La fissità del pendio / è ostia che glorifica / qualsiasi bagaglio»), tra lo sradicamento delle anonime protagoniste e l’intimità di scoprirsi sorelle di fieno, condividendo le notti sulla stessa paglia, ci portano nel paese al centro dell’Europa, che più di altri può raccontare storie sugli acuti contrasti tra arcaismo autoctono e modernità, radicamento e migrazione (in questi stessi paesaggi si svolgono le storie di asilanti dei nostri giorni raccontate da Fabio Pusterla). I toni del racconto sono quelli della narrazione lirica: «Il vapore nascose il miraggio / nella tana delle volpi. / In quell’anno / nevicò gelo». Gli spazi linguistici sono quelli stretti di metafore di un espressionismo stilistico essenziale («sei la rilegatura delle ossa», «Il valico della montagna / è sudario ad asciugare»), talvolta di spiccata attitudine ‘femminista’ («Santo Antonio da Padova / trova l’equivoco / tra quel guardare obliquo / e il mio candeggiare / il silenzio»), percepibile anche nella disponibilità a una sorta di animismo ‘umiliato’ degli oggetti («i pedali Singer / sono novene che germinano»). Ma se tale repertorio figurale muove dall’interno di percorsi comunque noti della ‘scrittura femminile’, la riuscita del libro tiene anche al fatto che alla voce dell’autore si sovrappone come voce di teatro quella recitante delle protagoniste: «Siamo giovani Penelopi / con vecchi retaggi » (l’effetto è rinforzato dalla posizione dei titoli delle singole poesie in margine, quasi si trattasse di altrettante didascalie di esecuzione). La voce dell’autrice invece, la avvertiamo più forte quando si libera in svolgimenti di una scioltezza ariosa davvero poco italiana e che attribuiremo senz’altro alla vena luso-brasiliana soggiacente alla formazione di questa poesia: «A Elvezia piace cantare. / Ma qui non vale / l’argenteria lirica: / i papaveri sono alti / e le persiane / continuano / ermetiche» (dove si noti il lusitanismo continuano nel senso di ‘restano’).

 

(Fabio Zinelli)


¬ top of page


Iniziative
5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398