Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

NELVIA DI MONTE, Ombrenis (Ombre), prefazione di Franco Loi, Roma, Zone Editrice 2002, pp. 88, € 9, 00.

 

Nelvia Di Monte ha cominciato solo recentemente a utilizzare il friulano, ma da «straniera», come «lingua di un divieto, di una lontananza, di una perdita» nella quale identifica un che di inattuale, da intendere «proprio nel senso letterale di ciò che non appartiene alla mera attualità, alla moda, all’effimero: qualcosa di denso, di opaco, che resta sul fondo e che non si può cancellare perché è impastato alla stessa materia del mondo» (N.D.M., in Diverse Lingue,16, 1997). Coerente con la sua poetica della ‘realtà’, emersa nitidamente nei bellissimi Cianz da la Meriche (Canti dall’America, Firenze, Gazebo 1996), dove affidava a lettere di emigranti le memorie della terra e della lingua friulane, mischiate con storie di guerra, di fame e di sradicamento («Nikolajewka: fevelàvial / cualchidùn la mê lenghe? / Dulà ise / la femine che mi à butât dongje dal pît / une patate cjalde?», ‘Nikolajewka: parlava / qualcuno la mia lingua? Dov’è / la donna che mi ha buttato vicino al piede / una patata calda?’), in questo libro la Di Monte si ispira a ‘banali’ fatti di cronaca. Il poemetto che dà il titolo all’intera raccolta ed è strutturato come un testo teatrale, scandito in due cornici e quattro incontri, ruota attorno al suicidio di una sconosciuta, che dopo essersi lasciata scivolare una sera nelle acque di un fiume, partendo dalla conclusione del proprio segmento di vita (Scuasi une fin: ‘Quasi una fine’), fa affiorare il suo dramma in un muto involontario dialogo con quattro figure femminili immerse nei loro pensieri lungo le sponde di quello stesso corso d’acqua. Le sue parole oltrepassano le rive del fiume e quelle del tempo: alle soglie del nulla i fili di cinque vite si intersecano per qualche istante; cinque persone si interrogano sul senso del proprio esistere. Quel senso che la protagonista di Ombrenis non è riuscita a trovare. La sua era «la pôre – no sai – / di piardi e scomenzâ // masse o masse pôc: par vivi / no cjatavi misure» (‘la paura – non so – / di perdere e ricominciare // troppo o troppo poco: per vivere / non trovavo misura’). Fare un passo indietro, «tal grump de vite» (‘nel mucchio della vita’) non è stato possibile. Eppure, nel finale, che non senza ragione s’intitola Viars il princìpi (‘Verso l’inizio’), tutto sembra ricominciare daccapo, perché il cerchio della vita non si chiude mai veramente («si riavvolge al contrario la vita»). I personaggi di questo singolare poemetto filosofico, denso e profondo, rappresentano altrettante tessere di un mosaico esistenziale andato in pezzi. Perché, come dice uno di loro, «o sin duc’ discompagnâts, / modons di un paîs ch’al crès e al mûr / e – tal miez – sbregos di cîl» (‘siamo tutti scompagnati, / mattoni di un un paese che cresce e muore / e – nel mezzo – strappi di cielo’). Riordinarle forse si può, ma solo in quell’inesistente tempo aggiunto, una Spoon River gelida e fangosa come le acque del fiume che rotolano sulla voce narrante in «cheste gnot / ch’e distude stelis sot de cinise» (‘questa notte / che spegne stelle sotto la cenere’). La lingua utilizzata dall’autrice, la koinè, con varianti del basso Friuli, dà una connotazione timbrica aspra molto particolare alle voci femminili. Il medesimo registro espressivo cifra anche i testi brevi della seconda parte del volumetto, Ritarts (‘Ritardi’), ispirati essi pure a microdrammi del quotidiano e annodati insieme dalla tematica dichiarata dal titolo. A dominare la scena qui è proprio lei, la Siore, la Signora, metafora della morte, che se ne sta tranquilla nel bar di una stazione, dove gli smarriti caproniani viaggiatori della vita sostano tra un’attesa e l’altra, e aspetta le sue vittime, con la certezza della vittoria finale («...jo o stoi ferme: / timp o tart al vignarà ben lui a sbati / dentri la sô muse, falant colp, forsi // une sviste, un lizêr indurmidîsi / e al è tant facil sbagliâ stazion», ‘...io sto ferma: / prima o poi verrà ben lui a sbattere / dentro il suo muso, confondendosi, forse // una svista, un leggero appisolarsi / ed è così facile sbagliare stazione’, Polse, ‘Sosta’).

 

(Anna De Simone)


¬ top of page


Iniziative
5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398