Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

MARINA DI SIMONE, Amore e morte in uno sguardo. Il mito di Orfeo e Euridice tra passato e presente, Firenze, Libri Liberi 2003, pp. 136,9,80. 

 

Sono decenni che si parla di storia dei temi e dei personaggi, che si compilano e si pubblicano repertori di motivi letterari e miti culturali, e da qualche anno anche i manuali scolastici, in risposta a un’attenzione critica sempre più diffusa, sono ricchi di schede sui paralleli e sulla fortuna di un’opera, sulle sue riscritture e la sua diffusione nelle varie letterature. Ma di fatto sono pochi gli autori impegnati nella produzione dipercorsi didattici concreti  che guidino il docente, lo studente e il lettore dalle origini lungo le trasformazioni di una storia senza risolversi in analisi di singoli testi o in elenchi di nomi e di titoli. Questo di Marina Di Simone è il tentativo, brillantemente riuscito, di conciliare esigenze culturali e comparatistiche con sollecitazioni proficuamente recepibili dalla scuola nei suoi vari gradi, dal liceo scientifico a uno dei moduli sulla ricezione dei classici che cominciano a spuntare un po’ ovunque nelle università italiane. Il volume racconta le metamorfosi del mito di Orfeo, il poeta in grado di incantare la natura ma incapace di richiamare dagli inferi la sposa defunta senza resistere alla tentazione di voltarsi, a guardarla, perdendola (o guadagnandola)  per sempre. Ricordata dagli scrittori greci come una storia già nota, la tragedia di Orfeo diventa tale solo nei versi di Virgilio e di Ovidio, che ne forniscono le versioni destinate a costituire il modello, alternativo, per tutte le riscritture successive, sia letterarie che musicali e teatrali: la Di Simone ne esplora in poche calibratissime pagine, sulla scorta di testi ampiamente citati e antologizzati, i riflessi nelle letterature (e nella riflessione critica) italiana, inglese e francese del Novecento, dedicando i capitoli finali alle versioni  musicate (da Poliziano a Gluck al balletto di Stravinsky), cinematografiche (Cocteau, M. Camus-De Moraes) e ai modelli principali diffusi nelle arti figurative. E questo itinerario ci accompagna da una scoperta all’altra, perché anche testi che si conoscevano acquistano uno spessore inatteso, una luce obliqua dal confronto con le interpretazioni analoghe ma sempre diverse di altri autori e di altri tempi. Nella Consolatio Philosophiae di Boezio, ad esempio, troviamo un metrum (3, 12) dove Orfeo è immagine dell’anima che gli interessi terreni distraggono dalla sapienza autentica, e la sua allegoria assume nei versi del filosofo latino una leggerezza inattesa, ma non priva di profondità: come nel verso quod luctum geminans amor, «[canta] il dolore raddoppiato dall’amore», o ancor più Quis legem det amantibus? / Maior lex amor est sibi («Chi può dare una legge agli innamorati? L’amore è la legge più alta per se stesso»), che coglie in pochi elementi quello che Ovidio non sa dire se non diluendolo nel giro di molti esametri. Ma i vertici più alti di questa inesauribile storia si toccano forse con il poemetto Orfeo. Euridice. Hermes di Rainer Maria Rilke (1904), che finalmente scava nel punto più sensibile del mito, il rapporto fra verità e morte, e fra verità poetica e morte, ove la morte è condizione della pienezza creativa, della durata artistica. Euridice «Era raccolta in sé. E il suo stato di morte / la colmava di pienezza », intuizione ripresa nel Sonetto 13 a Orfeo:

 

Sii sempre morto in Euridice, e innalzati

fino al rapporto puro, con più forza cantando, celebrando. [...]

Sii, e la condizione del Non-essere al tempo stesso sàppila,

questo fondo infinito del tuo interno vibrare,

perché s’adempia intera in un’unica volta. 

 

La stessa atmosfera, la stessa luce di un tramonto infinito aleggiano nella prosa magicamente ritmica di Cesare Pavese, che nel dialogo Inconsolabile fra Orfeo e una baccante fonda sulla coscienza della vanità assoluta del tutto la motivazione della morte necessaria di ciò che è passato, e dunque la certezza della volontarietà dello sguardo di Orfeo:

 

L’Euridice che ho pianto era una stagione della vita. Io cercavo ben altro laggiù che il suo amore. Cercavo un passato che Euridice non sa [...] Fu un vero passato soltanto nel canto. L’Ade vide se stesso ascoltandomi. [...] Il mio pianto d’allora fu come i pianti che si fanno da ragazzo e si sorride a ricordarli. La stagione è passata. Io cercavo, piangendo, non più lei ma me stesso. [...] Accostare la morte ci fa simili agli dèi.

 

Tutt’altra declinazione ha il tema nelle cosiddette smitizzazioni, che non resistono alla tentazione di ironizzare su una storia che forse non lo consente facilmente senza rischiare cadute nel grottesco: la pièce teatrale di Cocteau Orphée (dove Euridice, riacquistata la vita per rinnovare i dissapori coniugali col marito-Cocteau, torna poi alla morte) e la sua sceneggiatura cinematografica tutta costruita sul personaggio della Morte, o Il ritorno di Euridice ove Gesualdo Bufalino disvela – in una summa metaletteraria degli Orfei della tradizione – l’artificiosità del dolore «poetico», mentre mantiene una dignità patetica l’Eurydice di Jean Anouilh (dove Euridice è un’attricetta morta in un incidente e poi salvata da Orfeo, che però parlando con lei ne scopre con profonda delusione i dubbi trascorsi), rappresentazione dell’impossibilità di un amore nel mondo del reale, e dunque della inevitabilità della scelta dell’Orfeo mitico, che quasi mai la letteratura moderna accetta come involontaria. Stilisticamente grottesca può apparire al gusto attuale anche la resa dei drammi musicali, dove perfino Poliziano, Monteverdi e (meno) il Ranieri de’ Calzabigi che scrisse per Gluck risultano difficili da gustare per la povertà e l’artificiosità che il linguaggio melodrammatico non riesce a nascondere quando sia separato dalla musica. Diversamente datata è forse anche la prosa barocca di Maurice Blanchot, superato cult degli anni ‘60 e ’70, il cui spessore evocativo tuttavia ancora non smette di emanare il fascino della genialità:

 

Euridice [...] costituisce [...] il punto profondamente oscuro verso cui l’arte, il desiderio, la morte, la notte sembrano tendere. L’opera di Orfeo non consiste tuttavia nell’assicurare l’avvicinamento a questo «punto» scendendo verso la profondità. La sua opera è di riportarlo al giorno e di dargli, nel giorno, forma, figura e realtà. [...] Il mito greco dice: si può produrre un’opera solo se l’esperienza smisurata della profondità [...] non è perseguita per se stessa. La profondità non si consegna apertamente, e si rivela soltanto dissimulandosi nell’opera. [...] Orfeo è colpevole d’impazienza. Il suo errore è di voler esaurire l’infinito, di mettere un termine all’interminabile, di non sostenere all’infinito il movimento del suo stesso errore. L’impazienza è lo sbaglio di chi vuole sottrarsi all’assenza di tempo, la pazienza è l’astuzia che cerca di dominare questa assenza di tempo facendone un altro tempo, altrimenti misurato.

 

Ma non c’è angolo del libro che non incuiriosisca, non soprenda, non solleciti integrazioni personali o storiche: come quella suggerita dal recente volume di Enrico Giaccherini Orfeo in Albione, Pisa, Edizioni Plus-Università di Pisa 2002, che ci restituisce il Sir Orfeo del lai bretone e altre incarnazioni del vate tracio, o come Il divino Orfeo di Calderón de la Barca, cui allude la stessa Di Simone in un paragrafo- cerniera, che assomma in sé la tradizione medievale di Orfeo-Cristo, ancora da indagare perché documentata da testi spesso ancora inediti o introvabili e certamente non tradotti. Le pagine conclusive della parte letteraria, dedicate all’Orfeo negro di Marcel Camus e Vinicius de Moraes (dove Orfeo tranviere di Rio salva la compaesana Euridice da un assassino ma la uccide per sbaglio, poi ne recupera il cadavere ed è a sua volta ucciso dalla fidanzata gelosa), aprono la prospettiva verso le interpretazioni interculturali che consentiranno al mito di trovare le riscritture via via richieste dal tempo, se è vero che «non muore nel mondo la voce di Orfeo», la voce di chi deve rinunciare alla realtà dell’amore e della vita per poterli cantare.

 

(Francesco Stella)

 


¬ top of page


Iniziative
6 settembre 2018
Aperte le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398