Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

IL TRAGICO CONTEMPORANEO: MIKLÓS HUBAY

RITRATTO DEL DRAMMATURGO UNGHERESE

 

di Luigi Tassoni*

 

 

 

Miklós Hubay arriva da molto lontano: e non solo dall’Europa poliglotta dei viaggiatori quanto dal cuore della tragedia greca che tocca il mistero, il segreto, il cataclisma, la disumanità dell’umanità. In un suo intenso saggio su un padre e un figlio, i due Szondi, Lipót lo psicanalista, e Péter l’ermeneuta, si legge un brano che si attaglia al drammaturgo di oggi (ne traggo una scheggia): «Circa i geni latenti che definiscono il destino dell’uomo, Lipót Szondi è stato il primo a notare [...] il loro possibile ruolo di sicari. Nel momento in cui anche i più grandi eroi si coprivano gli occhi alla vista della propria fine, lui, Lipót Szondi, con grande disinvoltura ammiccava alla paralizzante testa di Medusa, frugava fra le chiome di serpenti». (Le teorie dei due Szondi sul destino tragico, «Il cannocchiale», n. 3, 1998, p.7)

Anche le mani di Miklós continuano a frugare nella testa di Medusa. La sua monumentale opera teatrale, già quasi tutta edita in italiano e oggi annunciata in edizione unica da Rubbettino,e rappresentata in mezza Europa, può essere distinta all’incirca in tre filoni portanti: 1) i testi ispirati alla drammaturgia greca e latina, 2) i testi orecchiati dal teatro ottocentesco, specie francese (per sfuggire alla censura), 3) i testi ispirati a temi ed eroi contemporanei. E a chi dovesse sfuggire l’infelice domanda di Geofonte nel dramma Addio ai miracoli, «Hai scritto un dramma d’occasione?», io risponderei come il Sofocle di Miklós: «Per meglio precisare: è l’occasione che è divenuta dramma».

Al centro della scena di Hubay vi è il conflitto: fra padri e figli, fra io e alterità, dell’io con se stesso. E quale maggior mistero poteva essere sperimentato sulla scena? Per parlare di uno dei maggiori drammaturghi d’oggi, ho scelto dunque la strada più breve: la chiave di lettura offertami dal dramma Freud ultimo sogno, nella versione italiana di Umberto Albini.

Freud, motore e indagatore di conflitti e contraddizioni, e non risolutore, si addormenta sul sofà prima di fuggire a Londra, e sogna di trovarsi, ancora una volta seminudo come fa spesso, faccia a faccia con l’Imperatore Francesco Giuseppe, che come sappiamo mai si sarebbe sdraiato sul lettino dello sciamano. Non a caso una delle prime domande di Freud al vecchio Franz Josef ricalca Shakespeare: «Che sogni si fanno dopo la morte?» , chiede. A questa domanda paradossale vorrei aggiungerne altre non mie, ma di Derrida, egualmente utili al nostro intento: «Qual è la differenza tra sognare e credere di sognare? E innanzitutto, chi ha il diritto di porre questa domanda? [...] Un sognatore, d’altra parte, sarebbe in grado di parlare del suo sogno senza risvegliarsi? [...] Sarebbe capace di analizzarlo in modo appropriato, e anche solo di servirsi con consapevolezza della parola ‘sogno’, senza interrompere e tradire, sì, tradire ilsonno?» (J. Derrida, Il sogno di Benjamin, Milano, Bompiani 2003, p. 9).

Il filosofo risponde no, oppure: forse sì. Il drammaturgo risponde decisamente sì, e designa la scena come luogo degli avvenimenti, come occasione senza mediazione altra che non sia la parola e l’azione drammatica.

Il Freud di Hubay è eroe nel senso che Socrate darebbe al personaggio: sempre su un limite tra la vita e la morte, la morte e la partenza, il finire o il ricominciare, e naturalmente sognare e vivere. La morte che, dice Hubay, per gli ungheresi è come un trasloco, o viceversa il trasloco come una morte (elköltözött). In ogni caso, ciò che accade a Freud sulla scena (come dice la figlia Anna nel testo) non rientra nelle formule freudiane e forse appartiene alla tragedia greca. Perché? Lo spiega l’epilogo sulla scena: mentre Freud (che ha con sé le casse dei suoi famosi reperti archeologici e il testo del suo piccolo Mosè) arriva a Londra, al giornalista della radio che intende intervistarlo, risponde semplicemente: «Gli dei [...], questi dei così fragili, questi dei sono qui, tutti, con noi». Il sipario si chiude, dunque, con la dichiarazione di un ritrovamento: sono quegli stessi dei che la sorella di Sigmund, Paula, pensa si siano perduti, mentre lo stesso Freud, padre e divinità della psicanalisi, cerca di anticipare il proprio destino chiedendo l’eutanasia al giovane medico, Otto, che così potrebbe guarire completamente dalla giovanile ossessione del suicidio. Intorno imperversa la follia della storia, il crimine, il cinismo: da quello del nazismo, il rogo dei libri probiti, la deportazione imminente anche delle sorelle di Freud, fino alla follia quotidiana e agli enigmi dei viennesi passati sul lettino dello sciamano, e via via risalendo fino alla follia dell’Imperatore (distratto e fuori dalla storia come un imperatore romano), a quella del giovane Rodolfo, e persino di Sissi e della propria famiglia, e all’imbecillità delle guerre.

Ma il ritrovamento finale è un falso: gli dei, lo avete sentito, sono fragili, essi ci sono, e nella loro stessa fragilità c’è l’io contemporaneo.

Non per nulla questa figura di Freud viene definita da un altro personaggio, l’amante dell’Imperatore, Katharina Schratt, come medico degli orologi, taumaturgo degli orologi: è il tempo che viene manipolato dall’eroe della tragedia contemporanea, in un’epoca che, come ha detto lo stesso Hubay, conosce il dramma ma non riconosce il sentimento della tragedia, quello abissale che si delinea lungo il corso della storia e del tempo, e a volte risulta semplicemente inevitabile. Il tempo sulla scena di Hubay ha una scansione ossessiva, martella con i rintocchi di un pendolo, eppure il tempo è l’elemento principalmente sottoposto a manipolazione: Freud ne è così ossessionato in piccolo tanto da voler arrivare sempre in anticipo alla stazione ferroviaria, e in grande tanto da dare ai sogni nel sogno la possibilità di mescolare le cronologie, mettere a confronto le generazioni, mettere di fronte padri e figli. E qui lo stesso Sigmund Freud con una maschera, si sostituisce a Rodolfo e uccide il padre.

La figura dello psicanalista è molto vicina al ruolo del drammaturgo di oggi: un dio dubbioso, che non ha rimedi né cure, simile a Edipo che si fa condurre da Antigone sul luogo della propria morte, simile ad Anchise che il giovane medico (come Enea) vorrebbe caricarsi sulle spalle. Questo personaggio multiplo, così si dichiara nel bellissimo monologo dell’opera di Hubay (dramma? tragedia?), allorché si risveglia dal sonno-sogno a cui hanno assistito gli spettatori, e inspiegabilmente appare ringiovanito ad Anna ed Otto (dunque, il sogno, e l’azione tragica possono ringiovanire l’eroe?): «Credete di avere solo voi il privilegio di rimanere sfacciatamente giovani? Io sono il principe Rodolfo, il figlio dell’Imperatore. Cosa ne dite? Porto sulla terra l’età dell’oro. Sono Giuseppe, l’interprete dei sogni. Sono un profeta, un conquistatore. Sono Luigi. Sono una celebrità mondiale che si trova qui in incognito. Sono il proprietario di una casa chiusa. Da sessant’anni ho la residenza ufficiale a Vienna e sono un ebreo errante».

Tutto succede nella stanza di Freud, in quella stanza, con la responsabilità di un divano, che il drammaturgo fa ruotare di 180 gradi davanti agli spettatori: la disseminazione degli io, il calarsi nella pelle di destini diversi, perfora la coscienza, le sottrae quei margini duri che altrimenti avrebbero spostato la lancetta della figurina dell’uomo verso il piccolo dio, e invece ne mettono in luce la straodinaria sua fragilità. Il drammaturgo come taumaturgo e sciamano non dà altra soluzione che non sia già nell’interrogazione dei destini, e della loro inevitabilità.Tutto succede, e ogni vicenda contiene in sé l’insiegabile e il non-senso: come per la follia di Eracle che, dice Euripide, dopo aver superato le dodici terribili prove eroicamente, come azione finale uccide i figli e la moglie. Lo spiega a se stesso e a noi Hubay nel già citato saggio sui Szondi: l’elemento tragico non bussa, come la dea della follia, dal tetto di casa, ma sconquassa dal di dentro: «Sembrava davvero che Eracle, diventato un enigma anche a se stesso, avesse chiesto un incontro con il vecchio ‘sciamano’ Lipót Szondi» (Le teorie cit., p. 7). E più avanti: «Lipót e Péter, entrambi cercavano di mascherare l’orrore della faccia della Medusa: il padre, lo psichiatra, per diminuire le costrizioni e le sofferenze delle vite destinate a sopportarsi, unite dai legami familiari, e l’altro, il figlio, per capire la tragedia delle vite legate tra di loro nel dramma [...] Si sono infettati – come devoti medici – della malattia sconosciuta che cercavano di scoprire» (ibidem).

La stessa infezione, senza soluzione né guarigione, tocca al drammaturgo di oggi: per Miklós Hubay, Euripide come Beckett, la percezione del tragico porta, come nell’antica Grecia, verso un punto di rottura o una esplosione, il conflitto e la catarsi. E la scena diventa la sperimentazione ad oltranza di questa possibilità. Perché Hubay è un classico della letteratura e non solo del teatro? Perché nel suo lavoro la sparizione del soggetto e della psicologia individualizzata sono sostituiti da una scena che omologa la storia. È la storia il movimento di ciascun uomo entro la propria vicenda, ciò che con parola difficile qualcuno chiama destino. Per questo forse nell’opera a cui sta lavorando in questi giorni, il destino del popolo Csángó in Moldavia, di cultura ungherese, gli sta molto a cuore: un popolo muto, cattolicissimo, a cui la Chiesa di Roma nega di professare il proprio credo nella lingua d’origine perché l’ungherese è la lingua del diavolo. Il canto segreto dei Csángó, se è dramma irrisolto, fa la storia. E oggi somiglia a un grido.

Perché, come si domanda Péter Szondi al termine della propria dettagliata analisi del tragico, forse è vero che la dialettica del tragico consiste nell’insieme di annientamento e salvezza (cfr. P. Szondi, Saggio sul tragico, Torino, Einaudi 1996, p. 158).

La scena tragica si apre dentro l’individuo e dentro la storia: la sua enormità e irrevocabilità sgretolano le certezze, come fa Euripide con Eracle, l’eroe che sa che a nulla vale l’eroismo se il delitto tragico lo frantuma. La follia è legata alla tragedia perché e se non ha motivazione. Questa follia dei tragici antichi fino alla letteratura romantica porta l’uomo a essere «fuori», anche fuori di sé oltre che dalla storia. La tragedia avviene quando l’uomo rientra in sé, come si dice, e vede la scena degli effetti di quel suo immotivato esser «fuori». Il dualismo, l’opposizione a se stesso, la rottura con la storia, sono insanabili. La tragedia della nostra epoca oggi è infatti tanto piú folle perché e se qualcuno cerca di motivarla con le guerre e con gli integralismi.

E per finire tre domande: la potenzialità del dramma e dei suoi nodi non rischiano di metterci la nostra coscienza in mano? Sapremo anche noi frugare fra le infide chiome della testa di Medusa? Di questa magnifica infezione come dimostrare gratitudine a Miklós Hubay?

 

 

* Discorso tenuto all’Istituto italiano di cultura di Budapest, il 9 dicembre 2003, in apertura della giornata in omaggio di Miklós Hubay per i suoi 85 anni.

 

 

 

 


¬ top of page


Iniziative
16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398