Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

La porta delle lingue, Il ponte del sale, Rovigo, via Orti 32, 45100: n. 1, ANNA MARIA FARABBI, Adlujè, pp. 110,   12,00; n. 2, MARCO MUNARO, Ionio e altri mari, pp. 94, € 12,00; n. 3, GUIDO CARMINATI, Contar, pp. 222, € 13,00.

 

L’omogeneità dei tre titoli di questa nuova collana, tutti del 2003, risiede nel delicato equilibrio, perseguito e trovato con raffinate soluzioni di cultura e sensibilità, tra arcaicità del referente e potenzialità liberate all’interno dello ‘spazio letterario’. Per arcaicità si intende la sessualità selvatica della strega (dell’eretica) suscitata da Anna Maria Farabbi (Perugia, 1959) attraverso discese profonde nel dialetto eugubino (adlujè sta per ‘cacciare di frodo’). L’irrazionale trova da incarnarsi in un mito terragno fatto di carmina, ninne nanne (perché la strega, ovviamente, è buona e terribile insieme, antica madre), oscenità. La geografia delle fortezze veneziane sparse nello Ionio, fitta trama onomastica greco-, veneto-, mediterranea («Assos, Myrtos, ripidissime scogliere sul mare, lingue di terra e roccia. Fortezza veneziana»), è il solco profondo dell’erranza soprattutto segnica che dà vita al viaggio testuale di Marco Munaro (n. 1960). L’irrazionale è, infine, nella lingua stessa e nel sapere umano tutto («cussìo miniuscolo e provinzial»), direttamente al centro del complesso esperimento di Guido Carminati (Venezia 1945-Pisa 1999), autore di un romanzo eroicomico i cui protagonisti Puc e Cup danno il nome all’incredibile gergo in cui è scritto: il pucuppiano. Si tratta di una mistura musicale di dialetti veneti e lombardi, del secentismo dell’Anonimo («Quando i clinami imperscrutabil e le occulte machine costellactive del’Ananke e dela Tiche»), e di castigliano (in omaggio al donchisciottismo dell’ispirazione: «escucha como diversamente danza li dei sul piano al Pollino e, verbigrazia, al Cecilio Tailora »), un gramelot patafisico che riserva ad un italiano tutto petrarchista i versi delle boschive ecloghe prorompenti dalle scorze de la Forêt Alfabetic. Comune a questi attraversamenti dello spazio letterario, è la distorsione delle esperienze e dei generi, ma in termini quasi geometrici, mai propriamente espressionisti. Siamo, è chiaro, sulla rotta del Monte analogo, il viaggio escogitato da René Daumal alla ricerca dell’immensa montagna/continente nel mezzo del Pacifico non rilevata dalle carte, ma che deve esistere, perché blocco di irrazionale magicamente solidificato, da meta diviene misura e fondamento, ‘sfasato’ ma insieme misurabile per latitudine e longitudine, dell’esistere. Oggetti e scrittura sono cittadini dello stesso mondo: «il sole è sotto / nelle incisioni sul mio palmo» (Farabbi), «Pini immensi sul mare / che esalate significati / sono certo parole balsamiche / quelle che escono dalle vostre pigne» (Munaro), o ancora si prenda la ‘partitura’ disegnata del canto dei pipistrelli nel Contar di Carminati. La prosa (il ‘nume’ di Ponge è invocato da Munaro), vale a dire il discorso poetico della ragione, contiene in germe versicoli di poesia che a questa si affianca ‘sdoppiandosi’ (Farabbi, Munaro)  o da questa occasionalmente ‘si libera’ (Carminati). La quadratura ottica del cerchio, insomma, è l’illusione riuscita a chi ha escogitato la collana.

 

Fabio Zinelli 


¬ top of page


Iniziative
24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398