Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

TRADURRE INSIEME DALLO YIDDISH - I
SULLE TRACCE DELLA LINGUA
Di Haim Burstin

L’esperienza che si vorrebbe qui brevemente presentare ha un suo carattere del tutto particolare e atipico nell’ambito del consueto lavoro di traduzione. E questo da diversi punti di vista che conviene innanzitutto enunciare per definire il campo specifico in cui ci situiamo. Atipica è essenzialmente la lingua che fa oggetto della traduzione, lo yiddish. Si tratta, come è noto, del linguaggio delle comunità ebraiche d’Europa centro-orientale, parlato fino all’ultima guerra mondiale da circa tredici milioni di persone, ma ora praticamente scomparso. Atipica è la personale posizione di chi traduce rispetto a questa lingua. Atipico è l’esperimento che alla traduzione ha dato origine: si tratta infatti, come rivela già il titolo di questo intervento, di un lavoro collettivo svolto da tre traduttori di cui nessuno è di madre lingua yiddish1.
Conviene ricordare, a questo proposito, che coloro i quali parlavano correntemente lo yiddish prima della guerra vivevano in una condizione di effettivo, o quanto meno tendenziale, bilinguismo. Da un lato c’era appunto lo yiddish, lingua della tradizione e della vita familiare, che si accompagnava però alla lingua ufficiale dello stato o della regione in cui ogni individuo si trovava a vivere. In origine però, questa condizione di bilinguismo, negli ambienti intellettuali, non era messa tanto al servizio della traduzione di opere dallo yiddish, la cui letteratura solo dagli ultimi decenni dall’Ottocento aveva conosciuto un suo grande sviluppo; più facilmente ci si dedicava a tradurre in yiddish i tesori della letteratura europea. Questa vasta operazione culturale si situava nel più ampio progetto che si era andato progressivamente definendo attorno alla fine del secolo, rivolto a un’acculturazione delle masse ebraiche d’Europa centrale: quei ceti cioè che, impossibilitati per condizione economica e sociale a intraprendere studi superiori, rimanevano all’oscuro dei tesori della letteratura europea. Si tratta di un vasto progetto pedagogico, legato all’impegno militante dei primi partiti o gruppi di ispirazione socialista nati in ambito ebraico.
Oggi la situazione si è paradossalmente e drammaticamente invertita. La lingua yiddish è stata praticamente annientata in seguito allo sterminio da parte della Germania hitleriana degli ebrei d’Europa centro-orientale; curiosamente, infatti, se un’operazione è riuscita nel quadro del disegno di annientamento della popolazione ebraica europea, è proprio sul piano linguistico che essa si situa. Attualmente infatti il numero di individui di lingua madre yiddish si riduce all’esiguo gruppo degli ultimi sopravvissuti: una generazione di settanta-ottantenni, cui solo in pochi casi si aggiungono i figli. Ma anche il numero di quanti parlano correntemente questa lingua, pur non come lingua madre, si è impressionantemente assottigliato. E ciò, malgrado la straordinaria ripresa di interesse che in questi ultimi anni si sta registrando attorno allo yiddish e alla sua cultura in generale.
Oggi quindi il problema si pone diversamente ed è divenuto essenzialmente quello di riportare alla luce i tesori della letteratura yiddish e di tradurli per renderli disponibili e sottrarli in tal modo all’oblio. Estinguendosi però, con lo yiddish, anche quella particolare condizione di bilinguismo cui esso naturalmente si associava, il problema del tradurre si complica. In linea di principio non ci sarebbe niente di strano che a tradurre dallo yiddish non siano persone di lingua madre. È quanto accade abitualmente anche nel caso di altre lingue; ad essere comunemente richiesta come lingua madre è semmai quella di destinazione piuttosto che quella di origine. Appare quindi del tutto normale che uno traduca dall’inglese senza essere di lingua madre inglese. Ma tra l’esperienza del tradurre dall’inglese e quella del tradurre dallo yiddish la distanza è profonda, essenzialmente per il fatto che lo statuto dello yiddish è stato bruscamente trasformato, nello spazio di pochissimi anni, da quello di una lingua viva a quello di una lingua morta.
Non è il caso di riaprire qui il dibattito su questa tesi che, più che esprimere un giudizio, si limita a un’amara constatazione; malgrado tale argomento possa sembrare smentito dalla straordinaria vitalità che dimostrano i vari circoli di cultura yiddish ancora esistenti e disseminati nel mondo, come pure dalla larga ripresa di interesse che la sua letteratura suscita e dalle prospettive del tutto inattese e talvolta paradossali che ciò comporta, questa definizione di lingua morta ci sembra difficilmente controvertibile. Ai nostri effetti ciò ha una conseguenza immediata: il fatto di non essere di lingua madre, per chi è chiamato a tradurre una lingua non più in vita, significa dover fare a meno di un ancoraggio importante e di una fonte concreta per risolvere i grandi problemi posti da un idioma, come già si è detto, strutturalmente atipico e che solo il bilinguismo era tradizionalmente chiamato a risolvere.
Originariamente dialetto tedesco medievale, lo yiddish si fonda, come è noto, su una sorta di plurilinguismo interno che incorpora sistematicamente elementi derivati dall’ebraico e dall’aramaico, oltre che da diverse lingue slave (polacco, lituano, bielorusso, ukraino); numerosi sono tuttavia anche i termini di derivazione latina che compaiono a pieno titolo, come pure, più di recente, quelli di origine anglosassone. Una lingua spugnosa, dunque, che si è rivelata nei secoli in continuo movimento, associata a un progressivo e inarrestabile processo di contaminazione. È proprio questo multilinguismo che mette all’arco dello scrittore yiddish una molteplicità di frecce: egli può esprimere un medesimo concetto con forme e vocaboli diversi, attinti di volta in volta da lingue diverse a seconda del sapore particolare che vuole conferire alla sua frase. Il senso di tale scelta e dell’effetto che si voleva raggiungere era immediatamente chiaro al lettore, allorché questa lingua veniva comunemente e largamente parlata, ma è estremamente difficile oggi da rendere in una traduzione.
L’insieme di questi aspetti particolari giustifica oggi approcci diversificati e comunque atipici o inconsueti, tra cui il nostro: quello di affrontare cioè la letteratura yiddish nel quadro di un circolo di lettura. È evidente come la pratica della lettura collettiva sia divenuta un fatto ormai desueto: se uno deve leggere un libro, certamente preferisce leggerlo da solo. Tuttavia la sfida rappresentata oggi dallo yiddish spiega una strategia diversa, fondata sul lavoro d’équipe. Dalla moltiplicazione delle chiavi di lettura, infatti, e dall’ampiezza del bagaglio culturale che si è in grado di mobilitare, dipende spesso la possibilità di ricostruire un testo. Questo, almeno per quanti questa lingua non l’hanno mai parlata correntemente, né dispongono di una fonte originale di riferimento in una situazione in cui, come si è detto, il rapporto tra letteratura e lingua parlata ha subito ormai un ‘corto-circuito’. Si tratta dunque di una procedura d’eccezione che richiama in un certo senso il metodo filologico. I testi infatti, specie se usciti dalla letteratura tardo ottocentesca – come nel caso dei racconti di Sholem Aleykhem – obbligano spesso a un’autentica microesegesi per decodificare parole ed espressioni idiomatiche. Questo tipo di indagine, che si concentra il più delle volte attorno ad espressioni e costruzioni particolari, necessita di una disponibilità ampia di saperi. Quanto più siamo lontani dalla lingua parlata, tanto maggiore è la quantità e la qualità di competenze che è indispensabile convocare per compensare questa distanza.
Competenze innanzitutto di tipo linguistico: il tedesco certo, ma anche l’ebraico e in particolare l’ebraico biblico, oltre ovviamente alle lingue slave. Ma per ovviare a un certo numero di difficoltà di interpretazione, decodificazione o traduzione è utile anche poter accedere ad altre lingue in cui lo stesso testo è stato tradotto, per un indispensabile lavoro di collazione. È noto ad esempio come in certi casi sia stato l’autore stesso a tradurre una sua opera dallo yiddish in altra lingua, una volta trovatosi a operare in una realtà molto diversa da quella in cui il libro era stato concepito e prodotto. In casi del genere, ci troviamo a disporre di due versioni d’autore dello stesso testo che spesso non solo non coincidono, ma anche possono divergere. Il caso più conosciuto è quello di Isaac Bashevis Singer che, una volta emigrato negli Stati Uniti, inizia una delicata operazione editoriale, autotraducendo, con la collaborazione di alcuni esperti, i suoi romanzi dallo yiddish all’inglese, ma nello stesso tempo espurgandoli e modificandoli per renderli più accessibili a un pubblico più vasto e ormai molto diverso da quello cui erano originariamente rivolti. Operazioni di questo tipo sottolineano non solo la necessità, nel caso dello yiddish, di adattare un linguaggio e una cultura a un pubblico in grado di condividerli ormai solo parzialmente, ma anche l’intraducibilità stessa di alcune forme, locuzioni e espressioni tipiche. I testi americani di Singer sono spesso ben diversi dall’originale: filtrati e rimaneggiati nella forma, come pure talvolta nella sostanza, per adeguarsi a un pubblico più largo e essenzialmente americano. Questa operazione conferma la presenza nello yiddish di elementi che, se non analizzati, interpretati e riadattati, rischiano di rivelarsi improponibili in altra lingua, specie per quanto riguarda le forme idiomatiche di cui lo yiddish trabocca.
Anche di fronte a questo tipo di asperità del testo è possibile rispondere solo a condizione di potenziare e estendere l’arco delle competenze: non più esclusivamente in campo linguistico, ma anche etnologico. La letteratura yiddish incorpora infatti sistematicamente richiami e allusioni a usi e costumi di una collettività ben connotata che produce senza sosta un suo lessico – familiare o comunitario – che va pazientemente decifrato, ricostruito e interpretato. Si tenga conto per giunta che la letteratura yiddish, specie per quanto riguarda alcuni dei suoi principali autori, è in continua relazione con la lingua parlata e con un sistema di riferimenti tipico del linguaggio popolare. Così, leggere insieme nell’ambito di un circolo di lettura, grazie appunto alla somma dei diversi contributi specifici, consente di dilatare le potenzialità ermeneutiche in vista della traduzione.
Questo approccio collettivo e in un certo senso amatoriale ci ha concesso inoltre di stabilire con il testo un rapporto molto diverso rispetto a quello consueto del traduttore professionale. Dilatando i tempi di lettura e di analisi, senza inizialmente lo stimolo di una committenza, si è creata una felice condizione per cui è stato possibile tradurre semplicemente per il piacere di farlo. Una tale opportunità ha reso il nostro lavoro più simile all’esercizio filologico che non alla traduzione tipica. Il fatto di poter dedicare all’occorrenza un tempo illimitato alla comprensione di alcune frasi o espressioni è un lusso appunto che può concedersi la filologia, esente da ogni riscontro o tornaconto di mercato. Ma dilatare i tempi a disposizione consente anche una qualità di lettura molto diversa, una lettura che d’abitudine non viene rivolta alla prosa e che ha il potere di far emergere dettagli anche minimi e pur significativi, come accade a chi guarda un quadro con la lente di ingrandimento. Una tale procedura, possibile certo solo per opere brevi, consente di entrare nel testo in maniera quasi esegetica e di appropriarsene a un livello che nessun lettore ordinario riesce abitualmente a fare.
Questo sforzo, rivolto in prima istanza a tradurre collettivamente e essenzialmente per il gusto di farlo, oltre a consentirci di moltiplicare le competenze e di dilatare i tempi, ha caratterizzato il nostro lavoro da un altro punto di vista: ha consentito l’incontro di sensibilità individuali diverse attorno a una lingua ricca di una forte carica emozionale. Proprio a causa del suo statuto di lingua annientata, lo yiddish implica infatti per sua natura un coinvolgimento emotivo del tutto particolare e consente, da questo punto di vista, meno ancora di altre lingue, una posizione di neutralità. Il vantaggio che si ricava da un approccio collettivo, dalla convergenza cioè di sensibilità diverse e complementari, non è puramente casuale, ma si misura soprattutto nella condivisione di responsabilità rispetto ad alcune scelte di traduzione. Il multilinguismo che emerge con forza, come si è visto, in ogni testo yiddish, non può essere rimosso senza snaturarne in qualche misura il senso. Il testo rischia però, senza un adattamento, di essere impresentabile e inintelligibile a un pubblico che lo legge in traduzione. Che cosa quindi salvare e che cosa invece sacrificare rispetto all’originale?
Tradurre dallo yiddish obbliga molto più che in ogni altra lingua a un continuo, sofferto lavoro di compromesso su questo piano: l’incontro di sensibilità diverse può invece rendere questo compromesso in parte meno arduo. Ciò è vero a maggior ragione se si tiene conto del carattere un po’ ‘sacrale’ di una lingua morta, che in quanto tale non può più protestare contro gli errori dei suoi traduttori. Come ha opportunamente ricordato Rachel Ertel, in un libro dedicato di recente a questo argomento2, lo statuto stesso di sacralità che circonda ormai lo yiddish presso i suoi cultori, e la conseguente reverenza che tale sacralizzazione inevitabilmente comporta, può rischiare in molti casi di paralizzare il traduttore, ridotto in un certo senso al ruolo di conservatore di icone.
Nel nostro impegno comune, invece, abbiamo scoperto l’importanza di un costante e appassionato dibattito a più voci, attorno ad ogni frase da tradurre; è questo dibattito infatti che ci ha consentito di creare tra noi quella che potremmo definire una sensibilità media condivisa, in grado di rendere i tagli o i rimaneggiamenti meno arbitrari, meno dolorosi e più ragionati. Tale dibattito è stato guidato dalla consapevolezza comune della responsabilità inerente al compito di rendere questa letteratura accessibile e comprensibile a un largo pubblico, prevenendo tuttavia la cesoia necessariamente più affrettata e burocratica dell’editore.
Quanto al piano propriamente emotivo cui si alludeva – come ha osservato Rachel Ertel in un capitolo molto bello del suo libro – tradurre lo yiddish comporta una scissione implicita tra due lingue, quella della morte e quella della vita: tra queste due lingue, l’asimmetria è assoluta. Chi traduce dallo yiddish si aggira appunto tra vita e morte e il suo è anche e soprattutto un paziente lavoro di pietas verso ciò che ormai non c’è più. L’atto di tradurre dallo yiddish – scrive sempre Rachel Ertel – ha di unico il fatto che esso si confonde con la celebrazione di un lutto e con un atto di testimonianza, testimonianza dell’Annientamento3; il traduttore viene quindi a trovarsi al cospetto della lingua annientata ovverosia, potremmo anche dire per allusione, della lingua ‘non salvata’.
Da questo punto di vista la lettura e il lavoro corale contribuiscono a ricomporre parzialmente questa scissione, grazie alla tensione a ricreare fra noi un’atmosfera yiddish ormai estinta, che risulta però funzionale all’atto stesso del tradurre. Ciò significa poter convivere con quanto resta di una lingua che ci è stata brutalmente sottratta, con maggiore serenità e, di conseguenza, lavorare sui testi con maggiore disinvoltura. Traducendo insieme – penso di poter dire anche a nome dei miei compagni di lettura e di avventura – il silenzio assordante dei morti può tornare a essere voce: il testo scritto ritrova nella lettura collettiva e nel commento i suoni che gli sono stati strappati.

NOTE
1 S. Aleychem, Un consiglio avveduto, a cura di A. L. Callow (trad. di F. Bezza, H. Burstin, A.L. Callow), Milano, Adelphi 2003.
2 R. Ertel, Brasier de mots, Paris, Liana Levi 2003.
3 Ivi, p. 243.

¬ top of page


Iniziative
16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398