Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

L’ALBERO E IL PARAVENTO
di Feliciano Paoli

Sulla parete di un palazzo in Rue Descartes, a Parigi, c’è un grande albero blu di Pierre Alechinsky; vicino all’albero c’è una poesia scritta sul muro dal titolo L’arbre con la firma di Yves Bonnefoy.
Lo stesso Bonnefoy, su nostra richiesta (con Oscar Piattella e Fabio Scotto), ci ha condotti davanti a questo albero blu – come il cielo di Magritte nel quadro di L’Empire des lumières, ha ricordato lo stesso Alechinsky.
Il pittore ha accompagnato la scena principale dell’albero con una serie di riquadri dove sono narrati, alla moda dei polittici antichi, spartiti a riquadri, episodi salienti e circostanze biografiche dell’albero. Il poeta, nei suoi versi, si indirizza al filosofo (viene ovvio pensare a Cartesio) e gli ricorda – tra l’altro – la fortuna di avere un albero nella sua stessa via.

Al Museo Reale delle Arti a Bruxelles, poco dopo, mi sono imbattuto di nuovo in un lavoro di Pierre Alechinsky, un’opera di pittura composta a quattro mani con Christian Dotremont che rappresenta un paravento; vicino, in guisa di didascalia, c’è una poesia che sembra avere lo stesso titolo dell’opera, Fable abrupte. Dotremont, in questo caso, oltre ad aver firmato il testo, che sembra un correlativo della pittura, ha lavorato anche alla stesura dell’opera pittorica.
Il destino di autore di Christian Dotremont, che si è indirizzato verso gli esiti insoliti dei logogrammi, sarebbe oggi ben diverso senza l’azione di Bonnefoy.
Alechinsky stesso ha scritto che Dotremont, pur essendo uno dei fondatori di CoBrA, non sarebbe per niente conosciuto senza il generoso impegno di Bonnefoy che ha fatto emergere dall’oblio, ora in modo definitivo, l’opera del surrealista belga con la pubblicazione presso il Mercure de France (2004) delle sue opere complete a venticinque anni dalla morte.
Ho dunque riscritto questa poesia di Dotremont al Museo di Bruxelles (sperandomi amanuense decente) – quasi fosse una cartolina da inviare da questa città nella quale il barocco e il medioevo hanno coniato un’alleanza originale e inaudita e dove Baudelaire ha forse fecondato, grazie alle Madonne barocche, il motivo del mantello a double face – per farla stare in una stessa pagina con la poesia di Bonnefoy e il lavoro di Alechinsky.

Le difficoltà di traduzione per Dotremont sono in un linguaggio spezzato (abrupto - abrumpo) forse rimontato con un assemblaggio in paravento e con quella preposizione à di una direzionalità tanto vasta quanto sconcertante.
La traduzione di Bonnefoy, invece, pare invitarti con la sua piana evoluzione, portandoti vicinissimo alla comprensione, per poi riaprire (all’ultimo momento) un vallo che sembra insuperabile.

Passant, Passante
regarde ce grand arbre può bastare
et à travers lui, questo grande albero
il peut suffire. e attraverso lui
guardare
Car même déchiré, souillé, Fosse anche rovinato, insudiciato
l’arbre des rues, l’albero delle strade
c’est toute la nature, è tutta la natura
tout le ciel, il cielo per intero
l’oiseau s’y pose, l’uccello vi si posa
le vent y bouge, le soleil il vento vi si agita, il sole
y dit le même espoir malgré la stessa speranza
la mort. vi racconta
malgrado la morte
Philosophe Filosofo
as-tu chance d’avoir l’arbre tu hai fortuna di avere l’albero
dans ta rue, nella tua via
tes pensées seront moins ardues
tes yeux plus libres, saranno meno ardui i tuoi pensieri
tes mains plus désireuses più liberi i tuoi occhi
de moins de nuit più desiderose di meno notte
le tue mani
(Yves Bonnefoy)
l
Abrupte fable Fabula abrupta
d’être d’herbe de verbe de sable de flots l’essere d’erba di verba di sabbia di flutti
à serpentements d’orage strisciando tempestosamente
tentre (tenter) de fruit con la pretesa del frutto
à cheminements presque terrestres per cammini quasi terrestri
à trace de presque pas quasi tracce da niente
à presque rien d’avant quasi tutto per curve
à développements a sviluppamenti
en roue d’oiseau-lyre in ruota di uccello lira
à brusquement voler per bruschi volteggiamenti
de nuances ensemble di uniti aloni
à la nuit d’un nuage alla notte di una nuvola
doré jusqu’au soleil aurea fino al sole
à dépliures de cri alle piegature del grido
bruissements de jours mormorii di giorni
à regards de chant a sguardo di canti
(Christian Dotremont)

¬ top of page


Iniziative
6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398