Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

TED HUGHES, Collected Poems (ed. by P. Keegan), London, Faber and Faber 2003, £ 40.00.
TED HUGHES, Cave Birds. Un dramma alchemico della caverna (a.c. di E. Livorni), Milano, Mondadori 2001, € 6,71.

È da poco uscito tutto il canzoniere di Ted Hughes, quei Collected Poems che arrivano a ben 1333 pagine, e che raggruppa le raccolte principali di questo prolifico poeta: dall’esordiente The Hawk in the Rain (1957), che l’ha subito lanciato come una delle voci più stimolanti della sua generazione, al coronamento finale di Birthday Letters (1988), uscito nell’anno della sua morte. Tra le sue altre raccolte poetiche, oltre a Lupercal (1960), vanno senz’altro ricordate anche Wodwo (1967) e Moortown (1979). La critica, all’unanimità, ha però eletto Birthday Letters come il suo capolavoro assoluto; forse perché è qui che egli sembra finalmente riconciliarsi con Sylvia Plath (e con il suo ‘mito’; si veda, a questo proposito, la poesia Moonwalk, che è senz’altro tra le più belle dell’intera sequenza, dove la sua voce si unisce a quella della moglie defunta, in una specie di inquietante duetto).
Sopra, ho scritto che Hughes «sembra finalmente riconciliarsi con Sylvia Plath» perché, come ci dimostrano chiaramente i Collected Poems, egli, invero, non ha fatto altro, sin dagli anni ’60, in testi quali l’incompiuto Eat Crow (1964) e, soprattutto, in Cave Birds (1978) che è, a parer mio, un vero trionfo che nulla ha da invidiare alla compiuta bellezza della raccolta Birthday Letters, come tra non molto avrò modo di illustrare più dettagliatamente.
Poco dopo il suicidio della Plath, avvenuto nel febbraio del 1963, Hughes passò più di un anno a lavorare attorno a un dramma in versi che doveva essere un adattamento radiofonico delle Nozze chimiche di Christian Rosenkreutz (un trattato ermetico dalla forte simbologia alchemica, da Hughes stesso definito «un sogno tribale»), pubblicato in Germania nel 1616 dal rosa-crociano Johann Valentin Andreae. Qui viene descritto il mistico matrimonio tra i regali sponsa e sponsus che dovrà condurre ad una rigenerazione spirituale dell’uomo e alla sua perduta innocenza paradisiaca (in altre parole: alla renovatio della società straniata dalla Controriforma).
Hughes, però, non riuscì a terminare questo progetto da lui intitolato, non a caso, Difficulties of a Bridegroom (ovvero: ‘Le difficoltà di uno sposo’) e di cui è rimasto soltanto un lungo frammento: il già rammentato Eat Crow. Qui, il protagonista intraprende una catabasi di tipo sciamanico che lo scaraventa in un terrificante aldilà dove si sente scalpitare il bestiame e si ode il lamento continuo di un coro femminile dal quale, infine, si stacca un’unica She (‘Ella’) che si offre di fargli da guida e di ricomporgli l’anima martoriata. Il testo che, per l’appunto, non fu mai completato, non contiene l’unione mistica tra gli ‘sposi’, né – ancor meno – una qualche nota di salvezza finale.
Tutto ciò, invece, è presente nella raccolta Cave Birds (scritta nel 1975 e poi rielaborata nel 1978), il cui sottotitolo suona – non a caso – così: An Alchemical Cave Drama (‘Un dramma alchemico della caverna’). Qui, il protagonista, un uomo gravato da lancinanti sensi di colpa, subisce un processo da parte di una severa assemblea di uccelli, e dovrà difendersi, come nel testo classico chauceriano, da diverse accuse (soprattutto quella di aver offeso la natura femminile, fallendo in tutti i suoi rapporti con le donne: figlie, spose e madri). Nel Parliament of Fowls (1386) di Chaucer, tale processo ha luogo proprio nel giorno di San Valentino, e come non ricordare che la Plath si suicidò proprio a ridosso di questa data? La poesia Something was happening (‘Qualcosa stava accadendo’) tratta del dolore arrecato dalla scomparsa della donna amata e si conclude con l’immagine di colei che potrebbe redimerlo; mentre A Riddle (‘Un indovinello’) ci parla di come il doppio ‘mitico’ di quella defunta sia, per l’appunto, rinato per diventare la sua enigmatica sponsa; la soluzione dell’indovinello (‘Chi sono?’) , infatti, è colei che, al contempo, è sua figlia, sposa e madre. Nella splendida Bride and Groom Lie Hidden For Three Days (‘Sposa e sposo giacciono nascosti per tre giorni’), i due si dissolvono, disintegrandosi alchemicamente l’uno nell’altra, suscitando, così, la loro reciproca rinascita: «So, gasping with joy, with cries of wonderment / Like two gods of mud / Sprawling in the dirt, but with infinite care / They bring each other to perfection» (‘Così, ansando per la gioia, con grida di stupore / come due divinità di fango / sdraiandosi nello sporco, ma con cura infinita / portano l’un l’altra a perfezione’). Come osserva Keith Sagar, nel saggio compreso nell’edizione Mondadori: «la rinascita dell’eroe, quando arriva, deve essere davvero una questione di scoperta della giusta relazione con la donna: uomo e donna che vengono alla vita di nuovo reciprocamente».

Cave Birds ebbe origine quando l’artista americano Leonard Baskin mostrò a Hughes un gruppo di nove disegni di uccelli e il poeta vi si ispirò scrivendovi sopra un breve ciclo di poesie. Baskin, a questo punto, ne rimase così deliziato che produsse altri dieci disegni di uccelli, che ispirarono altrettante poesie; infine, fu Hughes a completare il tutto con dodici altri componimenti, richiedendo a Baskin i rispettivi disegni (anche se poi ha eliminato, oppure aggiunto, dell’altro materiale). In ogni stadio della sua ‘iniziazione / purificazione’, infatti, il protagonista viene comparato ad un uccello diverso: prima è un galletto spocchioso, poi un corvo deforme e, infine, si tramuta in un falco dorato.
Come suggerisce il sottotitolo (che lo lega ulteriormente a Difficulties of a Bridegroom), la raccolta è un «dramma», anzi un «dramma alchemico della caverna » che si riferisce, in gran parte, allo studio che Jung ha dedicato all’alchimia (Psicologia e alchimia, 1944), da quest’ultimo paragonata ad uno ‘psico-dramma’ che purifica, e trasforma, l’operatore stesso, in un processo di elevazione spirituale che lo porta alla propria ‘perfezione’ (o ‘divinizzazione’: il protagonista di Hughes, alla fine, è un ‘risorto’ che, tramutato nell’egizio dio-falco Horus, risplenderà di luce solare). Per cui, in ultima analisi, la caverna dell’alchimista altro non è se non il ‘teatro’ mentale dove si attua tale processo di ‘iniziazione / purificazione’, il cui ‘oro’ finale irradia una vitale, e rigenerante, energia psichica.
La dottrina ermetico-alchimista, tuttavia, è soltanto una delle (almeno) sei fonti intertestuali che nutrono continuamente questo testo: 1) Platone: tanto il suo resoconto della morte di Socrate (da Hughes ritenuto responsabile per il ‘morbo’ corrosivo del Logos), nel Fedone, quanto il suo ‘mito della caverna’, nella Repubblica; 2) l’arte primitiva: soprattutto gli affreschi preistorici delle caverne, come quelli di Lescaux; 3) la mitologia egiziana: a partire dall’unione sacra tra Iside e Osiride, passando attraverso Il libro dei morti, dove le anime dei defunti vengono processate da avvoltoi; 4) la letteratura persiana sufi: ovvero, il poema allegorico Mantiq al-Tayr (‘La conferenza degli uccelli’) di Farid-al-Din Attar, dove i volatili devono attraversare Sette Valli, prima di poter giungere all’agognata Luce; 5) la letteratura inglese medievale: il già rammentato Parliament of Fowls di Chaucer, dove si dibatte circa la natura ‘vera’ dell’amore; e 6) la letteratura alchemica: tra cui i già ricordati testi di Andreae e di Jung, nonché gli studi di Mircea Eliade dedicati a tale argomento. Non mancano, infine, riferimenti all’Amleto shakesperiano, all’Ulisse di Joyce, come anche alla Terra desolata di T.S. Eliot (ma ci sono, anche, echi di Whitman, Hopkins, Yeats, Lawrence e Dylan Thomas).
Per cui, sia la simbologia degli uccelli (corvi e avvoltoi fanno parte integrante anche del linguaggio alchemico), che gli allucinati paesaggi psichici dove ha luogo il viaggio sciamanico del protagonista, corrispondono ad un processo di guarigione dai cui meandri ‘sotterranei’ il falco dorato infine potrà spiccare il suo volo liberatorio verso il sole.
La già rammentata poesia Sposo e sposa giacciono nascosti per tre giorni, che è una lucente poesia d’amore (e che, insieme a Il Cavaliere, a Prima, le dubbiose mappe di pelle e a La civetta fiore, si può considerare tra le più riuscite della raccolta), si può leggere, ed apprezzare, anche estrapolandola dal contesto: qui, l’amore non solo genera vita ma la ricrea, in un linguaggio altamente mistico ed erotico che caratterizza pure quell’ altro testo dedicato all’Amore Divino che è il Cantico dei Cantici. E così, la ferita psichica si rimargina grazie alla miracolosa ‘unione degli opposti’, o mysterium coniunctionis, promossa dai saggi alchimisti. Cave Birds finisce, tuttavia, con un enigmatico Finale: «At the end of the ritual / up comes a goblin» (‘alla fine del rituale / spunta uno spiritello’); alcuni critici hanno trovato questa immagine assurda ed incoerente. Ma non è il goblin quel homunculus che sgorga dal dorato uovo alchemico? Non leggiamo, in La civetta fiore che «l’uovo-pietra / spunta tra petali covanti»? Non è, allora, il frutto stesso dell’unione o, se vogliamo, del ‘dramma’, che Hughes ci ha appena rappresentato? E cos’ è, dunque, se non poesia pura? L’edizione italiana (a cura di Ernesto Livorni) è molto accurata e, oltre al testo correlato dall’originale inglese, contiene pure un breve saggio introduttivo ad opera del curatore; e poi: una nota biobibliografica, nonché un saggio coevo di Hughes stesso (Mito ed educazione, 1977) ed un’analisi puntuale di Cave Birds da parte di Keith Sagar, una delle massime autorità in questo campo. Peccato, però, che manchino le immagini di Baskin che accompagnano i singoli componimenti, perché queste ci avrebbero segnalato, immediatamente, il tipo di uccello che vi predomina, aiutandoci, così, anche a comprendere meglio il percorso ‘simbolico’ tracciato da Hughes in questa sua memorabile raccolta.

¬ top of page


Iniziative
25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398