Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

GIORGIO ORELLI, Il collo dell’anitra, Milano, Garzanti, 2001, pp. 118, Lire 25.000 .

Il collo dell’anitra è un’epifania consueta e prealpina della rifrazione dei colori descritta da Lucrezio nel luogo (De rerum natura II 798-805) che Orelli traduce in limine: «Già nella luce stessa trasmuta un colore / se rifulge perché lo percuote obliqua o diritta; / così cambiano al sole le piume dei colombi...». Il titolo della nuova plaquette rivela così una segreta rispondenza, in capo a quasi mezzo secolo, con quello della raccolta di esordio, Né bianco né viola (Lugano 1944), dove il trascorrere dello spettro cromatico era già la devise di una poetica di nominazione delle evidenze prime e meno effabili. Come sa il lettore di Spiracoli (Milano 1989), la precedente raccolta di Orelli, niente come un colore può essere «difficile da dire» (così nel sesto dei Cardi), e le «trasmutazioni» del visibile hanno una riposta affinità con quelle della parola che lo nomina: si ricordi Verso Basilea, dove «vacche brucano in fila tra lunghe strisce d’un giallo / vicinissimo a un tratto, abbacinante, / Flachs, dice il compito signore ma sbaglia, o vede azzurro / è Raps, colza». La ‘dimostrazione’ si rinnova ora nell’importante componimento di chiusa, Le forsizie del Bruderholz, datato 1989 e suscitato da un orribile fatto di cronaca del tempo (la morte data dalle infermiere di un ospedale viennese a «pazienti forse impazienti»): che è come una variazione obbligata, e coerentissima, su un tema insieme cromatico e timbrico, il verso del Letzer Frühling di Benn alzato in esergo, «Nimm die Forsythien tief in dich hinein» (da cui, con puntuale ‘resa’ fonosimbolica, i «soffi improvvisi di silfi / malefici», la «gioia gialla di forsizie»), che affiorava già in Sinopie (Milano 1977) con «un fascio / di fiori gialli che altro non erano / che le forsizie di cui lessi in Benn» (Sera di San Giuseppe), per ritornare in Spiracoli, col gatto che «scompare lontano in un giallo / di forsizie» (Le bottiglie vuote), e ancora nella nuova silloge, in Non conosco l’azzurro: «... e nemmeno, fra tanti, il tuo giallo: / non forsizia o mimosa, ma se mai / ginestra». Dove il gioco dell’autocitazione (che assomma anche la «pastura [...] senza giallo di mimose » di Blu di metilene, in Spiracoli) vale ad accertare come il cromatismo orelliano, esente da ogni ambiguità analogica, sia un linguaggio di designazioni rigide, come una tavola periodica di essenze irriducibili. Dalla penultima all’ultima raccolta, la cifra è senz’altro quella della continuità e del riepilogo, di una «partita di ritorno», per valersi di una intestazione cara all’autore. In una sorta di esercizio di ascesi, il dettato di Orelli ritorna sulle proprie scansioni, e quasi si rastrema nella verifica puntuale di singoli ‘generi’: l’epigramma funebre, l’invettiva (Altri cardi riprende la sezione omonima di Spiracoli, sempre bilicata fra la cronaca locale e il tema ecclesiologico), la prosa memoriale, il quaderno estivo (le Estive continuano il diario di Quadernetto del mare, in Spiracoli, e il Quadernetto del Bagno Sirena, in Sinopie), la silloge di esercizi dialettali, il ‘precipitato’ della parola infantile (cui è consacrata interamente l’ampia sezione VIII), il calembour allusivo, fino al tautogramma intitolato Imber (quasi un omaggio alle ricerche di Giovanni Pozzi, dove il nome di Orelli poeta e saggista occorre più d’una volta; e da confrontare con simili esercizi, eventualmente in acrostico, del più recente Erba), o al monostico allitterante di Giro delle Fiandre, «È dura, Mauro, al Muro di Grammont», dove il nome francese della città di Geeraardsbergen chiama indubbiamente in causa anche Maurice Grammont (1866-1946), autore di uno dei testi-chiave dell’epigonismo mallarméano, Le vers français, ses moyens d’expression, son harmonie (Paris 1904). E si conferma, come acquisto definitivo e intimamente necessario, l’opzione plurilingue, nella duplice declinazione dell’eteroglossia aleatoria dei frammenti di conversazione che si riverberano «per blocchi impensati» nel parlato interiore (è specialmente il caso delle Estive, dove le tre lingue elvetiche si intrecciano nei nonsense auscultati in riva all’Adriatico) e del «cerchio familiare» dei dialetti ticinesi. Il quaderno degli esercizi dialettali forma una sezione a sé (il cui titolo, In riva al Nilo, speculare ad altri come In ripa di Tesino, evoca lo scavo archeologico, la collezione di reperti), parca nel numero quanto svariata nella registrazione, come per singoli specimina botanici, delle diverse parlate di valle: quella materna di Prato Leventina (la prima ad affiorare in Spiracoli, che a sua volta era una parola «colta nel dialetto bleniese»), il dialetto di Locarno, il «dialetto più o meno bellinzonese» (per una poesia di Spiracoli si specificava: «contado di Bellinzona»). Lo spazio dialettale di Orelli si frammenta in microcosmi autonomi, riportati alla luce nella loro qualità di unica, in un percorso euristico in tutto affine agli «accertamenti» del lettore di poesia: così il rifacimento in locarnese del carme VIII di Catullo, Pòro Catüll, piàntala de fa ’l matt, è altro che un semplice divertissement, e rinvia a certe agnizioni di Sinopie («nel presente / indicativo del suo dialetto / le doppie sibilanti sibilavano / come nel Canto Quinto dell’Inferno», in Frammento dell’ideale; «Che ur a in?, dalla u alla i / quasi come in Virgilio o nel Folengo: / barathrùm oculìs», Nel mezzo del giorno) che si prolungano qui nel gioco etimologico su «Magrissima, sempre malštranscia (male se trahens, suo dì tardo traendo)» (Zia Vera), dove la parola rammemorata si converte immediatamente in citazione poetica.

Agostino Casu

¬ top of page


Iniziative
4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

23 marzo 2018
Libri recensibili per maggio 2018

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398