Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

 

 

EVA TAYLOR, Volti di parole, con una nota di Anna Maria Carpi, Brescia, Edizioni L’Obliquo, 2010, pp. 73, €11,00.

 

 

«Scottate la lingua sulla fiamma viva / levatele la pelle / tagliatela a fettine. / Fate appassire in frasi fatte le parole. / Aggiungete una rosa, petali e spine, / portate a bollore / con un po’ di buon rimpianto, / salate, leggete. / Il tempo di cottura non è stabilito / provate a parlare di tanto in tanto. / Se qualcuno vi risponde / o qualcosa vi risuona dentro / staccate dal fondo / spegnete il fuoco. // Servite caldissima». Quest’ottima (e raccapricciante) ricetta, Echi di lingua madre, è il fulcro, il baricentro del nuovo libro di poesie di Eva Taylor, Volti di parole. Intanto perché la lingua poetica dell’autrice, studiosa, docente e poetessa, non teme le alte temperature, anzi si mette davvero alla prova del fuoco: a lei possiamo riconoscere tria corda, quanti se ne attribuiva – ricorda il Gellio in epigrafe al suo primo libro, L’igiene della bocca (2006) – il «pater Ennius», ovvero tre lingue, che nel caso della Taylor sono il materno tedesco, l’inglese della famiglia attuale, l’italiano del suo luogo di residenza e della sua scrittura in versi. E nel nodo delle lingue c’è quello della comunicazione, della risposta dall’esterno, della dialogicità con l’altro, e delle molte vibrazioni del suono interiore. In secondo luogo pe ché la compatta carnalità delle sue immagini, l’approccio diretto alla parola fatta di sostanza, ‘cucinabile’, e ‘speziabile’ con fiori e spine, con rimpianto e sale, si riverbera in tutto il libro. Volti di parole è un modo altro di declinare i tria corda: tocca l’identità personale e quella di chi scrive versi, di chi sta scrivendo il libro. L’epigrafe da Karen Alkalay-Gut funziona di nuovo come chiave di lettura onesta (oppure nobile esempio di ‘onesta dissimulazione’): «...Ihaveatwin–/She’stheone/who writes the poems / and passes them off / as mine». Ciò che in ogni caso appare indubbio è che questi volti – plurali – di parole, malgrado le tante possibili virate della scrittura, restano volti polposi, di carne, non di carta. Dominano, soprattutto nella sezione Ricettario minuto, che Anna Maria Carpi nella nota definisce «perfette operazioni sul non commestibile», la fisicità polisensoriale, l’ironia acuminata, gli scatti infallibili del precedente e notevole L’igiene della bocca. Da provare (a leggere e meditare, e da salare a piacere con il privato individuale) Carne in umido, con la sua cottura lenta, «la più lenta di tutte / due vite passate accanto»; e la Ricetta per pesce fuor d’acqua, col suo mutismo da far «raffreddare nell’acqua di cottura» e da versare «nell’alfabeto»; e il toccante e attraente Decotto di vuoto con le sue «12 ore» di carezze e di silenzio; e le Lettere in brodo, pastina scotta per uno spaccato domenicale, gioco che confonde «le lettere sulle nostre lingue / una dopo l’altra senza ordine e senso». Il libro risulta composito, di tenore poetico mutevole di sezione in sezione. E in ciò risponde alla pluralità del titolo, alla vitalità che appartiene a questa poesia elegante e decantata. Se la prima sezione, Lettere, mostra l’affiorare di qualche indulgenza effusiva o malinconica, carattere cristallino, invernale (ma di un gelo che fonde), ha la sua poesia d’apertura, Libro di neve, insieme testo e paesaggio, e in ultimo concrezione esistenziale. Voce e ritmo contenuti ha la sezione Battiti, di immagini più scorciate; «foglie di carta» crescono nella sezione Giardinaggio, e parole lì si vestono del calendario dei mesi, «parole di gennaio» che «diventano febbraio» e poi marzo, e vivono del respiro delle stagioni; e la maggiorana colta «nel Harz» mette «nel- la minestra» profumi e fascinazioni letterarie. Altro mezzo per riflettere sulle tre lingue, sulla loro ininterrotta e produttiva dialettica, è la sezione dei segni indelebili tracciati sulla pelle, Tattoos, che sotto un titolo inglese raccoglie componimenti in italiano, uno a uno rubricati sotto titoli in tedesco. Fatto salvo l’ultimo, dal titolo greco, Ekdysis, ‘evasione’, ‘fuga’, ‘scampo’, e in significato secondo ‘spoliazione’, ‘privazione’; componimento che è soccorso (richiesta e offerta di) e relitto giunto «là dove il mare finisce», col suo scarno, enigmatico e fatale messaggio in bottiglia, «Flaschenpost lingua imbottigliata».

(Cecilia Bello Minciacchi)


¬ top of page


Iniziative
19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398