Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Semicerchio XXXVII (2007/2) La forma chiusa. Poesia dal Carcere, pp.3-4



CARCERE DENTRO E FUORI.
PENA E CANTO


di Martha Canfield


Il tema del carcere è antico forse quanto le leggi che
l’hanno istituito e si potrebbero trovare esempi di testi che
ne parlano in tutti i tempi e in tutti i generi. Naturalmente
nella letteratura contemporanea, e a partire da quella che
conosciamo associata all’aggettivo engagée, il tema del
carcere acquista un valore di denuncia nei confronti della
società che costringe il povero a ricorrere ad azioni sconfinanti
nel reato, delle leggi che puniscono chi pensa in
maniera diversa da coloro che detengono il potere e del destino
fatale che fa finire le guerre con la vittoria dei più
forti e non necessariamente dei più giusti. La letteratura
spagnola ha prodotto poesia, narrativa e teatro attorno alle
sofferenze dei repubblicani che si sono visti sconfitti nella
Guerra Civile e poi soffocati lungo la famigerata storia
della dittatura di Francisco Franco: valga un nome per tutti,
quello del poeta Miguel Hernández (1910-1942), che conobbe
di persona il carcere del tiranno, dove morì malato
di tubercolosi, stremato da terribili privazioni. La letteratura
ispano-americana, che diede esempi straordinari di
poesia militante al tempo della Guerra Civile spagnola, ha
conosciuto dopo, lungo tutta la seconda metà del Novecento,
una serie di dittature con milioni di morti e carcerati,
tra cui tanti scrittori che ne hanno lasciato testimonianza.
Gli anni ’70 sono segnati dall’azione repressiva congiunta
dei regimi militari del Cono Sud, ossia Cile, Argentina e
Uruguay, associati al tristemente celebre «Piano Condor».
Mario Benedetti (Uruguay, 1920) è forse il più famoso
– insieme all’argentino Juan Gelman e al cileno Pedro Lastra
– tra i poeti che hanno parlato del dramma vissuto dal
proprio paese e dell’incubo del carcere, della tortura, delle
esecuzioni sommarie, dei desaparecidos.
Benedetti ha affrontato l’argomento in molte sue opere,
a cominciare dal romanzo in versi Il compleanno di Juan
Ángel (1971), dove si racconta la fuga dal carcere di un
gruppo di guerriglieri attraverso le fognature. Poco dopo la
pubblicazione di questo libro, si verificò la fuga di diversi
tupamaros da una prigione di Montevideo, in maniera in
parte simile a quella raccontata da Benedetti, e questi fu
accusato di avere fornito loro l’idea della fuga. Anche il
romanzo epistolare Primavera con un angolo rotto (1982)
tratta questo argomento, così come la pièce Pedro e il capitano
(1979), e molti racconti di Con e senza nostalgia
(1977) e di Lettere dal tempo (1999)1. In poesia invece il
tema è illustrato da una lunghissima serie di componimenti,
presenti in particolare nelle raccolte Lettere di emergenza
(1969-73), Poesie degli altri (1973-74), Quotidiane
(1978-79), Vento dell’esilio (1980-81), e Geografie (1982-
84)2. Per accompagnare la riflessione odierna di Benedetti
in una testimonianza inedita per «Semicerchio», abbiamo
scelto due di queste poesie, A Roque, da Quotidiane, e Alguien,
da Lettere di emergenza.
La prima è dedicata a Roque Dalton, il poeta guerrigliero,
nato ne El Salvador nel 1935 e morto nel 1975, stupidamente
assassinato da una fazione non riconosciuta –
così si disse dopo – del movimento guerrigliero del suo
paese. Dalton, che aderì subito alla causa della rivoluzione
cubana, voleva avviare la lotta rivoluzionaria anche nella
piccola repubblica centroamericana dove era nato. Conobbe
il carcere, l’esilio, la lotta armata. E di tutte queste
intense e drammatiche esperienze, per le quali Julio Cor-
(I Série, 1951-1959) Edições
Avante!, Colecção Gravuras e
Serigrafias, Lisboa 1975.
tázar arrivò a paragonarlo a Che Guevara, lasciò testimonianza
nella sua poesia3. Il secondo testo di Benedetti qui
proposto, intitolato Alguien (Qualcuno), non è dedicato a
nessuno in particolare, ma piuttosto a tutti quelli che hanno
sentito il bisogno di agire in beneficio degli altri, alla ricerca
di una giustizia autentica, affrontando i pericoli della
lotta armata; e che, a un certo punto si ritrovano in carcere,
senza però mai arrendersi.Anzi, cercano di pulire il sangue
versato con i gesti dell’amore – il nome di “lei” sui muri
della cella – , provano a modificare la rabbia con la saggezza,
la solitudine con la speranza della gioia, pur sapendo
che l’amarezza di questo vissuto non sarà mai
dimenticabile. La poesia diviene così un mezzo fondamentale
per trascendere l’orrore del momento e per conservare
la memoria, compito etico fondamentale.
Che la poesia – la letteratura – abbia una funzione
etica, al di là del fatto incontestabile che le opinioni di un
autore non possono né devono pregiudicare il valore della
sua opera, fu ribadito dallo stesso Mario Benedetti in occasione
della presentazione della poesia di Roque Dalton4.
Dalton è per Benedetti, come per Cortázar e per tanti altri,
un esempio straordinario di eroe contemporaneo, oltre che
mirabile poeta; mentre – ribadisce Benedetti – il valore di
un’opera come, ad esempio, L’Aleph non può né deve essere
ridimensionato dalle abiezioni politiche del suo autore,
e cioè Borges, per quanta indignazione esse possano
suscitare nel lettore. Eppure, la grandezza di un’opera non
dovrebbe accrescere la responsabilità del suo creatore sul
piano politico?
Aquesta domandaMario Benedetti ha risposto tutta la
vita con un comportamento ineccepibile, prima dirigendo
il «26 de Marzo», partito politico di opposizione alla dittatura
militare in Uruguay, fino a quando ha dovuto pagare
di persona questa militanza e subire un lungo e doloroso
esilio; poi associando sempre la sua eccezionale capacità
espressiva e la sua abilità tecnica e creativa nel dominio
del linguaggio con la sua visione etica del mondo e il suo
impegno militante.


1 Il titolo originale è Buzón de tiempo; trad. it. di Emanuela
Jossa, Lettere dal tempo, a cura diM. Canfield, Le Lettere, Firenze,
2000.
2 Cfr. Mario Benedetti, Inventario. Poesie 1948-2000, antologia
a cura di M. Canfield, Le Lettere, Firenze, 2001.
3 In italiano si può leggere, insieme ad altri due poeti combattenti,
nel volume curato da Vanni Blengino, Tre poeti assassinati.
Roque Dalton, Javier Heraud, Francisco Urondo, Vallecchi, Firenze,
1978.
4 Ibidem, p. 11.


¬ top of page


Iniziative
18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398