Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Philip Morre:

CAROL ANN DUFFY, Estasi, Roma, Del Vecchio Editore 2008, pp. 184, €13.00

Con la sua brillante raccolta d'esordio, Standing Female Nude (1985), Carol Ann Duffy sembrò fare il suo ingresso sulla scena letteraria armata di tutto punto così come Atena uscì dalla testa di Zeus. In realtà all'epoca di questo suo eclatante debutto era già trentenne, trattandosi quindi piuttosto del frutto di una lunga maturazione. La sua prima plaquette infatti, Fleshweathercock and Other Poems risale al 1973, ossia l'anno prima che la diciannovenne Carol Ann incominciasse una lunga convivenza col “Liverpool Poet” Adrian Henri, da 23 anni più vecchio di lei, e che darà per lo più il suo frutto letterario con la pubblicazione di una breve raccolta a due mani Beauty and the Beast (1977). Facciamo un balzo in avanti nel tempo sino al 2005, ed ecco arrivare Rapture, vincitore del prestigioso T.S.Eliot Prize nonché accolto con un certo entusiasmo ben oltre il striminzito pubblico degli abituali lettori di poesia. Forse proprio questo doppio riconoscimento ha invogliato la sempre coraggiosa casa editrice Del Vecchio a pubblicare un'edizione romana con traduzione a fronte a cura di Bernardino Nera e Floriana Marinzuli. Meglio sarebbe stato resistere: è la peggiore silloge uscita dalla penna di un importante poeta inglese in lingua italiana dopo le Birthday Letters di Ted Hughes.

Bernardino Nera ci ha fornito una introduzione molto istruttiva che ripercorre la carriera della Duffy a partire dallo Standing Female Nude attraverso il consolidamento della sua reputazione avvenuto con Selling Manhattan (1987), The Other Country (1990) e Mean Time (1993) sino al apertamente femminista tour de force in voci varie The World's Wife (1999). Nera giustamente sottolinea il suo “sguardo introspettivo, amaro e disincantato”, e questa voce lucida, quasi spietata, è indubbiamente la nota chiave di tutto il suo lavoro migliore. Lo sguardo di Estasi / Rapture, invece, è incantato a perder fiato e sdolcinato quanto l'Aperol.

Esistono sicuramente versi migliori di questi nei diari di scolarette con una cotta per la maestra di ginnastica. Le 52 poesie seguono in modo banale una storia d'amore lungo le 52 settimane dell'anno avvalendosi di una gamma straordinariamente ristretta di parole “romantiche” standard: “moon”, “rain” e “river” spuntano ciascuna in almeno un quarto di queste liriche, affiancate da “stars”, “tears” “gold” “roses” tutte in comparizioni multiple. Perfino “swoon” (svenire per sopraffazione emotiva), finora consegnata alle spiagge più fiorite della narrativa rosa, non manca all'appello: alla pagina 30 “we swooned”, alla pagina 38 è il turno delle api “swooning bees”, alla 140 addirittura “a cloud swoons”. “Dawn” è spesso un'ingrediente scoraggiante nella poesia contemporanea , ma “soft, unbearable dawns of desire” (da Swing / Altalena) merita un premio speciale per la caramellosità. Altre immagini sono trite (“happy as wedding guests”), vuote (“grey as a secret, the heron”) o assurde: “the rain came down like a lover comes to a bed” (sgrammaticata quest'ultima per giunta). Il punto più basso di questa poetica parabola è giunta con  Quickdraw / Manolesta che nel suo complesso è così ridicolo ad essere persino imbarazzante a leggere; ma tanto Tea / Tè che Betrothal / Fidanzamento non ne sono lontani.

Forse al massimo due o tre poesie potranno essere esumate dalle macerie per un futuro Selected Poems, ed è particolarmente increscioso che la migliore di esse Unloving / Insensibile sia stata fraintesa dai traduttori (altrove generalmente attendibili): “unloving” qui ha chiaramente il senso, sebbene insolito, di “disfacendo, scucendo l’amore”, piuttosto di “insensibile”. C'è forse da aggiungere che la nota 8 sulla pagina 158 evidenzia i pericoli e le insufficienze di una ricerca sull'internet: “Dear heart, how like you this?” e sì il titolo di un romanzo recente di Wendy Dunn, ma sia l'autrice che Ms Duffy sicuramente fanno riferimento più indietro nel tempo ad una poesia ben conosciuta di Sir Thomas Wyatt.

Nel 2005, quando i giudici in tutta la loro saggezza consegnavano il Premio T.S. Eliot a Rapture c'era anche nella rosa dei candidati The State of the Prisons di Sinéad Morrissey, un opera, va senza dire, di tutt'altro rilievo, nella quale si trovano i seguenti versi (da Reading the Greats):

 

Is it for their failures that I love them?

Ignoring the regulation of Selected Poems,

with everything in that should be in –

all belted & buttoned & shining –

I opt instead for omnivorous Completes.

For their froth. Their spite. For avoidable mistakes:

Larkin on Empire, say, or Plath on Aunts.

 

Al quale dovremmo aggiungere “Duffy on Rapture” – pur non dimenticando che al suo meglio, Carol Ann Duffy non sfigura affatto nella compagnia di Larkin o di Plath.

Dopo (viene voglia di scrivere: nonostante) la pubblicazione in Inghilterra di questo libro, la Duffy è stata nominata “Poet Laureate”, un ruolo che il precedente incaricato Andrew Motion è riuscito a dimostrare tutt'altro che anacronistico. È la prima donna ad indossare questo storico manto e c'è ogni motivo per aspettare che lo porterà in un modo originale e battagliero – tanto  più se riesce a riscoprire quello “sguardo amaro e disincantato”.

 Philip Morre

 


¬ top of page


Iniziative
19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398