Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Philip Morre: 

EAVAN BOLAND, Tempo e Violenza, poesie scelte, con testo a fronte

a cura di GIORGIA SENSI e ANDREA SIROTTI, Firenze, Le Lettere, pp. 234, €19.50

 

   Eavan Boland è in qualche misura la voce tranquilla della poesia irlandese contemporanea, anche se probabilmente non si riconoscerebbe volentieri in questa definizione. Rimane il fatto che la graziosa Natura Morta con Fiori Davanti a una Finestra dalla mano della madre della poeta, F.J.Kelly, che adorna la copertina, è un'indicazione più veritiera del contenuto di questa ammirevole collezione Tempo e Violenza che non il suo titolo un po' impegnativo. Boland stessa scrive:

 

Ma io ero poeta di nature interne,

al sicuro nella mia campagna

di maniglie e ingressi, la mia arcadia di elementi interni...

 

(Indoors / Interni), e poi, in Secrets / Segreti  “è perché / le storie segrete delle cose / meritano di indugiare..”, che potrebbe benissimo essere il suo credo. Ambedue i brani, per combinazione, sono tratti dalla silloge del 2007 Domestic Violence (Violenza Famigliare), dove il famigliare è ben più in evidenza che non la violenza, almeno per quanto riguarda i versi scelti dai traduttori.

   Se c'è un filone secondario che percorre questa collezione, dopo i segreti e gli interni della vita domestica, è la perdita, piuttosto della violenza, una specie di perdita imprecisa, generalizzata, una elegia continua per qualcosa che forse non c'è mai stata, come il sogno di patria di un esule della seconda generazione. Non sarà un caso che un'altra poesia della stessa raccolta s'intitola Atlantide, e un'altra ancora chiude con:

 

Torniamo a casa. Questo noi sappiamo

(ed è tutto ciò che sappiamo): ora siamo

e lo saremo sempre d'ora in poi –

e per quanto ne so lo siamo sempre stati –

 

esuli nel nostro stesso paese.

 

Qui la penultima riga sembra la chiave. Se qualcosa è sempre il caso, c'è un senso nel quale cessa di essere il caso, o almeno di essere considerevole. Ma naturalmente ciò che conta non è l'esistenza o la persistenza obiettiva di una realtà che potrebbe giustificare il senso di perdita del poeta, ma quello che lei riesce a farne, e la Boland è una scrittrice che raramente sbaglia un colpo. 

 

  Ci sono troppe poesie perfettamente riuscite in questo volume per poterne citare più di una manciata. Nominerei Biancospino in Irlanda Occidentale per la sua specificità, Le Donne per la poesia piegata dentro la vita domestica: “e mi viene a noia e mi alzo / e vado giù nell'ultima luce // in un paesaggio senza enfasi / leggero, lineare, pianificato con precisione,/ un emisfero di cotone a strati, arieggato, //un terreno di biancheria calda dal ferro / piegata e ripiegata...”, e soprattutto –    una stima, immagino, condivisa con i curatori – Tempo e Violenza, che dà titolo al libro, già ben conosciuta ai lettori di antologie della letteratura irlandese, una poesia che varrebbe la pena di citare per intero, come introduzione o come epitome del lavoro migliore di Boland: l'apertura tranquilla, quotidiana, le tre figure emblematiche di donne ferite, la pastorella “il sorriso incrinato, / il braccio ferito dalle mensole dei caminetti..”, Cassiopeia “imprigionata: pugnalata dove / la coscia toccava l'inguine e la mano / il polso scintillante, dalla punta di una stella.”, la sirena (una presenza ricorrente) “con trecce immaginarie, / il seno segnato dal sale e tutta / la desolazione del Mare del Nord sul viso.”, il finale appassionato:

 

Non possiamo sudare qui. La nostra pelle è gelata.

Non possiamo concepire qui. Il nostro ventre è vuoto.

Aiutaci a sfuggire gioventù e bellezza.

 

Cancellaci dalla poesia. Rendici umane

in cadenza di mutamento e pena mortale

e in parole in cui possiamo invecchiare e morire.” 

 

   Questa edizione appagante ci è offerta corredata di un saggio notevole dalla mano della poeta stessa, La Donna Poeta: il suo Dilemma, a suo tempo pubblicato in un altro contesto, ma che funziona bene qui come prefazione, anche se la natura esatta del dilemma rimane, come la suddetta perdita, sfuggente. Boland evoca una donna tipica (composta da più personaggi veri), studente a un 'workshop' suo, la quale scrive poesie, ma non è, non sarà, poeta: “..capirò, senza che siano necessarie molte parole, che la distanza tra scrivere poesie ed essere poeti – dati i suoi tempi e le circostanze della sua vita – le deve essere sembrata semplicemente troppo ardua, lontana e pericolosa da percorrere.” Ma questa distanza è 'ardua, lontana e pericolosa' per noi tutti, in misura più o meno uguale, ammesso che non viviamo come qualche vecchio, egoistico talmudista, coccolato e prottetto da donne bistrattate, un po' come (per sottolineare che questi ruoli sono aperti a entrambi i sessi) la Virginia Woolf era in qualche misura protetta da Leonard. 'Fare il poeta' è un'attività fondamentalmente solitaria, e pressoché incompatibile con la vita normale come la maggior parte delle persone scelgono di viverla, e in particolare difficilmente compatibile con la vita normale da famiglia. Se elenchiamo gli indiscussi giganti (anglofoni) della poesia novecentesca, Eliot, Yeats, Pound, Auden, Stevens, tutti maschi peraltro, possiamo attribuirgli un figlio (Yeats) e due figlie e mezza in tutto (dico mezza, perché Pound e la sua compagna Olga Rudge hanno depositata la loro figlia, da bambina, con una sostituta famiglia, per meglio seguire i loro rispettivi destini d'artisti). Parliamo comunque di scelta: non vedo perché chi sceglie di non intraprendere la 'strada ardua' merita o gradirebbe la nostra simpatia. C'è da aggiungere poi che sia Eavan Boland che Adrienne Rich (citata nello stesso saggio) sono notevoli esemplari di donne che hanno cresciuto una famiglia senza rinunciare al pieno impegno poetico.

   Rimane da accennare, anche se ormai il nome di Giorgia Sensi sulla copertina è una specie di garanzia di qualità, che la traduzione, in questo caso grazie a sforzi congiunti con Andrea Sirotti, è precisa e discreta, in altre parole, esemplare.

 

Philip Morre

 

 

 


¬ top of page


Iniziative
25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398