Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

GIOVANNI NADIANI, Il brusio delle cose. Sintagmi feriali in lingua bastarda, Prefazione di Simone Giusti, Faenza, Mobydick, 2014, pp. 69, 11,00.

 

«L’aspetto feriale degli oggetti» è il sintagma con cui Roberto Longhi definì memorabilmente il nucleo del realismo caravaggesco, la sua evidenza fenomenologica quasi morandiana. Ora, stando alla poesia romagnola di Nadiani, mentre continuano a vivere di una vita loro e la loro fenomenologica alterità si esprime in brusii elettrici e elettronici, gli oggetti sono anche diventati merci, esistono perfino oltre il loro valore di consumo: «la roba la va sempr avanti da par lì / a furer e’ dè» (‘la merce avanza sempre da sola / a penetrare il giorno’). Sopravvivono all’uso: i rifiuti, i rottami e le merci sugli scaffali degli ipermercati sembrano una cosa sola, saturano il mondo e quell’angolo di paesaggio italiano che è la Romagna. Tutta la seconda parte del libro (Ritrèt – istantanee) è fatta di testi brevi costruiti come altrettanti haiku in romagnolo. Dedicati a Giovanni Zaffagnini, fotografo di ‘ricerche sul territorio’, gli effetti di straniamento così tipici dei paesaggi di Luigi Ghirri: «i umbrilon asré da e’ sabion» (‘gli ombrelloni chiusi battuti dalla sabbia’) si presentano qui come parcellizzati («manifest smalvì d’partì i sbat a bangera / e pu i s staca»: ‘manifesti di partiti scoloriti sventolano / e poi si staccano’), appena attualizzati («al bicicleti mezi inriznidi dal badanti / parchigedi int e’ perch la zobia dopmezdè»: ‘le biciclette mezze arrugginite delle badanti / parcheggiate nel parco il giovedì pomeriggio’), dispersi in una tipica piazza metafisica della pianura: «porbia a mulinel la s liva tra i giarul / insimunì da e’ sol dla piaza // 3 scudlot d’gelè sfat a ruzler / contra e’ scalen de’ marciapì» (‘Polvere a mulinello si alza tra i sampietrini / storditi dal sole della piazza // 3 barattoli di gelato sciolto a rotolare / contro il cordolo del marciapiede’). E le immagini possono subire ingrandimenti brutali a documentare gli effetti provinciali della globalizzazione: «No delocalizzazione. 3 capanôn vut / vidar rot tub inriznì ziment sgrustlê //1 linzol smalvì e sfranzê e’ svintaia / a bangera»(‘No delocalizzazione. 3 capannoni vuoti / Vetri rotti tubi arrugginiti cemento scrostato // 1 lenzuolo sbiadito e sfilacciato sventaglia / a bandiera’). Di ‘feriale’ insomma, è rimasta la lingua, anch’essa staccata dagli oggetti, al loro (inutile) inseguimento: un dialetto contaminatissimo, con l’italiano, con l’inglese (‘lingua bastarda’ ma insieme forse ha ancora qualche chance di rivolta se bastèrd è anche la parola che significa ‘giovani, ragazzi’?), che resiste per frasi fatte (i sintagmi del titolo) nella memoria di chi ancora lo parla o lo ha sentito parlare ed è comunque (la sociolinguistica ce lo insegna) un po’ presente anche nell’italiano dei nativi e di chi è arrivato in Romagna negli ultimi vent’anni. Tutti i testi lunghi della prima parte sono testi-suite al modo delle performances ‘parlate’ di Nadiani fatte con accompagnamento di strumentisti jazz. A volte la performance si fa strada nei testi con il vecchio gesto dada (e delle avanguardie viennesi degli anni sessanta se pensiamo alla cultura di Nadiani che è quella di un germanista) di seminare parole esplose sulle pagina. Soprattutto, è il titolo di tutta la sezione, post-felliniano e post- Tonino Guerra: aNmarcord ‘non mi ricordo’, aperta da testo un testo programmaticamente anti-terapeutico, sull’impossibilità di usare musica e poesia come cura ritardante dell’Alzheimer (Alzpoetry e si intende soprattutto la propria poesia che sona nel «zet vut dla mi testa» ‘silenzio vuoto della mia testa’), che sancisce come la lingua feriale vada ormai slegata dal frame di un uso parlato (e scritto) condiviso. La lingua è feriale in quanto si è fatta vicaria della vita degli oggetti, li descrive perifrasticamente, ha abdicato al potere di crearli. L’immagine forte che rimane è quella del ‘poeta’ seduto nel vuoto di una serata estiva nel giardino nell’improvviso silenzio creato dalla migrazione in massa della gioventù faentina verso una discoteca della costa romagnola e interrotto solo da sirene nella notte (cioè, secondo il pattern della frase fatta: «al sireni dla pulizia – o srala la cros rosa?», ‘le sirene della polizia – o sarà l’autoambulanza?’), dall’epifania di un aereo della Ryanair («al lus de’ sòlit aparec dla Ryanair / da ca d’dio l’ultm os a sbaliner sempre piò basi / par sparir cun un rug d’la de’ fiom», ‘le luci del solito aereo Ryanair / da in capo al mondo a balenare qui sempre più basse / a sparire con un rombo oltre il fiume ...’). Nadiani sembra accogliere il consiglio finale della famosa I vècc di Tonino Guerra: «I vécc i m’à fatt sègn / ch’a guèrda bén in zéir / préima ch’a m ciéuda ad chèsa» (‘I vecchi mi han fatto segno / che guardi bene in giro / prima di chiudermi in casa’). Si è chiuso in casa. I vecchi e tutto un patrimonio di lingua e di esperienza sono un’assenza, il ricordo tutt’al più dei gesti e dei segni delle carte («i bosa e i stresa», «i taja», ‘bussano e strisciano’, tagliano’), in un finale di partita di aria beckettiana. Al buio compie gesti triviali: «a ’rves ’na bera pian / a ’pej un muzgon d’fujaza pian pian / sora un blues d’Van Morrison: Cry for Home ... » (‘lento stappo una birra / lento lento accendo un mozzicone di toscano / su un blues di Van Morrison: Cry for Home ...’). Possono sembrare i gesti del meritato riposo di chi nella scrittura ha salvato ancora una volta l’originale, un residuo di vero nelle cose e che (come scrive Simone Giusti nella prefazione) anche se sporco e male in arnese, resiste, perché passa pur sempre attraverso il corpo, cioè attraverso il dialetto. Ma gli elementi di un finale ci sono tutti: fine dell’autore, fine della lingua, fine del mondo. Soltanto, c’è il rito di spostare la fine più in là, nonostante il monito del poeta yiddish lituano-newyorkese Eliakum Zunser: «mai sopravvivere alla propria lingua». Per chi scrive una lingua feriale c’è ancora molto lavoro da fare.

                                                                                                               (Fabio Zinelli)

in Semicerchio 50 (2014, 1)

 

 


¬ top of page


Iniziative
18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398