Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

LAURA ACCERBONI, La parte dell’annegato, Roma, Nottetempo, 2015, pp. 80, € 6,50


La parte dell’annegato
(Nottetempo) 
è il secondo libro di poesie di Laura Accerboni, che ha già pubblicato Attorno a ciò che non è stato (Edizioni del Leone) nel 2010. Questa ultima raccolta è divisa in tre parti: una prima sezione omonima, che comprende sedici testi: una seconda più ampia, intitolata Solvay, che ne includetrentadue; una terza, La parte di Amletocon dodici poesie. Si possono identificaredue caratteristiche che danno coesioneal libro: la prima riguarda la forma, cioè ilmodo in cui l’autrice sceglie di andare acapo; la seconda è il grande assente diquesto libro, ovvero la prima persona. Ma andiamo con ordine. Leggendo La parte dell’annegato salta agli occhi innanzitutto una peculiarità di tipo stilistico: la brevitasTutti i testi sono molto brevi, la lunghezza massima è di due pagine. La brevità caratterizza anche il verso, che oscilla tra le due («Chiudi») e le undici sillabe, con una prevalenza per quelli di tre, di quattro e di cinque. La concisione dei versi comporta l’uso intenso dell’enjambement, che serve anche a creare effetti di straniamento, in particolare negli incipit dei testi («La spiaggia/ ha un sapore / di soap opera/ sul davanti») o nei versi finali («tu hai una famiglia/ FA-MI-GLIA»; «mentre dormi / e ti luccico/in testa / luccico, / e non respiro»). C’è un secondo aspetto che determina l’unità di questo libro e che lo rende interessante: nonostante la forma scelta possa sembrare riprendere una parte della tradizione lirica italiana, il contenuto è molto diverso, a partire dal fatto che non vi prende la parola un personaggio lirico. Vi sono, invece, molte voci: a volte viene usata la prima persona, ma questa non coincide con l’io dell’autrice, né è la stessa in tutto il libro («Il sorriso nuovo / lo metto solo / quando esco / [....] Ho anche dieci figli / e un piccolo cane / da passeggio»); in altri casi è impiegata la terza persona, singolare e plurale, in forma impersonale («Si scontasempre / qualcosa»; «Si esce con stelline/ brucianti / a rapido spegnimento / che per pochi secondi / sono simili / all’eterno»; «Domani la città / sarà deserta: / si preparano / migrazioni / verso set / più belli»); lo stesso effetto di impersonalità è ottenuto, infine, con la prima persona plurale («Rimandiamo i nostri debiti / i nostri debitori / le banche / le mani alzate»). Sia l’uso dell’enjambement sia la presenza di molte voci contribuiscono a creare un effetto di straniamento. L’attenzione di chi legge si sposta dal soggetto che prende la parola al contenuto del testo: di cosa parla La parte dell’annegato? Alcune indicazioni provengono dalle Note finali. Ad esempio il titolo della seconda sezione, Solvay, è quello di un’industria belga internazionale che ha alcune sedi in Italia: Accerboni si riferisce a quella di Rosignano Solvay, in Toscana. A causa dell’inquinamento creato dagli scarichi degli impianti, l’ambiente locale si è trasformato in modo profondo: l’acqua del mare ha un colore irreale e la spiaggia ha una sabbia chiarissima. Ancora le Note svelano il senso della terza sezione: La parte di Amleto è una risposta in versi ad alcune pagine di un romanzo del giornalista Salvatore Bruno, scritta in occasione delle celebrazioni per il cinquantenario del Gruppo 63. Altri riferimenti rimandano al traffico di organi, a un capitolo di La bellezza e l’inferno di Roberto Saviano, ad episodi di violenza domestica o di abuso di donne e bambini (non solo in Italia). Nei testi di La parte dell’annegato ci sono spesso ripetizioni, anafore, tautologie («Ieri il bambino piùalto / [...] ha dimostrato a sua madre / ciò che una bocca può fare / [...] e che una casa distrutta / è solo una casa distrutta./ Ieri tutti i bambini più alti / [...] Hanno dimostrato alle madri / l’ordine»), versi ellittici del verbo («La tradizione del vivere / la distruzione senza fretta, / un paese sconfitto/ da migliaia di scimmie / urlanti»). Queste caratteristiche, che ricordano certa poesia sperimentale italiana, contribuiscono a mimare il caos del mondo contemporaneo di cui Accerboni parla, ma in modo straniato e non immediatamente riconoscibile; ne riproducono la violenza, talvolta anche attraverso effetti di splatter («come ragni /sputiamo fili /da ogni parte / e ci mangiamo/ in mancanza di altro»). Ne emerge un interesse che potremmo definire di tipo civile: molte poesie si riferiscono a casi di cronaca; ancora nelle Note si legge che il libro «raccoglie poesie scritte tra il 2011 e il 2014. Qui uomini e donne restano intrappolati nella ripetizione del peggio». La poesia mostra il peggio attraverso una osservazione distaccata, mai commentando gli eventi in modo diretto, per sfuggire a un rischio che in alcune pagine forse rimane: quello della retorica. Accerboni è nata a Genova nel 1985; come per molti appartenenti alla sua generazione, anche per lei questo secondo libro contribuisce alla definizione di una voce. La cosa più interessante di questa autrice è la fusione di elementi tradizionali e elementi più sperimentali, che determinano – insieme alla vocazione civile – una pronuncia del tutto personale.

(Claudia Crocco)

¬ top of page


Iniziative
26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398