Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

VITO M. BONITO, Soffiati via, Rovigo, Il Ponte del Sale, 2015, pp. 120, € 15,00


Iniziata con A distanza di neve (1997) e Campo degli orfani (2000), continuata con La vita inferiore (2004), Sidereus nuncius (2009) e Fioritura del sangue (2010), la ricerca poetica di Vito M. Bonito si ripresentaoggi con Soffiati via (Il Pontedel Sale, 2015), vincitore ora del premio Pagliarani. Con la nuova raccolta Bonito conferma la forte coerenza di ‘situazioni’ concettuali e di linguaggio che trama il suo lavoro. Motivi, temi e soluzioni ritmiche comuni, ricorrenti nelle diverse raccolte e caratterizzate da un’attitudine formale assai omogenea, tornano ancora nel nuovo libro. È il caso, per esempio, del motivo delle mani/manine che appaiono nella luce; così come del motivo della confusione dei corpi nell’inorganico (ma un inorganico che ‘significa’), o di quello, sempre soggiacente (anche solo in modo allusivo), del sacrificio. Altrettanto vale per la soluzione metrica del verso breve, ripreso in sequenze verticali, e soprattutto della presenza del bianco, che non solo ha valore metrico di pausa ma anche, si direbbe, consistenza semantica. Nel complesso, per fornire una formula, la poesia di Bonito si conferma come lavoro sul lutto e come esperienza della perdita d’individualità soggettiva: del resto, in una sezione conclusiva di Fioritura del sangue si legge che «la lingua poetica è un esercizio contro la poesia». Altro che contribuire al monumento dell’autore, innalzandone il Nome a costituente della Tradizione, il rapporto con la lingua poetica significa abbandonare la poesia, ossia innanzitutto la poesia lirica, e abbandonarsi alla estraneità. Altro che Casa dell’Essere, insomma, l’esercizio poetico è dunque perdita di proprietà: l’esercizio poetico è la rivelazione della vita nel suo ordinario essere disappropriata. Proprio questo discorso sulla radicale disappartenenza fa di Vito M. Bonito una delle voci più significative della poesia attuale: la sua ricerca è infatti non solo indagine sui modi della comunicazione o confronto con la ‘tradizione del Novecento’, ma effettiva interrogazione sulla possibilità di consistere (di avere un luogo, e un posto) che la poesia ambirebbe a offrire. Se ciò fa sì che i suoi componimenti siano caratterizzati da una spiritualità dallo spiccato carattere irrazionalistico, d’altro canto proprio il continuo situarsi sul limite della perdita di sé è il senso più profondo di una volontà di ricerca che è risposta all’abbandono, al suicidio. Vito M. Bonito ha portato alla massima espressione quella «progressiva cancellazione delle difese», quel «graduale denudamento» e tendenza all’«autodistruzione» che Andrea Cortellessa gli ha riconosciuto già quindici anni fa. Nelle parole dell’autore, del testo, se «la vita è in-fantia, la parola è ‘uscita dall’infanzia’, da ciò che non si può dire»: di conseguenza, proseguiamo noi, la parola è uscita dalla vita; il che si esprime in quel ritmo «ansimante», che, «se canta, sùbito deve poi ammutolire e risillabare con cautela, con timore, ogni parola», come ha splendidamente intuito Giuliano Mesa nella sua introduzione alla plaquette Il segretario (2000). Il lettore, se lo vorrà, potrà verificare quanto qui si propone, leggendo la complessiva produzione dell’autore. Qui ci si limiterà a una sola indicazione, che riguarda le due zone estreme di Soffiati via. Voltata infatti la copertina e la pagina col titolo, arrivato alla effettiva soglia del libro, ma prima ancora che esso inizi, fermo dunque sulla pagina a fronte dell’Indice, il lettore della nuova opera di Vito M. Bonito trova un’immagine, glaciata in bianco e nero, su cui si iscrive, copiata a mano in elegante grafia, una frase di Werner Herzog, seguita, subito sotto, da un commento – ancora nella riproduzione di una grafia manoscritta – che consiste in una manciata di versi, che poi si rileggono più avanti regolarmente stampati in caratteri tipografici: «fai luce / ad una spegni / ad una le ombre / giocattolo». Alla fine del libro, leggendo le scarne Note predisposte dall’autore, il lettore apprende che un’altra manciata di versi, e più precisamente gli «ultimi tre versi della penultima poesia, scritti a mano e preceduti da un “Gesù ti cerca”, mi sono apparsi in foto su Internet. Li ho quasi restituiti alla loro purezza “acheropita”, vertiginosa e stordita». ‘Acheropita’ nella tradizione cristiana bizantina, è quell’immagine sacra che è stata realizzata «non da mano umana». Prima del libro, prima ancora della sua esistenza cartacea, una mano ha tracciato le seguenti parole: «vieni ha me / se sei stanca / io ti vacillerò». A quel messaggio, l’Autore ha risposto con la fotografia incipitaria in cui si vedono due uomini: il primo, inginocchiato e con il braccio destro alzato come nell’atto di farsi il segno della croce, e il secondo steso supino, le mani al volto. Immagine gelata, su cui si stendono le seguenti parole, «scritte a mano» e attribuite a Herzog: «hanno invocato dio perché li salvasse e lui ha mandato un arcangelo che ha scagliato la città in un lago senza foreste dove le persone vivono beate, cantando i loro inni e suonando le campane». Un segnale viene da Internet; e il poeta risponde inviando il suo libro, in un dialogo che è al tempo stesso dentro e fuori di questo mondo. Un dialogo che al tempo stesso è e non è, giacché convoca la voce che viene da fuori (presentandosi per segni certi, ma iscritta nel bagliore dello schermo) e la fissa nella sua responsabilità. Un confronto sonnambolico, ancora una volta ‘dentro e fuori’, in una dimensione davvero autre che questi splendidi versi, nel loro asintattismo, rendono con grande chiarezza: «si finisce poi / che a vivere / si ha paura // si finisce poi / che si appare in sogno / si dicono che i vivi / senso non hanno / e poi fanno insonnia / fanno terrore di prendere / sonno // fa sperare / dormire // a dormire / si finisce / impazziti».

(Giancarlo Alfano)

¬ top of page


Iniziative
26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398