Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

UGO FRACASSA, Per Emilio Villa. 5 referti tardivi, Roma, Lithos, 2015, pp. 163, € 11,00.


Il volume che Ugo Fracassa dedica allo studio di Emilio Villa, in occasione del centenario dalla nascita, comporta cinque saggi scritti fra il 1997 e il 2014. Malgrado il minimalismo del titolo (Referti), si tratta in realtà di un insieme organico, una ricca e approfondita ricostruzione del percorso poetico del Villa, condotta a partire da inediti o rari (qui riprodotti e annotati), lettere, traduzioni, articoli, che fa luce sul percorso di un poeta (che considerava già la poesia come “azione” quando la critica si concentrava ancora sull’oggetto) ancora oggi in ombra, fra le due avanguardie, al margine dell’ermetismo, evidentemente contro corrente. Aldo Tagliaferri, già editore e studioso di Villa, nella densa nota finale, saluta il lavoro di interpretazione svolto da Fracassa, a cominciare dall’esegesi del manoscritto della poesia verbovisiva (in forma di clessidra o ‘X’) che il poeta indirizzo a Contini nel 1982, sulla quale si sofferma il primo referto del libro: «Villa in Ytalya». A partire dall’analisi della sua pseudostruttura chiastica, Fracassa vi individua un divario fra la visione del poeta (la sua fuga in avanti attraverso e oltre la lingua, i salti di codice, la polisemia, il continuo andare oltre le frontiere, comprese a volte quelle del “senso”, oltre l’idea di opera assoluta ecc.) e quella dell’illustre filologo che mantiene una visione umanista dell’opera (non disposto a sconfinare oltre ogni referente): il critico conclude che «un’incomunicabilita genetica preclude il connubio», sigillando fra l’altro «la congiura del silenzio» su Villa, la sua esclusione dalle antologie italiane. Nel secondo referto («Villa Gaelico»), vengono approfonditi i legami, tutt’altro che piani, di Villa con la critica letteraria italiana degli anni tenta e quaranta: il rapporto con «Frontespizio», in cui il poeta lombardo aveva pubblicato la traduzione di poesie gaeliche, il senso di quelle traduzioni, la presa di distanza da Bo ecc. Fracassa mostra cosi il percorso di allontanamento non solo dalla critica ermetica ma dalla critica tout court, come si riscontra in un articolo del 1943 su O. Macri: «egli [il critico] rifa la strada compiuta dal poeta, a ritroso, in un tentativo doloroso e fallimentare di chiarire una strada dove i passi si cancellano sotto una pioggia senza rumore». Cosi anche la sorprendente e creativa prosa critica di Emilio Villa, studiata nel terzo capitolo («L’ordine o la foga»), non deve essere considerata per Fracassa come un genere distinto ma facente parte di un corpus multiforme e coerente, come un “rumore” ininterrotto, una costante ricerca della conoscenza con “l’ordine o la foga”. Sono prese in esame le critiche d’arte (su Antonio Vangelli in particolare) come prova dell’importanza dell’intuizione di Villa, all’epoca dell’informale, e della certezza che la parola critica e sempre “tardiva” rispetto alla poesia o la pittura d’azione. Il quarto referto tardivo (si capira ora il senso dell’aggettivo di ascendenza villiana scelto da Ugo Fracassa per il titolo) intitolato Versi fuori stagione, studia le Vanita verbali (1983), che avrebbero dovuto costituire un libro di versi e tavole, in collaborazione con il pittore Ajmone. L’analisi condotta dettagliatamente su più piani (linguistico, strutturale, intertestuale, analogico), permette una comprensione profonda dell’opera, pur lasciandole la sua parte di mistero. L’ultimo capitolo, Luogo senso e/o impulso. Una lettura inedita, si concentra su annotazioni databili intorno agli anni ’60, riflessioni poststrutturaliste e semiologiche anticipatrici o comunque in linea con le ben conosciute problematiche della neoavanguardia. Fracassa dimostra come il ragionamento prenda «ad avvitarsi in una spirale di mortifera tautologia: “il senso è l’essere il senso / il senso è il senso di se medesimo / e solo questo”». Cosi: «seppure per la tangente di una trafila eretica ed inassimilabile a qualsiasi scuola teorico-letteraria, Villa arriva poi a registrare nelle sue “Note” la medesima impasse che Algirdas Greimas aveva patito: “la parola / che non si riesce a /togliere di mezzo, e che / ci vincola, è / SENSO”».

(Margherita Orsino)



Emilio Villa è stato un traduttore eclettico, un acuto critico d’arte e l’autore di una corposa produzione poetica; il suo percorso intellettuale ha incrociato quello di artisti, poeti e protagonisti della scena culturale italiana e non solo, dagli anni Trenta agli ultimi decenni del secolo scorso; la sua critica d’arte ha anticipato intuizioni penetranti sulla pittura come azione, mentre la sua poesia vorticava intorno al presentimento di un vuoto primordiale. Tuttavia, i frutti dei molteplici talenti del poeta di Affori risentono non solo di un ostracismo critico non del tutto superato, ma anche del cupio dissolvi di Villa, che rende la ricostruzione della sua opera tanto ardua quanto affascinante. Un significativo contributo alla ricerca delle ragioni villiane è offerto dal volume di Ugo Fracassa Per Emilio Villa, che raccoglie cinque “referti tardivi” come tardiva e, secondo il poeta, non solo la critica, ma la stessa parola poetica rispetto alla sua inattingibile origine. L’indagine attenta e paziente di Fracassa si fonda sull’analisi di alcuni inediti (rinvenuti presso il Fondo Villa della Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia e il Fondo Contini della Fondazione Franceschini di Firenze, per citare solo due dei molti archivi setacciati dal ricercatore) e sulla ricostruzione di alcune relazioni del poeta (il dibattito interrotto con i redattori del «Frontespizio», i carteggi dispersi, i progetti incompiuti con pittori e intellettuali), non senza riferimenti a Il clandestino (DeriveApprodi, 2004), la biografia compilata dal più autorevole conoscitore di Villa, Aldo Tagliaferri, autore anche della nota che chiude il volume. All’indomani della pubblicazione de L’opera poetica di Villa (a cura di C. Bello Minciacchi, L’Orma editore, 2014), Ugo Fracassa realizza un prezioso complemento antologico e un accurato esperimento critico, interrogando alcuni territori marginali dell’universo villiano per rinvenire il filo che armonizza le esplorazioni del poeta sulle tracce di un’origine dispersa eppur presente, attuale e sempre odierna nel segno artistico: dalle giovanili traduzioni del bardo gaelico Mac Intyre, che promuovono la liberta di trasfigurazione della parola, fino ai testi redatti per penetrare la “voce” di un certo pittore e poi convertiti a uso e interpretazione di un altro, come in un discorso unico intorno alla stessa urgenza; dal frontespizio di un libro di fisica, trafugato in biblioteca per appuntarvi un’illuminazione sull’«universo bruciante logos», fino al foglietto verbovisivo per Contini, un chiasmo di segni che registra l’estremo tentativo di riavvicinamento del poeta al grande filologo, ma che designa al contempo una rassegnata divergenza di direzioni. Sono tutti materiali selezionati per la loro negletta ma innegabile significativita (e Fracassa non è nuovo al metodo dello “sconfinamento”, avendo riflettuto sulla produzione per l’infanzia di grandi autori italiani e occupandosi di letteratura postcoloniale e migrante): una prassi interpretativa che consente al ricercatore di ricalibrare il punto di vista e inaugurare prospettive nuove. Un’altra procedura critica sperimentata da Fracassa è la lettura sonora — performativa e diveniente, come un gesto eracliteo — del testo villiano Luogo e impulso, finalizzata ad amplificare il dettato testuale e ad attivare una dicitura poetica (e quindi un’auscultazione critica) più ricca di risonanze. La scrittura praticata da Villa, scrive Fracassa, «vive nell’atto della pronuncia, nel gesto della grafia, ci richiama alle “umane azioni necessarie”» e testimonia come l’inesausta consuetudine del poeta con i segni — primordiali e odierni, sibillini e labirintici — tenti di accerchiare e arginare un trou abissale, un mistero irrisolto ma, proprio per questo, irrinunciabile.

(Annalisa Maniscalco)

¬ top of page


Iniziative
9 dicembre 2022
Semicerchio a "Più libri più liberi", Roma

15 ottobre 2022
Hodoeporica al Salon de la Revue di Parigi

19 settembre 2022
Poeti di "Semicerchio" presentano l'antologia ANIMALIA

13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398