Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

WALT WHITMAN, Foglie d’erba, a cura e con un saggio introduttivo di Mario Corona, Milano, Mondadori, I Meridiani 2017, pp. CLXXXVI+1658, € 80,00.

in: 
Semicerchio LVI (2017/1) (Neo)Barocco. Poesia del Seicento nella teoria contemporanea, pp. 158 - 159


Dopo anni di gestazione, i Meridiani
mondadoriani ospitano una nuova edizione integrale italiana di Leaves of Grass, basata sull’ultima edizione autorizzata da Walt Whitman, che com’è noto non cessò mai di accrescere la prima edizione uscita nel 1855, quando aveva 36 anni. Questa è la terza traduzione integrale dell’opera massima di un poeta «grande, che contiene moltitudini». E moltitudini di versi. La dimensione del volume, che a differenza della precedente versione integrale einaudiana di Enzo Giachino (1950), riproduce anche il testo inglese, è tale da incutere soggezione. E l’apparato non è da meno, visto che a 186 pagine ‘romane’ di Introduzione (I-CVII) e Cronologia (CIXCLXXXXVI) si affianca un Commento di 238 pagine. Dunque abbiamo a che fare forse col più esteso libro su Whitman che l’Italia abbia prodotto, per quanto egli si legga da noi fin da quando era in vita.
Gli appassionati e i curiosi troveranno qui tutto lo scibile whitmaniano, la sua vita narrata giorno per giorno, la sua famiglia, i suoi incontri con ammiratori americani e inglesi, i suoi confronti con Emerson e Thoreau, i suoi amori o innamoramenti che mai lo condussero a una relazione stabile. Mario Corona, dati i tempi, è particolarmente attento al discorso omosessuale nelle sue varie declinazioni. Whitman vedeva la democrazia americana come basata anche su un nuovo ideale amore fra i ‘compagni’ (camarados), compagni di strada che però gioiscono di intimità fisica, dormono allacciati. Ai suoi tempi nessun recensore si accorse che questo poteva implicare l’«amore che non osa dire il suo nome», ed Emerson sembra si preoccupasse soprattutto di quelli che gli sembravano eccessi di erotismo eterosessuale. Ma certi lettori inglesi e militanti omosessuali come Wilde, Edward Carpenter e J.A. Symonds vollero riconoscere in Whitman il loro bardo e quando Symonds gli scrisse chiedendogli di dichiararsi apertamente ne ebbe una meritata risposta depistante: «Sebbene non mi sia mai sposato ho avuto sei figli... Voglio sperare che su quelle pagine non si dica neppure una parola che indichi una possibilità di deduzioni morbose... che respingo e mi paiono condannevoli». Paradossi della sorte, questo diventa invece proprio il leitmotiv dell’apparato del nuovo Meridiano.
Il saggio introduttivo si intitola appunto La gallina furtiva e il gatto dalla coda troppo lunga. Whitman dice spesso che vuol essere capito ma non capito mai del tutto, ci aspetta e ci sfugge. «Io da qualche parte sto fermo ad aspettarti» è l’ultimo verso (il v. 1346!) di Song of Myself. Ma non è così sempre il testo poetico? Una poesia spiegata è una poesia morta, diceva Wallace Stevens. In ogni caso, l’apparato di Corona permette al lettore speleologo di calarsi nella cultura dell’età di Whitman con i suoi grandi eventi (la Guerra civile) e grandi libri, e anche di calarsi nella cultura del nostro tempo, che naturalmente crea un suo Whitman, aggiornato ma si spera sempre sfuggente e talvolta illeggibile.
Randall Jarrell diceva che «come pochi poeti hanno scritto meglio di Whitman, pochi hanno scritto peggio». Anche Corona è severo con il Whitman fiacco e ipertrofico della maturità, e consente con il giudizio prevalente che l’opera più significativa si arresta poco dopo la Guerra civile e si trova soprattutto nelle prime edizioni fino al 1860. Ciò non impedisce a Corona di tradurre con grande attenzione e sensibilità tutto il corpus, e di darci la possibilità di rileggerlo, mentre nelle note minuziose e discorsive non di rado cita traduzioni precedenti in italiano e altre lingue. Insomma questo Meridiano instaura un lungo dialogo spesso affabile su Whitman col lettore/lettrice... (Whitman è uno dei primi a scrivere quasi sempre ‘he or she’, cioè a non sussumere il genere femminile al ‘he’. Contro la lingua sessista! E ad attribuire alle donne impulsi sessuali che pare fossero tabù. «Stenditi sulla schiena e pensa all’Inghilterra», suonavano le istruzioni prematrimoniali delle mamme vittoriane).
La copiosità del materiale offertoci può sì sconcertare. Non è il Whitman migliore in alcune pagine, alcuni versi? (Alcuni versi di Whitman era appunto il titolo di Jarrell.) «E basta un’occhiata della giumenta baia a farmi rinsavire». Siamo in Song of Myself, ultimo verso della sezione 13: «And the look of the bay mare shames silliness out of me». Disperante (esaltante?) lavoro del traduttore. Letteralmente «to shame silliness out of me» significa «mi dà vergogna della (e libera dalla) mia stoltezza». Dato il contesto esagitato di Whitman, Corona ha scelto una frase più generica. Whitman ammette di essere pazzo e che il contatto con lo sguardo della cavalla lo corregge, lo purifica di tutte le stoltezze e i giochetti dei rapporti umani inautentici. Silly, che bella parola quando uno ha il coraggio di dirla di sé. Confrontiamo Giachino (1950): «E lo sguardo della giumenta baia mi fa vergognare della mia stoltezza e l’espelle». Un po’ lungo, perché a differenza di Corona che si accontenta di una frase breve e vigorosa qui ogni implicazione viene esplicitata. Ma una delle funzioni della traduzione è rivelare l’originale tradendolo, cogliendone solo una parte. Ci invita a un’avventura testuale, e poetica. Ma si diceva dello sconcerto davanti all’ipertrofia delle Foglie whitmaniane (Leaves è un gioco di parole: ‘foglie’ ma anche ‘fogli’!). In realtà questo Meridiano così massiccio non deve trattenerci dall’addentrarci in esso anche a caso, e allora troveremo versi che non conoscevamo, una scena di un arrotino circondato da bambini (p. 892), un incitamento a meglio divenire noi stessi: «Va’, caro amico, se necessario rinuncia a tutto il resto e comincia oggi ad allenarti a coraggio, realtà, amor proprio, precisione, elevazione...».
Forse qui siamo un po’ troppo nel dichiarativo, nelle frasi da scrivere sul calendario. Whitman è sempre didattico, come forse tutta la letteratura americana, ed è naturalmente molto religioso in senso non confessionale. Usa proprio la parola ‘religione’ come fatto centrale della sua opera. «Sappi che solo per lasciar cadere nella terra i germi di una religione più grande / Gli inni seguenti, ciascuno di un tipo, io canto. // Compagno mio! / T’invito a condividere con me due grandezze, e una terza che più fulgida sorge e le altre assomma, / La grandezza dell’Amore e della Democrazia, e la grandezza della Religione. // Melange mio personale di visto e di non visto, / Oceano misterioso ove sboccano i rivi, / Spirito profetico della baluginante materia intorno a me cangiante... » (Partendo da Paumanok, pp. 49-51). E’ quasi impossibile distinguere retorica da visione, ed è giusto che sia così. Fra l’altro in questo Meridiano ogni poesia porta in calce la data di prima pubblicazione e revisione finale, il che subito può permetterci di scegliere il periodo che preferiamo.
Da tanto tempo leggiamo Whitman. Il passo che ho citato sopra si trova già in Canti scelti di W.W. tradotti da Luigi Gamberale (Milano, Sonzogno 1890), dove suona così: «Sappi tu: solamente per far piovere sulla terra i germi di una religione più grande, / Io canto questi canti, ciascuno per la parte sua, / – Mio camerata, / A te sta il partecipare con me a due grandezze, e ad una terza altresì, inclusa in esse e più splendida, / Alla grandezza dell’Amore, della Democrazia e con esse alla grandezza della Religione. / E’ mia propria questa unione del visibile e dell’invisibile, / Questo oceano misterioso dove le correnti confluiscono...» (manca il verso successivo, forse non c’era nell’edizione consultata dall’ottimo Gamberale).
Mentre la tradizione della traduzione continua a fluire, e continuerà, a noi però è data la possibilità, l’invito whitmaniano, di appropriarci via via di nuove parti del corpus sterminato lasciatoci dal buon Walt. Per esempio questa bellissima e programmatica Starting from Pauimanok (228 versi) non è fra le sue poesie più note a noi che a volte stentiamo già ad arrivare in fondo a Song of Myself e sappiamo che le cose migliori sono nelle prime edizioni del 1855 e 1856. (Partendo da Paumanok – nome aborigeno di Long Island dove appunto Walt nacque – è del 1860.) Sicché i lettori italiani di poesia del 2000 non sbaglieranno procurandosi la compagnia avventurosa di questo Meridiano, magari dissentendo da certe sue accentuazioni, ma essendo grati a Mario Corona di aver ‘parlato tanto’ (e bene) di Whitman e di darci una possibilità di riscoprirlo.
Whitman insuperato poeta della corporeità e del tatto, poeta visionario folle, ma anche una grande testa pensante. Si legga il tardo saggio di commiato Uno sguardo retrospettivo alle strade percorse, che Corona come già Giachino traduce (con testo a fronte) in appendice. Colpisce il gran buon senso, la fermezza, la nobiltà di questo discorrere. La giumenta baia e la morte hanno ripulito Walt di ogni silliness. Ma se non fosse anche per la silliness non sarebbe quel grande poeta che è: «Questo profumo delle mie ascelle è aroma più fine della preghiera».

(Massimo Bacigalupo)

¬ top of page


Iniziative
8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398