Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

GEOFFREY HILL, Collected Critical Writings, a cura di Kenneth Haynes, Oxford University Press, 2008, £25.00

 

Una delle più inaspettate svolte letterarie degli ultimi anni è stato l’innalzamento di Geoffrey Hill alla condizione di Grande Poeta. La fascetta pubblicitaria della sua recente silloge Per chi non è caduto – Poesie scelte 1959-2006 (con traduzioni a cura di Marco Fazzini), presso l’ammirevole editore Luca Sossella, lo vorrebbe addirittura “..probabilmente il maggiore poeta inglese del secondo Novecento” – e questo nel mezzo secolo di Philip Larkin, Ted Hughes, Thom Gunn, Stevie Smith…, per non parlare dei rappresentanti della precedente generazione, ancora in vita e attivi per almeno una parte di quel periodo, Basil Bunting, W.H. Auden, Louis MacNeice… E’ notevole anche che questa incoronazione non sia avvenuta sull’onda di un indiscusso capolavoro tardivo, come fu appunto il caso di Bunting, il cui Briggflats (1966) diede il via a una rivalutazione complessiva delle sue precedenti opere. Le opere di Hill sono quelle di sempre, e la pubblicazione dell’ultima raccolta Without Title, nel 2006 non ha di per se stessa sensibilmente aumentato (o diminuito) la sua reputazione. Una spiegazione, sebbene parziale, sembra proporsi spontaneamente: tutti i poeti nominati qui sopra sono morti. La vita premia anche la persistenza.

   Ora la Oxford University Press ci propone anche un altro strumento per valutare il Professor Hill: Collected Critical Writings (curato da Kenneth Haynes). Il volume raccoglie nella santificante tela blù della famosa casa editrice più di 800 pagine (comprensive di 170 pagine di note) di saggi vari, usciti dalla penna del poeta, a partire da quelli già pubblicati nel celebre The Lords of Limit (1984) fino a una serie di conferenze inedite dell’ ultimo quinquennio.

   Hill ha trascorso la sua intera vita dentro le aule di varie università e evidenzia una formidabile erudizione. Il suo campo prediletto è il Seicento inglese, da Shakespeare (‘The True Conduct of Human Judgment’: Some Observations on Cymbeline) a Dryden (Dryden’s Prize-Song), morto alle soglie del Settecento. Ma è presente anche Swift (Jonathan Swift: The Poetry of Reaction) fin dentro la prima metà di quel secolo, mentre un’ escursione nella direzione opposta ci offre una recensione, non priva di sprazzi di umorismo (qualità più diffusa in questo libro di quanto la reputazione di quasi esagerata serietà del poeta ci farebbe presumere), della storica traduzione biblica di William Tyndale del 1534, così come essa è stata riproposta dalla Yale University Press nel 1989, con “ortografia modernizzata”, e insieme di una versione moderna e modernizzante della Bibbia, proposta dalla Chiesa Anglicana nello stesso anno. Non dovrebbe sorprendere che Hill sia ostile a questi tentativi di semplificare la vita ai cristiani pigri: “To make Tyndale’s Revised New Testament of 1534 ‘accessible’ to ‘today’s reader’ is not to discover it as the modern book it once was. The modern book it once was remains in the sufficiency and jeopardy of ‘its difficult early sixteenth-century spelling’”. Quel “sufficiency and jeopardy” (carattere sufficiente e azzardo) è una formulazione assai amata da Hill, due termini secenteschi, non ovviamente abbinabili, da lui appaiati e trascinati nel Novecento.

   L’interesse di Hill per queste traduzioni della Bibbia è tutt’ altro che casuale. Egli non esita a mettere in primo piano la sua sofferta fede. Parlando di Charles Williams, uno scrittore cristiano dell’anteguerra il cui pubblico è ormai ridotto a una striminzita nicchia di fedeli, egli scrive: “As a Christian also he would have understood the fundamental dilemma of the poetic craft: that it is simultaneously an imitation of the divine fiat and an act of enormous human self-will.” Riconosciamo qui certe sue tattiche ricorrenti: “understood”, al posto di “believed” dà per scontato quello che è alquanto discutibile; volere che la pratica della poesia sia “an imitation of the divine fiat” è, dobbiamo dire, retorica vuota, che deve poi essere bilanciata con “enormous”, un aggettivo surriscaldato nel contesto. Altrove egli scrive, “I would seriously propose a theology of language” dove quel “seriously” sembra denunciare un’insolita incertezza, come se anticipasse la risposta: “Ma stai scherzando!”

   Si leggono sempre i poeti-critici nella speranza di poter intravedere uno spiraglio sui loro procedimenti poetici, oppure di capire qualcosa dell’ opera attraverso ciò che essi pensano dei propri contemporanei. Che Hill decida di tacere sul primo argomento è una scelta che va rispettata, ma è a dir poco sorprendente che in quasi trent’anni di scrittura sulla poesia, egli non nomini, della lista che ho citato in apertura, proprio nessuno, tranne Larkin, in una sprezzante parentesi, e Auden, tre o quattro volte, ma sempre per interrogarne le idee e non la poesia (quando non sia per definire “ignominious” i suoi ultimi esili libri). Questo rifiuto di misurarsi con i suoi pari (o maggiori) è indubbiamente voluto: il saggio Poetry and Value (2000) così conclude,

 

A poem issues from reflection, particularly but not exclusively from the common bonding of reflection and language; it is not in itself the passing of reflective sentiment through the medium of language. The fact that my description applies only to a minority of poems written in English or any other language, and to the poetry written in Britain during the past fifty years scarcely if at all, does not shake my conviction that the description I have given of how the uncommon work moves within the common dimension of language is substantially accurate.

 

Una dichiarazione donchisciottesca che ricorda più che altro la proverbiale mamma che vede soltanto il suo beniamino marciare al passo.

 

 

Philip Morre

 


¬ top of page


Iniziative
9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

23 marzo 2018
Libri recensibili per maggio 2018

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398