Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

IN SEMICERCHIO, RIVISTA DI POESIA COMPARATA LXV (2021/2) pp. 117-118 (scarica il pdf)

Madonne. Regine, principesse e nobildonne nella letteratura medioevale, a cura di DONATELLA MANZOLI, Spolia 2020, pp. 241


Nella storia della letteratura medioevale le donne, descritte o scriventi, appaiono riunite in un hortus conclusus che, a dispetto di limiti perimetrali non troppo ampi, racchiude una straordinaria diversità di forme. Il volume Madonne. Regine, principesse e nobildonne nella letteratura medioevale, a cura di Donatella Manzoli, seguendo il filo rosa della regalità femminile attraverso i contributi di otto studiose (Manzoli, Stoppacci, Bartoli, Degl’Innocenti, Iacono, Spetia, Digilio, Tonelli), restringe il campo d’indagine a quelle donne che, in virtù del loro stato sociale privilegiato, emergono al di sopra della “massa anonima femminile”. 
Il volume Madonne. Regine, principesse e nobildonne nella letteratura medioevale, a cura di Donatella Manzoli, seguendo il filo rosa della regalità femminile attraverso i contributi di otto studiose (Manzoli, Stoppacci, Bartoli, Degl’Innocenti, Iacono, Spetia, Digilio, Tonelli), restringe il campo d’indagine a quelle donne che, in virtù del loro stato sociale privilegiato, emergono al di sopra della “massa anonima femminile”. 
Apre la schiera delle nobildonne un corteo di dame carolinge, che nel poemetto in esametri noto come Karolus Magnus et Leo Papa, attribuito a Modoino di Autun, figurano sorprendentemente presenti a una battuta di caccia. Integrando e ampliando le considerazioni di Peter Godman relative al modello venanziano del Karolus Magnus e alla presenza delle dame carolinge nei panegiristi del re, Donatella Manzoli (Le principesse di Carlo Magno e i gioielli di Venanzio Fortunato, pp. 7-36) dimostra come i versi di Teodulfo e di Angilberto di Saint-Riquier, unitamente agli esametri di Modoino e ad alcune asciutte righe di prosa tratte dalla Vita Karoli di Eginardo, vengano a configurare “un piccolo esercito di donne”, la cui rilevanza deve essere ascritta al ruolo di “vertice politico” che le figlie del re avevano assunto collettivamente, specie dopo la morte della regina Liutgarda, ultima moglie legittima di Carlo Magno.
Saranno poi le dominae imperiales e le virgines moniales di casa Sassonia a “ritagliarsi uno spazio privilegiato in una società governata da soli uomini”, secondo le parole di Patrizia Stoppacci («Acutissima Minerva». Da Hadwig di Svevia a Rosvita di Gandersheim: committenti, maestre e letterate della dinastia ottoniana, pp. 37-68), esercitando poteri politici ed ecclesiastici non inferiori a quelli dei duchi, dei sovrani o dei vescovi coevi e divenendo promotrici di cultura.
Un passo ulteriore nell’indagine del rapporto intercorrente tra le variabili del genere, del rango e del ruolo è svolto da Elisabetta Bartoli (Badesse e nobildonne: potere al femminile tra collezioni epistolari e fonti archivistiche, pp. 69-92), mediante l’esame di alcune lettere-modello datate al XII secolo, in cui figurano come interlocutrici donne “socialmente esposte”. È il caso della contessa-vedova o della badessa-feudatario, entrambe costrette ad assumere la gestione patrimoniale, richiedendo (e promettendo) all’occorrenza aiuti militari o denunciando turbative subite. Dal confronto di questi exempla con epistole in cui, a fronte di situazioni del tutto analoghe, figurano interlocutori maschili, è possibile rilevare, osserva la Bartoli, un’identica retorica epistolare, che “non muta se l’interlocutore è uomo o donna”, giacché “è il ruolo che fa la differenza”. Una constatazione che, sebbene significativa, può tuttavia considerarsi valida soltanto per quelle “categorie femminili” – la vedova e la badessa – “a cui la mancanza di un uomo vicino conferisce fisionomia autonoma e virile”.
L’assenza del contrappeso maschile caratterizza anche un’altra, rivoluzionaria, immagine di donna, quella della “santa nobile”, che “mostra ancora in controluce i valori della cultura di corte (la nobiltà, la bellezza, la virtù), ma che al tempo stesso dà a quei valori un senso completamente diverso”. Sono queste le parole con cui Antonella Degli Innocenti (Nobili e sante: le donne di casa d’Este nel XIII secolo, pp. 93-110) tratteggia il profilo di Beatrice I d’Este, esempio di santità nobiliare, che la studiosa affianca a quello della nipote Beatrice II, riservando infine qualche accenno a Beatrice III, morta “in odor di santità”, senza tuttavia prendere i voti.
Del tutto diversa è invece quella “santità al femminile”, fatta di obbedienza filiale e coniugale, indagata da Antonietta Iacono (Mogli aristocratiche e regine. Educazione femminile e regalità nella Napoli aragonese, pp. 111-134), che muovendo dal ritratto della “donna – coniunx” presente nel De obedientia del Pontano giunge a esaminare la “funzione economica” della moglie ravvisabile nel trattatello De concordia et ineundo coniugio del Caracciolo, autore inoltre di quattro biografie di donne (la vita della sorella e della regina Giovanna I e le due biografie mitiche di Penelope e Didone), presentate come exempla virtutis.
Fortemente avverso alla castità delle donne, nemica della bellezza, è l’anonimo autore del romanzo in lingua d’oïl Partenopeus de Blois, presentato da Lucilla Spetia (Nomen omen: la Melior del Partenopeus de Blois e il suo autore, pp. 135-170) al fine di illustrare “la femminilizzazione del desiderio erotico”, incarnata dalla protagonista Melior, erede dell’impero bizantino, che, contro ogni convenzione, sceglie il proprio amante, ricerca il piacere erotico, conosce le arti liberali, la medicina, la teologia e la magia ed esercita prerogative proprie dei clercs e degli chevaliers.
D’altra parte l’immagine di una donna che non è più “il sostegno del cavaliere (…) ma rappresenta ella stessa un modello di norme alternativo”, secondo le parole di Maria Rita Digilio (Laudine e il doppio finale dell’Iwein di Hartmann von Aue, pp. 171- 190), è offerta anche dalla figura di Laudine nell’Iwein di Hartmann von Aue, il quale assolve completamente la regina dalle accuse di frigidità e volubilità a lei rivolte da Chretién de Troyes nell’Yvain.

È infine un’autoassoluzione letteraria quella di Francesca da Rimini, che, come scrive Natascia Tonelli (Libri galeotti da Eloisa a Flamenca a Francesca, pp. 191-210), “ammanta di favoloso e romanzesco il suo traviamento nelle parole di Dante”. Attraverso un percorso fatto di “libri galeotti”, che lega l’immoderatus amor di Eloisa alla passione di Flamenca e al piacer sì forte di Francesca, la studiosa confuta l’idea che la nobildonna di Rimini sia, nelle intenzioni di Dante, un “paradigma negativo”.
A scapito dunque di un titolo che parrebbe evocare “lo stereotipo di un medioevo fantasy e fiabesco”, il volume presenta un mondo femminile estremamente concreto, protagonista e oggetto di un continuo adattamento al divenire storico, nel tentativo di superare i limiti imposti dal genere, ora attraverso la legittimazione politica e intellettuale, ora mediante la santità spirituale o domestica, ora gridando alla rivendicazione di diritti erotici, ora affermando una muliebre virilità, in un percorso che, senza cedere alla tentazione di proiezioni o parallelismi impropri, getta le basi e offre utili strumenti per la definizione della donna moderna. 


di Chiara Bellaveglia

¬ top of page


Iniziative
9 dicembre 2023
Semicerchio in dibattito a "Più libri più liberi"

15 ottobre 2023
Semicerchio al Salon de la Revue di Parigi

30 settembre 2023
Il saggio sulla Compagnia delle Poete presentato a Viareggio

11 settembre 2023
Presentazione di Semicerchio sulle traduzioni di Zanzotto

11 settembre 2023
Recensibili 2023

26 giugno 2023
Dante cinese e coreano, Dante spagnolo e francese, Dante disegnato

21 giugno 2023
Tandem. Dialoghi poetici a Bibliotecanova

6 maggio 2023
Blog sulla traduzione

9 gennaio 2023
Addio a Charles Simic

9 dicembre 2022
Semicerchio a "Più libri più liberi", Roma

15 ottobre 2022
Hodoeporica al Salon de la Revue di Parigi

19 settembre 2022
Poeti di "Semicerchio" presentano l'antologia ANIMALIA

13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398