Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

 

FRANCA SINOPOLI, SILVIA TATTI (a cura di), I confini della scrittura. Il dispatrio nei testi letterari, Isernia, Cosmo Iannone, 2005, pp. 246, € 14,00.

 

 

L’efficace neologismo coniato da Luigi Meneghello che compare nel titolo, e scelto non solo per la sua illustre derivazione letteraria, non rappresenta, nelle intenzioni delle curatrici, un modello di interpretazione unificante e unitario dell’ampio spettro di possibili rapporti che intercorrono tra la letteratura e le varie esperienze di dislocazione, migrazione, spostamento, diaspora, esilio che segnano variamente il mondo contemporaneo; è piuttosto pensato come una cornice mobile entro la quale far interagire e dialogare metodologie e approcci critici diversi da mettere in campo per riflettere problematicamente sui rapporti tra l’intera costellazione semantica che la parola "dispatrio" evoca e le diverse pratiche di scrittura ad essa connesse. Alcune delle riflessioni sul dispatrio (o meglio sui dispatri) che trovano spazio in questo volume insistono maggiormente sulla declinazione metaforica del tema presso diversi/-e autori/-trici, altre approfondiscono invece lo stretto rapporto tra scrittura ed esperienza, a seconda delle variabili politiche, socioeconomiche, di "razza", di "genere" che vengono a connotare diversamente l’essere altrove e "l’abitare-nel-viaggio", per usare un’espressione cara a James Clifford, intellettuale che ha dato la tonalità a gran parte delle attuali riflessioni sulla migrazione, l’esilio o la diaspora, interpretando le diverse pratiche di attraversamento e di interazione come degli elementi costitutivi dei significati culturali e non già come un loro mero supplemento. Il campo di ricerca aperto dalla presente pubblicazione (frutto di un convegno che si è tenuto all’Università "La Sapienza" dal 10 al 12 marzo 2005) è molto vasto e stimolante per la varietà di questioni teoriche che solleva e mette in circolo. Infatti, ponendo come orizzonte di studio della letteratura le poetiche e le esperienze della "migranza" tra lingue e culture, il volume permette innanzitutto di inquadrare le nuove scritture letterarie apparse negli ultimi decenni nel panorama editoriale italiano ed europeo e nate in seno alle esperienze migratorie dei/delle suoi/sue autori/-trici e, in secondo luogo, di leggere e di ‘interpellare’ le opere del canone alla luce delle questioni urgenti che la storia e la geografia contemporanee pongono. Come tutti i progetti ambiziosi però si espone a dei rischi. Riconoscerli, come fa Sebastiano Martelli nel suo intervento contenuto nella quarta sezione del volume, non significa inficiare i risultati dell’intero convegno, né contestare in toto l’approccio metodologico scelto dalle curatrici. Significa piuttosto prendere coscienza del fatto che sforzarsi di pensare in termini globali e tramite categorie ampie e generali, per quanto non unificanti, porta contemporaneamente a molti successi e ad alcuni fallimenti. Allargare come in questo caso le basi della ricerca permette di individuare connessioni impreviste, dà l’opportunità di esercitarsi a leggere attraverso i testi, significa imparare ad abitare le ‘terre di frontiera’ nazionali, psicologiche, culturali e disciplinari. Al tempo stesso però, se nel termine dispatrio si fanno variamente rientrare l’emigrazione/immigrazione, l’esilio politico e quello letterario e tutte le diverse esperienze di dislocazione che caratterizzano il mondo moderno e contemporaneo, ecco che quella stessa parola perde di pregnanza, diventa puramente evocativa, rischia di trasformarsi in un contenitore di cui sfuggono i criteri di aggregazione degli elementi che contiene. A me sembra che proprio in questa tensione e nella necessità di volta in volta di stringere e di allargare contemporaneamente e strategicamente il campo delle proprie ricerche risieda parte dell’interesse del volume preso nel suo complesso, al di là dei singoli e ricchi contributi che contiene. Il volume raccoglie ventitré interventi articolati in sei sezioni. La prima, intitolata Scrittori nel dispatrio, presenta gli articoli di alcuni/e autori/-trici come Nurrudin Farah, Jarmila Očkayová, Younis Tawfik, Carmine Abate, Enrico Palandri la cui pratica di scrittura è legata per diverse ragioni alla decisione di lasciare il proprio paese d’origine. Con Dispatrio, identità e lingua, chiariscono le curatrici nell’introduzione, "il focus dell’interpretazione è il nesso scrittura-lingue-territorio", declinato nei tre interventi di Peter Carravetta dedicato al "chiasmo come figura del pensiero critico" per l’interpretazione della scrittura esiliata e bilingue, di Mario Domenichelli dedicato a Joseph Conrad e al rapporto tra lingua coloniale e lingua dell’espatrio e di Piero Bevilacqua sul nesso dialetto-lingua nazionale. Nella terza sezione Dispatri e finali, Jean-Jacques Marchand analizza da un punto di vista tematico e narratologico gli explicit dei romanzi di alcuni emigranti italiani in Svizzera, mentre Maria Cristina Mauceri compie un’operazione analoga per alcuni esempi della cosiddetta "letteratura italiana della migrazione". La quarta sezione, Emigrazione ed esilio, comprende due studi dedicati a due intellettuali italiani esuli negli Stati Uniti e acuti osservatori della realtà americana, rispettivamente Giuseppe Antonio Borgese (Paolo Orvieto) e Giuseppe Prezzolini (Raffaella Castagnola), accanto agli articoli di Martino Marazzi sulla scrittura di Carlo Tresca e di Sebastiano Martelli sul rapporto tra dispatrio e identità nella letteratura italiana dell’emigrazione transoceanica. In chiusura un ‘dittico’: Il dispatrio nella poesia e Il dispatrio nella prosa. Nel primo nucleo, dopo l’intervento di Antonio Prete che tematizza il dispatrio come esilio metaforico del poeta, seguono quattro articoli dedicati a quattro singoli/e autori o autrici, Amelia Rosselli (Laura Barile), Ingeborg Bachmann (Rita Svandrlik), Pier Paolo Pasolini (Silvia Tatti) e Dino Campana (Tommaso Pomilio); nel secondo sono compresi l’articolo di Mario Maffi sulle molteplici frontiere americane, la lettura di Monica Farnetti del discorso dell’esilio di Anna Maria Ortese, il confronto tra Luigi Meneghello e Thomas Bernhard svolto da Franca Sinopoli e infine l’analisi della letteratura ebraica della diaspora di Laura Quercioli Mincer.

(Chiara Mengozzi)


¬ top of page


Iniziative
6 settembre 2018
Aperte le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398