Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

 

AUCTORES NOSTRI. STUDI E TESTI DI LETTERATURA CRISTIANA ANTICA, 2.2005, pp. 452, Euro 20. Collana diretta da Marcello Marin, Cattedra di Letteratura cristiana antica, via Arpi 176, 71100 Foggia, e-mail auctoresnostri@unifg.it

 

 

Caterina Celeste Berardi, in La simbolica degli animali nell’interpretazione patristica di Atti 10, mostra come il racconto della visione di Pietro – la ‘tovaglia’ con ogni sorta di animali che una voce lo esorta a mangiare: visione che già da lui viene interpretata simbolicamente, con gli animali a rappresentare l’intera umanità cui Pietro dovette diffondere il messaggio divino – venga utilizzato da Origene, e poi da Didimo e dallo Pseudo Basilio; e, in ambito latino, da Cromazio di Aquileia, Girolamo e Agostino, per avallare la loro prassi di attribuire il simbolismo antropologico agli animali biblici. Alessandro Capone esamina il contributo eventuale che il Codex Athos Xeropotamou 256 potrebbe offrire alla constitutio textus del Contra Iulianum di Cirillo di Alessandria, di cui i fogli 187r-190r contengono alcuni estratti, arrivando alla conclusione che le varie pericopi siano state tratte dal copista del codice – che è in buona parte Costantino Daponte – da un’edizione a stampa (peraltro non identificabile con certezza): questi fogli non possono dunque contribuire alla constitutio textus dell’opera cirilliana. In uno studio incentrato su Le lettere ‘antidonatiste’ di Gregorio Magno, Francesca Maria Catarinella mostra come il pontefice ‘contamini’ sapientemente fonti bibliche e patristiche "per condurre la difesa della cristianità universale" contro un pericolo di eresia (nella fattispecie donatista) che però al suo tempo (fine VI secolo) è senz’altro meno concreto che nei secoli precedenti. In un esame della caratterizzazione taumaturgica (esplicantesi in particolare contro i demoni) attribuita alle reliquie di S. Felice nei Natalicia di Paolino da Nola, Michele Cutino illustra con ampiezza come la santità di Felice in Paolino assuma una marcata funzione comunitaria: nel suo dare lustro alla città di Nola (carmm. 13; 14; 18); nel suo porsi, soccorrendo la città dalla minaccia gotica, come parte di una historia salutis che inizia già dall’Antico Testamento (carm. 26: il tema della continuità nella salvezza fra la antica e la nuova economia si lega alle opere, commissionate da Paolino negli anni 400-403, di restauro della basilica protocristiana di Nola – contenente il sepolcro del santo, e dipinta con scene del Nuovo Testamento – e di edificazione di una nuova basilica, con episodi dell’Antico Testamento); nel suo contribuire alla sequela di benefici apportati dalle reliquie dei martiri nella lotta contro i riti del paganesimo (carm. 19). Lo studio di Lisania Giordanio mira a un tentativo di ricostruzione, tramite la lettura del Registrum Epistularum, della giustizia di Gregorio Magno; emerge "il ruolo attivo della Chiesa gregoriana in ambito giudiziario", dato che "le richieste di intervento avanzate al Pontefice erano continue […] e attestano l’incidenza di un consistente movimento normativo nella Chiesa gregoriana con proprie direttive e proposizioni tecniche di rilievo". Jean-Noël Guinot riflette sul tema dell’esegesi allegorica – che storicamente fu condotta sia sui testi omerici ed esiodei che su quelli biblici – mettendo in evidenza in particolare il pensiero origeniano, teso a dimostrare non solo la legittimità della lettura allegorica della Bibbia, ma anche la superiorità del testo biblico, l’allegoria del quale si fonderebbe comunque sulla storicità degli episodi narrati, rispetto a quei testi pagani, una cui lettura allegorica avrebbe per fondamento soltanto una finzione. Il contributo di Vincenzo Lomiento sottolinea, in riferimento al primo libro delle Confessioni di Agostino, il ruolo importante che i markup languages svolgono nei testi digitali, ovvero la possibilità di annotare il testo, segnalando al lettore le varianti testuali, ma anche le particolarità linguistiche e stilistiche, e i realia dell’opera. Marcello Marin si sofferma sulla presenza delle Confessioni di Agostino nel diario di Eugène Ionesco, intitolato La quête intermittente e scritto fra il luglio 1986 e il gennaio 1987. È proprio in questo periodo che Ionesco legge per la prima volta "seriamente" le Confessioni; accade così che egli rifletta più volte su di esse nel suo diario, a proposito dei temi della memoria, della pigrizia, del desiderio di gloria... Talvolta Ionesco è dissonante rispetto ad Agostino, come sull’esistenza di un buon ordine del mondo, talvolta il suo giudizio sembra riduttivo, e tuttavia Marin ritrova in Ionesco il triplice livello di pubblico (Dio; i contemporanei; l’autore stesso) cui le Confessioni di Agostino erano rivolte, sottolineando l’intensa spiritualità cui La quête intermittente riesce progressivamente ad aprirsi. Il raffinato studio di Chiara Militello indaga le fonti filosofiche del De statu animae di Claudiano Mamerto – opera che fu redatta fra il 469 e il 470 e nella quale l’autore voleva sostenere l’incorporeità dell’anima –, ribadendo che esse vanno rintracciate non solo in Agostino ma anche in Porfirio – in particolare, nei Óýììéêôá æçôÞìáôá, di cui possiamo ricostruire qualche passo grazie alle testimonianze di Nemesio e Prisciano Lido. Antonio V. Nazzaro indaga il significato della ripresa del Liber Ruth in tre opere di Ambrogio (il De uiduis; il De fide; il Commento a Luca), mostrando una differenza fondamentale fra la prima e le altre due, successive: nel De uiduis viene privilegiata la vedova Naomi – suocera di Rut –, figura che può fungere da exemplum per le vedove cristiane; nelle altre due, la nuora acquisisce centralità rispetto alla suocera, venendo a simboleggiare la Chiesa, in un rapporto figurale che vede Naomi rappresentare la Sinagoga, e Boaz (il parente presso cui Rut va a spigolare e che, grazie alla legge giudaica del levirato – seppur ‘allargato’– , alfine la sposa) Cristo. Interessante la riflessione di Michele Porcaro sul Sermo 34 di Agostino; lo studioso mostra come il tema agostiniano del venir meno dell’amore nell’amante non corrisposto vada ricondotto alla Prima lettera di Giovanni, ovvero all'idea che è Dio ad amare per primo l’uomo, che altrimenti non sarebbe neppure in grado di amarlo. Il contributo di Gualtiero Rota riguarda la gnosi naassena, volendo precisare il significato che assume il termine óöñáãéäåò presente in accusativo al v. 20 dell’anapestico Salmo dei Naasseni sull’anima; lo studioso ipotizza che tali sigilli, che permettono agli pneumatici ‘risvegliati’ dalla gnosi di attraversare le sfere celesti, custodite dalle potenze avverse, fino a raggiungere il principio divino, alludano non solo a una sorta di formulario magico da pronunciare nei momenti critici del viaggio, ma anche alla funzione protettiva svolta dai sacramenti nel difficile percorso verso la reintegrazione nel Pleroma. Elisabetta Sciarra fornisce descrizione codicologica e paleografica di un foglio membranaceo – vergato in scrittura beneventana cassinese –, da lei scoperto nella Biblioteca Angelica e ancora sconosciuto agli studiosi. Il foglio contiene una sezione del Commentario di Girolamo al Vangelo di Matteo (in Matth. 4, 1304-1406), per cui la studiosa pensa che il codice di cui il foglio era parte riportasse o l'intero Commentario o un’omelia contenente un escerto dello stesso. L’esame delle varianti rispetto all’edizione critica (edd. Hurst e Adriaen, 1969) non consente di collocare il testo tramandato dal foglio in un ramo preciso della tradizione. Il contributo di Marco Ugenti offre una traduzione commentata, sulla base del testo stabilito da Ludwich, dei 110 versi della Protheoria della Metafrasi dei salmi, mirando a rettificare le imprecisioni presenti nelle precedenti traduzioni di questo testo tradizionalmente – ma forse erroneamente – attribuito ad Apollinare. Lo studio di Maria Veronese, prendendo in esame alcune eventuali citazioni ciceroniane segnalate da G. Schepss in riferimento agli scritti attribuiti a Priscilliano, e identificando una non segnalata citazione della Medea di Ennio nel Tractatus Exodi, propone di considerare "la ripresa di citazioni classiche un elemento in grado di illuminare la uexata quaestio circa l’unitarietà d’autore del corpus di Würzburg". Il contributo di Marta Bellifemine recensisce il saggio di L. Nicastri Classici nel tempo contestualizzandolo nel panorama attuale di studi sulla ricezione moderna dell’Antico. Anna Elisa Carrisi dà conto – con particolare riferimento all’ "attuale uso ecclesiastico dei Padri" – dell’iniziativa catechetica tenutasi presso il Santuario-Basilica Santa Maria della Coltura di Parabita (Lecce) negli anni 2003 e 2004. Un secondo contributo di Michele Cutino è di argomento didattico e inerisce a un progetto di "Cristianesimo e cultura classica" (anno scolastico 2004/05, Liceo Classico "Vittorio Emanuele II" di Palermo) programmato dall’Autore. Lo studio di Renzo Infante, partendo dalla raffigurazione, nell'eremo dello Studion presso l’abbazia di Santa Maria di Pulsano, di un personaggio di orante inginocchiato, colto nell’atto di guardare un corvo che vola verso di lui tenendo qualcosa nel becco, compie un appassionante excursus sulla variegata simbologia del corvo nelle culture antiche e soprattutto nelle Scritture – con particolare riguardo all’episodio di Elia nutrito dal corvo narrato in 1 Rg 17, 4-6 e alla sua immensa fortuna in ambito cristiano –, ipotizzando infine che l’affresco pulsanese raffiguri o lo stesso Elia o Giovanni da Matera, il fondatore della congregazione di Pulsano. Il contributo di Brenda Piselli presenta un resoconto ampio dei lavori del Convegno Internazionale di Studi Letteratura Cristiana e Letterature Europee (Genova, 9-11 dicembre 2004). Il contributo di Pietro Ressa si sofferma sul tema della continua disponibilità ad apprendere, in ogni età della vita umana: tema che è molto presente sia nelle fonti classiche che in quelle cristiane, con varie sfumature di significato di solito connotate positivamente. Il saggio di Gilda Sansone, incentrato sull'anonima Vita di Sabino, vescovo della diocesi di Canosa nel VI sec., è la prima tappa di un più ampio lavoro dell'Autrice, che mira ad esaminare – sempre sulla base del testo Acta sanctorum, edd. Bollandisti – altre Vitae di vescovi della Daunia "riguardo al ruolo, al culto e all'area geografica di ogni santo". Assai articolato, infine, il contributo di Francesca Sivo, incentrato sull’ars didactica (costituita insieme di ars docendi e ars discendi) della Novissima linguarum methodus di Comenio (Jan Amos Segeš Komensky: 1592-1670), e in particolare sui punti di contatto con gli autori classici (soprattutto Quintiliano) rintracciabili nell’opera. Conclude il volume un ampio Bollettino bibliografico riguardante la letteratura cristiana antica.

 

(Valeria Turra)

¬ top of page


Iniziative
18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398