Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

CESARE VIVIANI, Passanti, Milano, Mondadori, «Lo Specchio», 2002, pp. 112, Euro 9,40.

 

Sei sezioni numerate e disuguali (esilissime le prime, corpose e digradanti le ultime tre), per un totale di 73 componimenti di ampiezza compresa fra tre e quindici versi (ma per più della metà fra sei e otto) sono attraversate dalla dialettica fra il vano movimento proprio della «condizione esistenziale degli esseri umani » del titolo (come spiega la breve nota finale) e quello delle forze vitali che, trascendendo il tempo e lo spazio del medesimo scenario, assurgono ad ulteriore permanenza (talora un po’ artificiosamente: «lo spostamento finisce, appena accaduto, / il cambiamento è eterno, / non esiste»). Più che il generico riferimento all’oltretomba dantesco (pure presente almeno negli esseri che «ogni dì si raccolgono sulle rive/ per darsi animo», e forse nel parasintetico s’invola), sin dall’incipit proemiale (Un girone invisibile, impercettibile) emana la tendenza alla denotazione sinteticamente denegativa (prefisso in-; ma anche gli analitici ‘non + agg.’ e ‘senza + sost.’), che, unitamente al lessico astratto (suffissi in -zione, -enza, -ore, -tà), testimonia del carattere frustrato di una tensione religiosa e conoscitiva confinata di qua dall’unica vera sostanza, e costretta a registrarne qualche minima traccia rimasta in una dizione insieme nervosa e approssimata, cui sono da ricondurre: (1) una sintassi ellittica, anacolutica, e temporalmente sgomenta non solo nell’indeterminatezza di infiniti, gerundi, e participi presenti (a partire dal titolo) ma anche nella sospensione durativa degli imperfetti e nell’evocatività epica e profetica di passati remoti e futuri («Il grido attraversò il buio / fino all’altra sponda / o nemmeno sfiorò / lo spessore della notte»; «Comincerà la luce a rafforzare la fede, / nell’arco della mattina crescendo»); (2) la generale tendenza all’accumulazione in funzione di correctio che – autentico principio strutturante la raccolta – anima i prolungati asindeti e la coordinazione esplicita (con punte anche ossimoriche: lieve o feroce) fino alle formule sue più proprie (non... ma...). Questa ha il proprio corrispettivo metrico in un uso degli enjambements teso a consolidare la fondamentale aritmicità del verso, già di per sé costituito in misure vicine alla tradizione ma raramente esatte – e più spesso prosaicamente eccedenti (specie fra 13 e 15 sillabe, solo talora riconducibili a doppi settenari) che espressivamente mozze – e solo in clausula piegato all’accelerazione del ritmo (senari) o all’esibizione delle rime (grammaticali, tronche, baciate), altrimenti rare e retrocesse ad assonanze e/ o interne. In questo universo incorporeo e sfuggente spiccano alcune presenze elementari (cielo, sole, acqua, fuoco, vento, e poi fronde, colli e valli, boschi e fiori, a piana lacustre e il monte, che è l’immagine direi più naturalmente congeniale), di fronte alle quali, efficacemente, «l’autore si ritira illustrando / l’autonomia della natura» da qualsiasi volontà o esegesi altrui («Ha cancellato i segni delle civiltà passate, / è acqua innocente, / è lei che comanda e impone: non si interessa di niente»), e rovesciando l’ottica degli umani («Oh non è il pescatore che aspetta, è l’acqua, / quando vi entrano due o più fili di intenti»), la cui aumentata presenza nelle sezioni finali induce un interrogarsi più diretto e qualche accenno ironico o polemico, e insomma un’affabulazione felicemente più distesa, dietro cui sembra a tratti apparire in filigrana la trama delle occasioni che la generano. A ridosso di tali elementi l’attitudine contemplativa e stupefatta (l’interiezione incipitaria) si fa talora ragionativa e produce più marcate connessioni tematiche (la luce, l’orizzonte, l’aria), aiutate da un’istanza narrativa linguisticamente fondata (coerenza di tempi verbali) quando non sintatticamente evidente (fin negli attacchi: E, Così, Finché), oppure disseminate a distanza quali flebili tracce ricorsive (il ruolo della scrittura), e tuttavia enigmatiche come l’affiorare di una voce: «‘I loro fiori’ - e mai si seppe di chi».

 

 

(Attilio Motta)


¬ top of page


Iniziative
19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398