Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

CESARE VIVIANI, Passanti, Milano, Mondadori, «Lo Specchio», 2002, pp. 112, Euro 9,40.

 

Sei sezioni numerate e disuguali (esilissime le prime, corpose e digradanti le ultime tre), per un totale di 73 componimenti di ampiezza compresa fra tre e quindici versi (ma per più della metà fra sei e otto) sono attraversate dalla dialettica fra il vano movimento proprio della «condizione esistenziale degli esseri umani » del titolo (come spiega la breve nota finale) e quello delle forze vitali che, trascendendo il tempo e lo spazio del medesimo scenario, assurgono ad ulteriore permanenza (talora un po’ artificiosamente: «lo spostamento finisce, appena accaduto, / il cambiamento è eterno, / non esiste»). Più che il generico riferimento all’oltretomba dantesco (pure presente almeno negli esseri che «ogni dì si raccolgono sulle rive/ per darsi animo», e forse nel parasintetico s’invola), sin dall’incipit proemiale (Un girone invisibile, impercettibile) emana la tendenza alla denotazione sinteticamente denegativa (prefisso in-; ma anche gli analitici ‘non + agg.’ e ‘senza + sost.’), che, unitamente al lessico astratto (suffissi in -zione, -enza, -ore, -tà), testimonia del carattere frustrato di una tensione religiosa e conoscitiva confinata di qua dall’unica vera sostanza, e costretta a registrarne qualche minima traccia rimasta in una dizione insieme nervosa e approssimata, cui sono da ricondurre: (1) una sintassi ellittica, anacolutica, e temporalmente sgomenta non solo nell’indeterminatezza di infiniti, gerundi, e participi presenti (a partire dal titolo) ma anche nella sospensione durativa degli imperfetti e nell’evocatività epica e profetica di passati remoti e futuri («Il grido attraversò il buio / fino all’altra sponda / o nemmeno sfiorò / lo spessore della notte»; «Comincerà la luce a rafforzare la fede, / nell’arco della mattina crescendo»); (2) la generale tendenza all’accumulazione in funzione di correctio che – autentico principio strutturante la raccolta – anima i prolungati asindeti e la coordinazione esplicita (con punte anche ossimoriche: lieve o feroce) fino alle formule sue più proprie (non... ma...). Questa ha il proprio corrispettivo metrico in un uso degli enjambements teso a consolidare la fondamentale aritmicità del verso, già di per sé costituito in misure vicine alla tradizione ma raramente esatte – e più spesso prosaicamente eccedenti (specie fra 13 e 15 sillabe, solo talora riconducibili a doppi settenari) che espressivamente mozze – e solo in clausula piegato all’accelerazione del ritmo (senari) o all’esibizione delle rime (grammaticali, tronche, baciate), altrimenti rare e retrocesse ad assonanze e/ o interne. In questo universo incorporeo e sfuggente spiccano alcune presenze elementari (cielo, sole, acqua, fuoco, vento, e poi fronde, colli e valli, boschi e fiori, a piana lacustre e il monte, che è l’immagine direi più naturalmente congeniale), di fronte alle quali, efficacemente, «l’autore si ritira illustrando / l’autonomia della natura» da qualsiasi volontà o esegesi altrui («Ha cancellato i segni delle civiltà passate, / è acqua innocente, / è lei che comanda e impone: non si interessa di niente»), e rovesciando l’ottica degli umani («Oh non è il pescatore che aspetta, è l’acqua, / quando vi entrano due o più fili di intenti»), la cui aumentata presenza nelle sezioni finali induce un interrogarsi più diretto e qualche accenno ironico o polemico, e insomma un’affabulazione felicemente più distesa, dietro cui sembra a tratti apparire in filigrana la trama delle occasioni che la generano. A ridosso di tali elementi l’attitudine contemplativa e stupefatta (l’interiezione incipitaria) si fa talora ragionativa e produce più marcate connessioni tematiche (la luce, l’orizzonte, l’aria), aiutate da un’istanza narrativa linguisticamente fondata (coerenza di tempi verbali) quando non sintatticamente evidente (fin negli attacchi: E, Così, Finché), oppure disseminate a distanza quali flebili tracce ricorsive (il ruolo della scrittura), e tuttavia enigmatiche come l’affiorare di una voce: «‘I loro fiori’ - e mai si seppe di chi».

 

 

(Attilio Motta)


¬ top of page


Iniziative
25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398