Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

ANDRÉ DU BOUCHET, Bruchstücke vom Berg für die Landstraße verwendet, traduzione dal francese di Sander Ort, postfazione di Michael Jakob, München, Lyrik Kabinett 2002, pp. 231, € 24,00.

 

 Un volume azzurro con in copertina un ritratto dell’autore di Alberto Giacometti e un titolo che riassume embleticamente il senso dell’opera: «Frammenti di monte utilizzati per la strada provinciale». L’edizione tedesca di un’antologia delle opere di André Du Bouchet – dal primo volume Air del 1953 a Axiales del 1996 – a cura del traduttore Sander Ort e dello  tesso poeta scomparso nel 2001, rappresenta per più di un motivo un evento di particolare importanza, e non solo per l’intrinseca qualità letteraria di un’opera nodale degli ultimi cinquanta anni. La pubblicazione del volume a cura del Lyrik Kabinett di Monaco – con una postfazione di Michael Jakob – assume infatti valenze peculiari proprio se osservata in relazione agli sviluppi della lirica tedesca, in primo luogo per lo stretto rapporto che lega André Du Bouchet  a Paul Celan, rapporto personale e letterario intensificato dalla traduzione ‘reciproca’. Nel 1968 Celan entra a far parte del comitato di redazione della rivista «L’Ephémère», fondata da Du Bouchet assieme a Yves Bonnefoy e Jacques Dupin, e nello stesso anno esce da Suhrkamp la traduzione di Celan del secondo volume del poeta Dans la chaleur vacante (1961) con il titolo Vakante Glut, unica opera di Du Bouchet edita in lingua tedesca prima della presente antologia. Nel 1971 è quindi Du Bouchet a pubblicare poesie di Celan in traduzione francese con il volume Strette. Senza ritornare in questa sede su analisi e valutazioni di queste traduzioni (ricordiamo tra l’altro che le versioni dei lavori di Celan da parte di Du Bouchet sono state a suo tempo oggetto di alcune critiche) è comunque evidente che esse segnalano un legame profondo e uno scambio attivo che ha lasciato significative tracce.

Oltre a riscontrare coincidenze nella concezione stessa dell’operare poetico e del valore da attribuire alla poesia (non a caso il primo numero de «L’Ephémère» si apriva con Il meridiano di Celan) ci interessa rilevare qui la ricorrenza in entrambi i poeti di alcuni elementi chiave, di cose o oggetti – in particolare del paesaggio  – che si pongono come concreti punti di riferimento in un rapporto di tensione poesia-realtà (e storia, in Celan).

L’intera opera di Du Bouchet espone e indaga questa tensione: sulla pagina emergono, interrotti da grandi vuoti bianchi, gli elementi del paesaggio di cui si diceva –  monti e ghiacciai, neve, strada, sole, aria, temporali ecc. –, registrati da un poetaviandante a formare topografie, a delimitare spazi. I puntini di sospensione che spesso introducono i versi sembrano indicare la precarietà di questa ricostruzione topografica, al pari dei vuoti bianchi (o silenzi) che invadono le pagine, ma non è certo un tradizionale ‘ritorno alla natura’ che Du Bouchet propone, come sottolinea Michael Jakob – esegeta e amico dello stesso Du Bouchet, nonché acuto interprete celaniano – nella postfazione. «Auch was hier Natur ist», continua Jakob, «bleibt stets herzustellen, ergibt sich im Zusammenhang von Zeichen»: la tensione tra poesia e realtà di cui dicevamo assume così un carattere costruttivo che si sviluppa nel momento stesso della lettura, ovvero – trasposto sul piano dell’autore – della ‘passeggiata’.

Ed è in questa attenzione ad una costruzione e definizione spaziale – che si dà però come processo, come azione – che si affida a pochi e basilari elementi del paesaggio, che André Du Bouchet viene a incontrare una delle linee più forti della nuova poesia di lingua tedesca – pensiamo in particolare ai lavori di Michael Donhauser e Peter Waterhouse -, una linea nella quale sono già stati inseriti, in qualità di maestri, lo stesso Celan e Andrea Zanzotto. In questo contesto l’uscita  del volume di Du Bouchet permette di aprire – o forse riaprire – un dialogo, di sviluppare un’ulteriore ottica del discorso, riconducendo al contempo il discorso stesso a quelle fondamenta che appaiono oggi tra le più stabili della poesia contemporanea.

 

[Paolo Scotini]


¬ top of page


Iniziative
18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398