Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

DALILA TELES VERAS, À janela dos dias. Poesia quase toda, Santo André, Alpharrabio Edições 2002, pp. 192, s.i.p. 

 

Questa antologia della poetessa portoghese Dalila Teles Veras (nata nel 1946 a Funchal, isola di Madeira), radicata da quasi cinquant’anni in Brasile, nello stato di San Paolo, riunisce i libri pubblicati negli ultimi vent’anni, e rappresenta una «sintesi della sua traiettoria poetica», come spiega l’autrice nella postfazione. Lei stessa ci confessa di essere una poetessa « senza scuola né generazione », ma appena con esplicite influenze poetiche (che chiama «dialoghi») di poeti come i brasiliani Carlos Drummond de Andrade, Murilo Mendes, João Cabral de Melo Neto, Adélia Prado, Jorge de Lima, Manuel Bandeira, Ferreira Gullar, Mário Quintana, nonché i portoghesi Fernando Pessoa, Eugênio de Andrade e Luís de Camões.

In effetti, la poesia di Dalila Teles Veras non aderisce, a priori, a nessun credo poetico formale o contenutistico, al contrario, la poetessa tenta di catturare con rapidi sguardi le molteplici sfacettatture della realtà, i diversi momenti della luce solare, i movimenti inattesi della natura, come rivelano questi versi che aprono la terza sezione del libro, intitolata Elemento em fúria : «I miei occhi di lince / fiutano il caos / alla ricerca di dei / notturni, i miei occhi / percorrono e decifrano il catrame /: tentativo di vislumbrare / cammini» (Vigília). Nella stessa direzione vanno letti i seguenti versi, che rivelano l’arguità dell’essere umano, spettatore «alla finestra dei giorni» (À janela dos dias) ma agente che può interferire nel proprio destino, e il cui sguardo penetra nelle ombre più scure della vita per compiere la sua ressurrezione quotidiana : «Le sentinelle dormono / ed i miei occhi, lampioni /vegliano la notte / alla luce della propria luce» (Vigília). Solamente dopo essersi immerso nella notte e nelle sue zone d’ombra, l’io poetico espresso da Dalila Teles Veras può affermare che «decodificati i segni / non è più insolito il paesaggio » (Turista veterana), dove possiamo intendere, per paesaggio, tutto ciò che risiede all’interno dello sguardo, la minaccia che si nasconde dietro le palpebre, e che può essere risvegliata dalla voce della poetessa : «cosa pretendi /con la tua danza di lessico / e questa ondulante coreografia? // Non liberare così, poeta / la tua voce incantata /sveglierai il serpente / e spaventerai i turisti» (O encantador de serpentes).

L’autrice, che conosce i suoi demoni, si dona premurosa al corpo della poesia, che l’accoglie ma non risponde alle sue interrogazioni: «Che mare è questo /che mi fa pesce / che mi fa alga?» (Escafandro). Ecco perché Dalila Teles Veras sa che è necessario svincolarsi dalla trappola della logica cartesiana, la quale richiede una causa per ogni effetto, e afferma la sua voglia di libertà: «Urge calmare i demoni / cucire i bottoni / viaggiare senza destinazione / per il piacere di arrivare» (Urgência).

L’antologia rivela la capacità dell’autrice di maneggiare tecniche poetiche che vanno dalla poesia di verso libero alla poesia in prosa, passando per lo stile di origine giapponese dell’haikai, peraltro frequentemente praticato a San Paolo e negli stati del sud del Brasile, dove maggiormente si trovano le colonie degli immigranti giapponesi e discendenti, e dove poeti di altre origini culturali hanno adottato questo dettato poetico. Basti ricordare la poetessa Alice Ruiz, moglie del poeta Paulo Leminski, conosciuta per i suoi splendidi haikais.

La poesia di Dalila Teles Veras presenta un’evoluzione a favore del rigore stilistico, della capacità di dire molto senza spendere molte parole, rifacendosi quindi, ancora una volta, alla tradizione letteraria brasiliana che predilige il verso asciutto, rigoroso, contenuto, tagliente come un coltello ma dolce e musicale come il canto del sabiá.

 

[P.A.]

 

 

 

 

ANTONIO CARLOS SECCHIN, Todos os ventos, Rio de Janeiro, Editora Nova Fronteira 2002, pp. 160, s.i.p. 

 

Questo libro, di un’accurata ed elegante grafica, è un’antologia dei testi poetici di Antonio Carlos Secchin, nato a Rio de Janeiro nel 1952, dove risiede ed esercita la professione di professore universitario e saggista. Il libro è accompagnato da un’introduzione del critico letterario Eduardo Portella, ed è impreziosito da un breve saggio del noto critico letterario Alfredo Bosi, il quale mette in evidenza l’ancoraggio del dettato poetico Secchin nella tradizione satirica brasiliana, che trova le sue fondamenta in autori come Gregório de Mattos, Álvares de Azevedo e successivamente nell’attitudine critica dei poeti della settimana d’Arte Moderna del 1922 (in particolare Oswald de Andrade) impegnati nella refutazione del canone estetico del parnassianismo. In questo senso, una delle caratteristiche presenti in questi autori, così come nella poesia di Antonio Carlos Secchin, è il tratto fortemente metalinguistico delle composizioni, dove la parola diventa la calamita che concentra su se stessa tutte le attenzioni. 

D’altro canto, la poesia di Secchin assume un marcato aspetto polifonico, sia in quanto alla sua forma, che spazia dal sonetto, all’aforismo, alla poesia di metrica libera, all’haikai, per servirsi anche di alcuni elementi della poesia visuale (come la poesia Itinerário de Maria), sia in quanto al tema, che attinge ad aspetti del verso colloquiale, della vita quotidiana del poeta e della sua città, cuciti su una trama poetica che convoca la mitologia classica ma che non per questo riproduce un dettato poetico cristallizzato nel tempo, come mostrano questi versi che ricordano, in parte, la scioltezza espressiva della poesia marginale scritta in Brasile durante gli anni della dittatura militare : «Non posso fare di me uno spettacolo. / La platea fuggirebbe / prima del secondo atto. / Un attore perplesso mischierebbe / versi, versioni e fatti. / E un critico, maldicendo la sua sorte, / latrerebbe feroce / contro la mia verve / sibillina» (Confessionário).

In effetti, Secchin fu uno dei ventisei poeti selezonati da Heloísa Buarque de Hollanda per comporre l’ormai famosa antologia 26 Poetas Hoje, pubblicata nel 1975 nell’intento di raggruppare un numero significativo di poeti che stavano emergendo sulla scena letteraria di un paese controllato dalla censura, in un periodo in cui, nonostante il sogno vigente di una nazione alla ribalta nel panorama economico e culturale mondiale, il Brasile viveva una realtà di violenta repressione dittatoriale.

Dal lontano 1975 fino al 2002, anno di pubblicazione di Todos os ventos, il percorso di Antonio Carlos Secchin si è sviluppato ed è cresciuto fino a raggiungere le proporzioni di una personalità importante nel campo della letteratura brasiliana, più in luce come «professore ammirato, come acuto analista dell’avvenimento letterario, come saggista sagace» che come poeta, rifacendoci alle parole di Eduardo Portella nell’introduzione. Questo libro ci conferma la dedizione che Secchin ha riservato alla letteratura brasiliana contemporanea ed ai suoi protagonisti: le poesie sono costellate da dediche a nomi importanti della poesia e della critica letteraria brasiliana contemporanea, come Antonio Cícero, Ruy Espinheira Filho, Ivan Junqueira, Eucanaã Ferraz, Waly Salomão, Suzana Vargas, Ferreira Gullar, Ivo Barroso, Carlos Nejar, Olga Savary, Armando Freitas Filho, Marly de Oliverira, Marco Lucchesi e molti altri, una dimostrazione del suo ruolo centrale nel panoramaculturale brasiliano. Ma questo libro ci mostra anche come il critico ha saputo accompagnare, attraverso il suo dettato poetico, le evoluzioni della poesia brasiliana durante gli ultimi decenni.

 

[P.A.]


¬ top of page


Iniziative
6 settembre 2018
Aperte le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398