Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Semicerchio XXXVII (2007/02) La forma chiusa. Poesia dal carcere. pp.61-64

 

a cura di Fujimoto Yukō


Figlio di uno scultore e scultore egli stesso, Takamura Kōtarō (1883–1956) viaggiò a lungo in America e in Europa – dimorando successivamente in Gran Bretagna e in Francia, ove frequentò, tra l’altro, l’atélier di Auguste Rodin –, dedicandosi pure, secondo le consuetudini, alla composizione di garbati non meno che convenzionali
tanka (le liriche consertate nel classico metro breve della tradizione letteraria nipponica). Folgorato dalla lettura di Whitman, ammiratore dei grandi decadenti francesi, al suo ritorno in patria divenne ben presto un convinto assertore della dignità poetica di una lingua meno aulica, e più prossima alle inflessioni della parlata quotidiana, oltre che uno tra i principali fautori del vers libre, di cui Dōtei («Il cammino», Tōkyō 1914), silloge di componimenti modulati secondo il ‘nuovo stile’ poetico, rappresentò il manifesto. Nello stesso anno di Dōtei sposò la pittrice Naganuma Chieko, bella e colta femminista militante, condividendo con lei aspirazioni progressiste e anticonformistiche tanto in fatto di estetica quanto nell’ambito del costume, fino alla morte prematura di lei, affetta da tubercolosi polmonare, ma già ricoverata da tempo in una casa di cura per malati di mente
in seguito al manifestarsi di gravi sintomi di schizofrenia. Del poeta, pressoché inedito in Europa, ma presente con uno dei suoi più celebri componimenti, Dōtei (“In cammino”) nell’antologia di poesia giapponese Il muschio e la rugiada allestita da Mario Riccò e Paolo Lagazzi, BUR, Milano, 1996, sono apparse fino a oggi in lingua italiana soltanto poche liriche su «A Oriente! Rivista italiana di lingue e culture orientali», III, 8 (2002). pp. 26-29, tradotte per cura di chi scrive.

I componimenti che seguono sono tratti dal Chiekoshō («Canzoniere per Chieko», Tōkyō 1941, ora disponibile anche in edizione bilingue: The Chieko Poems. Translated from the Japanese by John G. Peters, Green Integer, Los Angeles 2008): poetico quanto struggente documento di un amore coniugale continuamente minacciato – ma, in un certo qual senso, rinfocolato – dalla presenza ineludibile della malattia e, in ultimo, della morte.


あどけない話
CANDIDA STORIA
(ADOKENAI HANASHI)
智恵子は東京に空が無いという
ほんとの空が見たいという
私は驚いて空を見る
桜若葉の間に在るのは
切っても切れない
むかしなじみのきれいな空だ
どんよりけむる地平のぼかしは
うすもも色の朝のしめりだ
智恵子は遠くを見ながら言う
阿多多羅山の山の上に
毎日出ている青い空が
智恵子のほんとの空だという
あどけない空の話である。

 

 

«Non esiste a Tōkyō il cielo», Chieko mi dice. Il cielo dice voler vedere – quello vero
Alzo gli occhi, stupito, ed ecco – tra fresche fronde di ciliegio il cielo – il bel cielo –
noto da sempre, mai da noi remoto.
Foschia densa all’orizzonte – vapori mattutini – rosa pesca.
Chieko parla, guarda lontano:
«Sul monte di Atatara tutti i giorni il cielo s’inazzurra: è quello il cielo, il cielo vero – dice – di Chieko.»
Candida storia, questa, del cielo.

 

夜の二人
COPPIA DI NOTTE
(YORU NO FUTARI)
私たちの死が餓死であろうといふ予言は、
しとしとと雪の上に降る霙まじりの夜の雨の言ったことです。
智恵子は人並はずれた覚悟のよい女だけど
まだ餓死よりは火あぶりの方をのぞむ中世期の夢を持ってゐます。
私達はすっかり黙ってもう一度飴をきかうと耳をすましました。
少し風が出たと見えて薔薇の枝が窓硝子に爪を立てます。

 

«Fine d’inedia sarà la nostra» –
Così una sera predicevamo – pioggia gelida, minuta cadeva sulla neve.
Più del consueto Chieko è donna concreta – eppure serba ancora un sogno medievale –
sul rogo morirebbe, piuttosto che di fame.
Ma le abbiamo già smesse, le parole, cercando di ascoltare ancora il suono della pioggia.
Si vede il vento s’è levato – ché un tralcio di rosa raspa il vetro della finestra.


元素智恵子
LA CELLULA CHIEKO
(GENSO CHIEKO)
智恵子はすでに元素にかへった。
わたくしは心霊独存の理を信じない。
智恵子はしかも実存ずる。
智恵子はわたくしの肉に居る。
智恵子はわたくしに密着し、
わたくしの細胞に燐火を燃やし、
わたくしと戯れ、
わたくしをたたき、
わたくしを老いぼれの餌食にさせない。
精神とは肉体の別の名だ。
わたくしの肉に居る智恵子は、
そのままわたくしの精神の極北。
智恵子はこよなき審判者であり、
うちに智恵子の睡る時わたくしは過ち、
耳に智恵子の声をきく時わたくしは正しい。
智恵子はただ聞き喜々としてとびはね、
わたくしの全存在をかけめぐる。
元素智恵子は今でもなお、
わたくしの肉に居てわたくしに笑ふ。

 

 

È ormai tornata Chieko allo stadio di mera cellula elementare.
Che l’anima individua sopravviva – non lo credo.
Migliore, assai migliore la vita di Chieko, che vive davvero.
Chieko viva nella mia carne.
Chieko da me inseparabile
Nelle mie cellule accende fuochi fatui,
E giochi ardisce assieme a me, e gaie lotte che mi strappano – vittima già designata – alla vecchiaia.
Anima, questo sinonimo di corpo.
La Chieko che vive nella mia carne
È al vertice dell’anima mia.
È Chieko l’arbitra senza pari –
Erro – quando Chieko in cuore mi giace dormiente
Sono sul giusto cammino – solo che all’orecchio mi giunga la sua voce.
Chieko soltanto esulta gioiosa
Tutta attraversa correndo la mia vita.
Cellula primeva – Chieko ancor oggi
Nella mia carne vive – mi sorride.

 

案内
LA GUIDA
(ANNAI)
三畳あれば寝られますね。
これが水屋。
これが井戸。
山の水は山の空気のように美味。
その畑が三畝、
いまはキャベツの全盛です。
ここの疎林がヤスカの並木で、
小屋のまはりは栗と松。
坂をのぼるとここが見晴らし、
展望二十里南にひらけて
左が北上山系、
右が奥羽国境山脈、
まん中の平野を北上川が縦に流れて、
あの霞んでゐる突きあたりの辺が
金華山沖といふことでありませう。
智恵さん気に入りましたか、好きですか。
うしろの山つづきが毒が森。
そこにはカモシカも来るし熊も出ます。
智恵さんかういふところ好きでせう。

 

Una stanza di tre jō ci basta per dormire.
Eccolo qui, l’acquaio.
E questa è la fontana.
Buona l’acqua, qui in montagna, come l’aria.
Tre se misura l’orto – e siamo già nella stagione delle verze.
È dappresso un boschetto di bambù dall’alto fusto, ma intorno alla baita ci son pure
castagni, e pini.
Salendo su per l’erta si giunge ad un poggio donde per venti ri spazia libera
la vista.
A sinistra i monti Kitagami – la catena dei Mutsu, verso destra – al centro il fiume Kitagami divide
esattamente la pianura –
E laggiù in fondo – dove sfuma nella bruma il panorama – ci sarà il litorale di Kinkazan.
Ti è piaciuto, Chie-san? Che ne pensi?
Dietro la baita – sul monte, a mezza costa – c’è il “bosco di cicuta”.
Ci verranno i caprioli di tanto in tanto, e gli orsi.
Io lo so, Chie-san, che un posto così ti piacerà.

(traduzione di Fujimoto Yukō)

 


¬ top of page


Iniziative
26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

23 marzo 2018
Libri recensibili per maggio 2018

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398