Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Semicerchio XXXIX (2008/02) Waste Lands. Eliot & Dante. pp. 54-55

 

a cura di Alessandro Zocca

 

È nata e vive a Villa María, in provincia di Córdoba (Argentina). È scrittrice e artista plastica.
Ha pubblicato numerosi libri, tra i quali ricordiamo: Trazo y Poema, Cuerpo de luz, La luna en fuegos de final de noviembre, La armonía de las desarmonías (edizione bilingue in italiano e spagnolo), El sonar transparente e ha partecipato a varie antologie di autori argentini e di altri paesi. Prepara il suo prossimo libro dal titolo El vuelo redimido. Ha ricevuto numerosi premi e distinzioni. È stata responsabile di diverse pubblicazioni tra cui «Papiros del Siglo Veinte» e «Horizontes de Cultura» e del programma radiofonico «En el nombre del Arte».
Ha partecipato al Festival Internazionale di Poesia a El Salvador.
Traduce poeti di lingua portoghese e italiana.

SUEÑERA (*)

Asomado a mi alma te detienes,
buscas poblarme, trasponer fronteras.
Con manos nuevas y un amor ardiente,
descubres en la nada primaveras.
Estás lejos de toda cobardía,
olvidado del mundo entre quimeras,
ojos colmados de ilusión y vida,
me quitas la razón aunque no quieras.
Sobrevolando sobre la primera
imagen bella de este amor que clama,
me amarás a pesar de la distancia.
Y yo seré nostalgia y esperanza
seré luz, seré sombra y seré llama
entibiando tu alma en su sueñera (*).
(*) (Borges)

SOPORE (*)

Apparso alla mia anima rimani,
cerchi di popolarmi, trasporre frontiere.
Con mani nuove e un amore ardente,
scopri nel nulla primavere.
Lontano da ogni codardia,
dimentico del mondo tra chimere,
occhi ricolmi d’illusione e vita,
mi togli la ragion senza volerlo.
Passando a volo sulla prima
immagine bella di quest’amor che chiede,
mi amerai nonostante la distanza.
E io sarò nostalgia e speranza
sarò luce, sarò ombra e sarò fiamma
che rinfresca la tua anima nel suo sopore (*).
(*) (Borges)

 

LABIOS INSOMNES

Sentí toda la noche como mis labios andaban solos por
[la casa.
Seguí dormida
y soñada.
Los imaginé buscando algo perdido.
Ellos atorraban por las paredes en la oscuridad,
salían y entraban por las puertas,
se disolvían por momentos en suspiros.
¿Como pude saber lo que hicieron mis labios si dormía?
Cuando la luz del sol me despertó, los encontré
cansados, ruborizados y ahítos de tus besos.


LABBRA INSONNI

Ho sentito tutta la notte le mia labbra andarsene sole per
[la casa.
Sono rimasta assopita
e trasognata.
Le ho immaginate in cerca di qualcosa di perduto.
Bighellonavano per le pareti nell’oscurità,
uscivano e entravano dalle porte,
si dissolvevano a momenti in sospiri.
Come potevo sapere cosa facevano le mia labbra se
[dormivo?
Quando la luce del sole mi svegliò, le trovai
stanche, arrossate e sazie dei tuoi baci.

LACERADA

En cada sombra de tus noches,
cambiantes amenazas donde la luz
esconde su timidez e insiste,
refugias la angustia de tus grietas.
En los naufragios de tu sangre,
en la representación espectral de tus delirios,
se destruye un velamen de sueños
desamparados, perdidos entre tormentas
Oscuras formas detrás de tu escenario
(obstáculos sospechados y temidos)
giran en un carrousel de lágrimas
mientras denodado buscas la salida.
Mis palabras se inmolan perdiéndose en sí mismas,
tumbas hambrientas de su propio sentido.
Tu lamento, tu dolerme en los huesos,
laceran la piel de mis resurrecciones.

LACERATA

In ogni ombra delle tue notti,
cangianti minacce dove la luce
nasconde la sua timidezza e insiste,
rifugi l’angustia delle tue crepe.
Nei naufragi del tuo sangue,
nella rappresentazione spettrale dei deliri tuoi,
si distrugge un velame di sogni
senza riparo, persi tra le tormente.
Oscure forme dietro il tuo scenario
(ostacoli sospetti e temuti)
girano in un carosello di lacrime
mentre impavido cerchi l’uscita.
La mie parole s’immolano perdendosi in se stesse,
tombe affamate del loro stesso significato.
Il tuo lamento, il tuo dolermi nelle ossa,
lacerano la pelle delle mie resurrezioni.

BESOS COMO HIMNOS

Persigo tus besos por un mapa de silencios.
Busco esas caricias de siempre,
las del embrujo inocente, esas del mudo gesto de la
[ofrenda
desgranándose en mi rostro como uvas edénicas.
Peces de azúcar nadan en un mar de contradicciones y
[desencuentros,
y se escurren de mis manos de arena, convertidas en
[desiertos.
Tus besos lejanos me apartan de la quietud de esta
[tarde rubia.
Adivino verdes de sombra en atardeceres advenidos.
Mi propio ocaso penetra hasta el tuétano de mis
[huesos,
adormecido ya el fuego, latiendo aún en cenizas
[relumbrosas.
Desde aquí, refugio en el que deletreo el bramido de
[tus tormentas,
hago alarde de estas ascuas que se apagan.
La calma me abraza dulcemente, como una
trama de hilos brillantes, muelle
donde se apagan himnos y conjuros.

BACI COME INNI

Inseguo i tuoi baci lungo una mappa di silenzi.
Cerco queste carezze di sempre,
quelle del fascino innocente, quelle del muto gesto
[dell’offerta
che cadono a grani sul mio volto come uve edeniche.
Pesci di zucchero nuotano in un mare di contraddizioni
[e scontri,
scivolando tra le mie mani di sabbia, convertite in
[deserti.
I tuoi baci lontani mi separano dalla quiete di questa
[bionda sera.
Indovino verdeggianti ombre in crepuscoli avvenuti.
Il mio stesso ponente penetra fino al midollo delle
[mie ossa,
addormentato già il fuoco, crepitando già in ceneri
[rilucenti.
Da qui, rifugio da dove decifro il bramire delle tue
[tormente
faccio sfoggio di queste braci che languono.
La calma mi abbraccia dolcemente,
come una trama di fili splendenti, molo
dove s’assopiscono inni e congiure.


¬ top of page


Iniziative
5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398