Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

MONICA LUMACHI (a cura di), Patrie. Territori Mentali, Napoli, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, 2009, pp. 304.

 

 

Il volume nasce come prodotto di una serie di conferenze organizzate all’interno di un seminario interdisciplinare che ruotava attorno ad un tema di rinnovata importanza nel panorama culturale contemporaneo: la definizione e lo sviluppo del concetto di ‘patria’ e il suo significato oggi. A partire infatti dalla fine degli anni Ottanta si assiste, in tutti i campi del sapere, ad una nuova rivalutazione dello spazio: se la predominante culturale della modernità era stata la categoria temporale, l’epoca contemporanea ha visto lo spostarsi dell’attenzione sulla sua dimensione spaziale. All’interno di questo nuovo approccio, quindi, il concetto di patria può essere riletto come «un ‘territorio mentale’, ovvero una costruzione culturale spazializzata» (p. 20).

Consapevole infatti dell’importanza a livello globale che tale formulazione ha assunto in prospettiva sia sincronica che diacronica, Monica Lumachi cura la pubblicazione di questa collettanea di contributi che abbracciano le più svariate aree geografiche e culturali del pianeta. Dagli Stati Uniti al Giappone, passando per l’Europa e l’Asia Centrale, muovendosi dall’epoca medievale alle soglie della contemporaneità, l’intenzione manifesta del volume è quella di far dialogare, attraverso le pagine, lingue e culture distanti geograficamente e temporalmente, nella convinzione che solo un approccio di tipo globale possa provvedere una definizione esaustiva del concetto di patria. Perché se è vero, come nota la Curatrice, che tale formulazione ha un’origine squisitamente europea, è altrettanto corretto affermare che le grandi realtà extraeuropee si sono trovate nell’urgenza di confrontarsi con questo concetto nel momento del loro incontro, a partire dall’Ottocento, con le spinte imperialistiche delle nazioni d’Europa.

Il volume si apre col saggio di Michele Bernardini, «Patrie turco-persiane nell’Islam classico» (pp. 27-54) che offre una ricostruzione accurata del rapporto sistemico fra i concetti di patria, analizzati dal punto di vista linguistico e storico culturale, in una vasta e variegata area geografica che abbraccia la regione che comprende l’odierna Turchia, l’Iran, l’Asia Centrale e si estende fino ai confini dell’India. Paolo Calvetti nel suo articolo «Note sul concetto di ‘stato’ e ‘nazione’ nel Giappone alla fine dell’Ottocento» (pp. 55-72) esplora da un punto di vista linguistico e lessicografico le variazioni e le innovazioni lessicali portate conseguentemente all’introduzione di concetti come stato, patria e nazione nel riassetto istituzionale del Giappone di fine XIX Secolo, ricostruendo con precisione filologica la storia dei lessemi atti a designare tali concetti.

La mancanza di territorialità è, come rileva Massimo Campanini nel suo contributo «La Patria araba» (pp. 73-90), la prima caratteristica che appartiene al concetto di patria nel mondo arabo: la sua scoperta e la successiva formulazione è frutto del contatto con i colonizzatori europei, e avviene dunque solo a cavallo fra Ottocento e Novecento. Donatella Guida invece ci mostra nel suo saggio «Una sola nazione. Dal sinocentrismo di età imperiale al nazionalismo del ventesimo secolo» (pp. 147-62) come sia fuorviante l’idea di una Cina come un’unità nazionale e culturale forte che attraversa immutata, dalle origini fino ad oggi, ventidue secoli di storia. È possibile infatti individuare un’evoluzione da una situazione pre-Ottocentesca, dove l’unità veniva simboleggiata dalla figura dell’Imperatore e dal suo peso politico-istituzionale, al dibattito intellettuale scaturito dall’incontro con le potenze militari e coloniali europee.

In ambito più prettamente europeo è invece interessante sottolineare come si crei un dualismo fra i paesi dell’Ovest dell’Europa – come la Spagna, la Francia, la Germania e l’Italia – e l’Est rappresentato nei contributi del volume da saggi specifici su Polonia e Repubblica Ceca. Se infatti nel saggio di Martine Van Geertruijden «Dalla difesa della lingua francese alla battaglia per la diversità linguistica. Francia e francofonia» (pp.271-98) la dimensione linguistica del francese risulta essere portatrice di forte unità nazionale e culturale, anche declinata nelle sue varianti parlate al di fuori dalla Francia, in Italia il concetto di patria si sviluppa da un processo dialettico tutt’altro che pacifico fra la dimensione storico-culturale delle élite intellettuali e artistiche e una realtà culturale regionale di provenienza popolare, come viene messo in evidenza da Michele Fatica nel suo contributo dal titolo «La patria Italia: sentimento, espressione geografica o figura retorica?» (pp. 105-46).

Camilla Miglio procede dall’opposizione dei concetti di Heimat e Vaterland nel suo saggio «Heimat. Una parola-mondo» (pp. 193-206) per sottolineare uno spostamento di attenzione da una dimensione originariamente spaziale e geografica ad una di tipo culturale, simboleggiata dall’elemento doppiamente etnico e linguistico. La situazione spagnola viene analizzata da Éncarnación Sánchez García nel contributo dal titolo «Da Al Andalus alle Indie. Patria e nazione nella Monarchia di Spagna tra Medioevo e Rinascimento» (pp. 251-70) nel momento di massima presenza di popolazioni di origine araba ed ebraica nella penisola iberica, e della loro conseguente espulsione per creare uno stato unito sotto un’unica corona e un’unica fede.

L’Europa dell’est invece rappresenta una situazione diversa, quella di imperi multinazionali per i quali, come ci ricorda Lumachi, il raggiungimento dell’unità nazionale costituisce un punto di arrivo (p. 20). E lo mostrano molto bene Alfredo Laudiero nel saggio «Tramonto dell’idea di patria? La parabola ceca» (pp. 163-92) e Paolo Morawski nel contributo dedicato alla situazione della Polonia «Si è ciò che si fa e si porta in dote. Sull’identità polacca» (pp. 207-50). Chiudiamo la rassegna con uno sguardo all’America del Nord grazie al contributo di Sonia Di Loreto, intitolato «Indian deed e gift outright. Territorio, nazione e proprietà negli Stati Uniti» (pp. 91-104) nel quale viene compiuta un’analisi culturale sul legame fra possesso materiale del territorio e concetto di Homeland nella cultura statunitense.

Per ammissione della stessa curatrice, la varietà dei contributi non esaurisce tutte le declinazioni del tema che avrebbero potuto essere prese in considerazione, perché non annovera realtà geografiche come quella della Gran Bretagna, gli spazi coloniali o formulazioni concettuali ben più complesse come la letteratura della migrazione o quella dell’esilio, nelle quali entra in gioco la polarità fra prima e seconda patria, la tensione fra il luogo di nascita e quello di posizionamento, temporaneo o permanente. Tuttavia, il respiro globale e il dialogo che si instaura fra civiltà e formulazioni distanti sia geograficamente che culturalmente è di sicuro il punto di forza del volume, e insieme un’occasione per ripensare la realtà contemporanea in una dimensione transnazionale, evidenziando le dinamiche di scambio e la circolazione di idee e concetti a livello mondiale che hanno plasmato la nuova dimensione globale della cultura di oggi.

 

(Francesco Eugenio Barbieri)

 


¬ top of page


Iniziative
6 settembre 2018
Aperte le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398