Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Ana Paula Tavares

Traduzioni e introduzione di Livia Apa


I lettori italiani hanno probabilmente già conosciuto la poesia di Ana Paula Tavares con Cerimonia di passaggio pubblicato da Heimat (Salerno) nel 2006 tradotto da Prisca Augustoni. In quel volume venivano presentati versi tratti dalle prime quattro raccolte dell’autrice, Ritos de passagem (1985), O Lago da Lua (1999) e Dizes-me coisas amargas come os frutos (2001) e Ex-votos (2003), in cui il tema del corpo, inteso como corpo femminile ma anche como corpo nazionale, si mischia sapientemente con il tema delle radici, della terra e dei suoi frutti. Quasi a dispetto della sua formazione accademica, anche se non necessariamente in contraddizione con essa (Ana Paula è una storica di formazione), l’autrice sceglie infatti quella che potremmo definire «la via della geografia», nel senso di una scrittura poetica capace di restituire chi scrive, ma anche la giovane nazione a cui chi scrive appartiene, ad una geografia meticolosa e finalmente riscattata, fatta di memorie e di luoghi che evocano, sulla scia dell’esperienza di un’altra grande voce della letteratura angolana, Ruy Duarte de Carvalho, l’esistenza stessa di uno spazio comune capace di creare la memoria di un’appartenenza collettiva segnata dalla lunga notte coloniale ma anche da una delle guerre civili più lunghe del XX secolo.

Una poesia che cerca, dunque, di farsi voce di una dimensione orale del dire e del raccontare, partendo dall’evocazione di quelli che ancora sono i margini di una nazione macrocefala come l’Angola, in cui quasi tutto «accade» solamente a Luanda, la capitale. Così Tavares si fa testimone, grazie alla tessitura della parola, dei vari tempi e delle varie velocità che compongono il sogno nazionale, reclamando uguale cittadinanza per tutte le parti di cui si dovrebbe comporre quel ‘noi’ sognato durante la lotta per l’indipendenza. Coloro che abitano la topografia del deserto, che custodiscono tanto una stele come la natura tutta, non solo conservano, ma praticano la memoria dei luoghi facendosi testimoni di una geografia che è innanzi tutto nozione geografica di un’appartenenza continentale espressa quasi in contrapposizione con il canone di un sapere occidentale imposto dall’occupazione portoghese.

Eppure il portoghese, inteso come spazio linguistico (ma non necessariamente culturale) comune, si snoda nei versi di Tavares in una continua citazione della più raffinata tradizione poetica brasiliana, Manuel de Barros in primis, così come della portoghese Ana Luísa Amaral o del mozambicano Eduardo White fra i vari possibili esempi.

ri possibili esempi. I versi che seguono sono tratti dalle due più recenti raccolte dell’autrice Manual para amantes desesperados (2007), Como veias finas na terra (2010). La sua vena si fa più varia, aprendosi maggiormente all’osservazione del tempo presente, speso in condizione di diaspora. La terra amata parla ancora attraverso la potente voce della memoria facendosi però più scarna, ma al contempo – crediamo – anche più universale. La terra amata, l’Angola è però sempre unico possi bile luogo d’enunciazione, attraverso il quale si può costruire una ugualmente unica esperienza possibile dei giorni.

 

Queste poesie di Ana Paula Tavares sono state tradotte e saranno presentate da Livia Apa (docente di lingue portoghesi presso l’Università degli Studi di Napoli L’Orientale) insieme ad altre in occasione del 57° Premio Letterario Internazionale Ceppo Pistoia. La poetessa riceverà infatti il 23 marzo 2013, nella Sala Maggiore del Palazzo Comunale di Pistoia, il Premio Ceppo «Piero Bigongiari». Il 21 marzo, Giornata mondiale della Poesia indetta dall’Unesco, presso il Consiglio Regionale della Toscana Ana Paula Tavares terrà la quarta lectio magistralis su «Poesia e Natura» della serie «Piero Bigongiari Lectures» a cura di Paolo Fabrizio Iacuzzi, presidente della Giuria del Premio, in collaborazione con la rivista «Semicerchio».

Da Manual para amantes desesperados
Lisbona, Caminho, 2007

Do livro das viagens Dal libro dei viaggi
(Caderno de Fabro) (Discorso di Fabro)
   
De onde eu venho Da dove io vengo
sou visitada pelas águas ao meio-dia sono visitata dalle acque a mezzogiorno
quando o silêncio se transforma quando il silenzio si trasforma
para as doces palavras do sal em flor per le dolci parole del sale in fiore
e das raparigas e delle ragazze
   
Os muros são de pedra seca I muri sono di pietra secca
e deixam escapar a luz por entre corredores e lasciano scappare la luce tra i corridoi
de raízes e vidro di radici e vetro
lentas mulheres preparam farinha lente le donne preparano la farina
e cada gesto funda e ogni gesto fonda
o mundo todos os dias il mondo di ogni giorno
há velhas mulheres pousadas sobre a tarde ci sono donne anziane poggiate sulla sera
enquanto a palavra mentre la parola
salta o muro e volta com um sorriso tímido de libera il muro e ritorna con un sorriso timido di denti e sole.
dentes e sol.  
   
De onde eu venho procura-se a lenha pelo caminho Da dove io vengo si cerca
da sede la legna per il cammino della sete
as mulheres novas seguram-na contra o peito. le donne giovani la tengono contro il petto.
o acto de a ver arder faz-se família L’atto di veder bruciare si consuma in famiglia
enquanto lábios ávidos mentre labbra avide
murmuram devagar todas as palavras. mormorano piano tutte le parole.
de onde eu venho há pedras antigas Da dove io vengo ci sono pietre antiche
gastas das mãos das mulheres consumate dalle mani delle donne
que inventam a farinha de levedar che inventano la farina per lievitare
os dias i giorni
   
as aves rasam a mesa gli uccelli radono la tavola
quando se abrem os frutos e se debulha o milho quando si aprono i frutti e si batte il mais
as mãos, as lentíssimas mãos, le mani, le lentissime mani,
acendem o fogo do meio. accendono il fuoco di mezzo.
Dividem-se as palavras e as cinzas Si dividono le parole e la cenere
pode ser de paixão forse di passione
para que escorram da boca perché scorra dalla bocca
os verbos il verbo
soltos então pelo chão onde as crianças pousam liberato ora dalla terra dove i bambini poggiano
seus pés de leite e sono. i loro piedi di latte e sonno.
   
De onde eu venho o medo Da dove io vengo la paura
já foi a própria casa è già stata di casa
um gesto de sombra a palavra un gesto d’ombra la parola
agora canta-se devagarinho adesso si canta piano
pode beber-se do musgo si possono bere dal muschio
lágrimas amargas de sede. le lacrime amare di sete.
   
De onde eu venho empresta-se o corpo à casa Da dove io vengo si presta il corpo alla casa
a memória ao tecto onde pinga a chuva la memoria al tetto dove gocciola la pioggia
como se fosse agora como se fosse sempre come se fosse adesso come se fosse sempre
depois estendem-se os cogumelos poi si stendono i funghi
e olham-se as flores onde o desejo passeia e si guardano i fiori dove il desiderio passeggia
devagar. piano.
São bem vindas as chegadas Sono benvenuti gli arrivi
há portos e cais para todo o lado ci sono porti e moli ovunque
e, na falta, braços fortes que nos carregam ao vento e altrimenti braccia forti che ci portano fino al vento
pode-se ficar si può rimanere
lento como redes nas dunas. lenti come reti nelle dune.
   
De onde eu venho podemos esquecer os dias Da dove io vengo possiamo dimenticare i giorni
e andar pela relva a beber as vozes. Uma mulher e andare per i prati a bere voci. Una donna
partiu de nós ci ha lasciato
e deixou o canto para nos adormecer a alma. Seu affidandoci un canto per addormentare l’anima. Il suo
nome era Nina e a sua vida terminou o sopro nome era Nina e la sua vita ha finito il respiro
hoje de manhã stamattina
conheço as suas crianças e sei de que se alimentam. conosco i suoi bambini e so di cosa si alimentano.
   
De onde venho nascem os rios Da dove vengo nascono i fiumi
nos nervos da terra nei nervi della terra
correm certos para o mar ou corrono sicuri verso il mare o
perdem-se noutros lugares do tempo si perdono in altri luoghi del tempo
sem que ninguém senza che nessuno
os detenha li trattenga
aí lavam as raparigas seus primeiros sangues lì le ragazze lavano il loro primo sangue
constrói-se um sol de mentira para pendurar si costruisce un sole di menzogna da appendere
de noite di notte
na porta da vida. alla porta della vita.
   
Venho de muitos rios e um só mar Vengo da molti fiumi e da un solo mare
o Atlântico l’Atlantico
suas cores secretas i suoi colori segreti
a música erudita da praia la musica erudita della spiaggia
e espuma lenta das redes la spuma lenta delle reti
de onde eu venho há lá e cá da dove io vengo c’è un qua e un là
luz, risos de gargantas feridas luce, risa di gole ferite
   
almas abertas anime aperte
uma ciência antiga de treinar una scienza antica di addestrare
os olhos para as fibras gli occhi per le fibre
depois das águas dopo le acque
logo a seguir as tintas subito dopo i colori
E nadar sobre a terra e nuotare sulla terra
com passos de silêncio con passi di silenzio
para que nada perturbe os olhos perché nulla possa turbare gli occhi
a luz. la luce.

 

No deserto vi as estelas «Nel deserto ho visto le steli»
   
No deserto vi as estelas Nel deserto ho visto le steli
Do caminho do meio Della strada di mezzo
No deserto vi as estelas Nel deserto ho visto le steli
Como poemas inscritos Con versi inscritti
Pelo deserto fui ao fundo da noite Dal deserto sono andata al fondo della notte
Ao fundo da vida Al fondo della vita
Passei os dedos cegos pelas estela Ho passato le dita cieche sulle steli
Vi o nome verdadeiro Ho visto il nome vero
Escondido em Segalen Nascosto a Segalen
No deserto vi as estelas Nel deserto ho visto le steli
A tempestade La tempesta
A solidão por dentro La solitudine da dentro
Olhei de novo o escravo Ho guardato di nuovo lo schiavo
Sentei-me a olhar o fim Mi sono seduta a guardare la fine
Encontrei o segredo Ho trovato il segreto
Fechei devagarinho as portas. Ho chiuso piano le porte.

Da Como veias finas na terra
Lisbona, Caminho, 2010

Fala da amada Discorso dell’amata
   
Fecho agora as portas de sombra Chiudo adesso le porte d’ombra
Que me dividiram a vida Che mi hanno diviso la vita
Com a ponta do fio Con la punta del filo
Dou-me à luz de coração limpo Mi do alla luce con il cuore pulito
E agora aberto E adesso aperto
Eu te me entrego Io mi ti affido
Minha vida meu corpo Mia vita Mio corpo
Minha fala e meu lugar. Mio discorso e mio luogo
   
   
Fala do amado Discorso dell’amato
   
Guardião do silêncio Guardiano del silenzio
Guardei a pérola Ho custodito la perla
Para te dizer Per dirti
Noites de nardos coração mais puro Notti di nardi cuore più puro
Agora e todos os dias Adesso e tutti i giorni
Do meu amor Del mio amore
Para receber na minha mão a tua mão. Per ricevere nella mia mano la tua mano
   
   
«Quantas coisas do amor» «Quante cose dell’amore»
   
Quantas coisas do amor Quante cose dell’amore
P’ra ti guardei Ho custodito per te
Coisas simples como estar à espera Cose semplici come aspettare
Manter o pão quente Mantenere il pane caldo
Deixar o vinho abrir-se Far aprire il vino
Em mil sabores In mille sapori
Guardei-me das tentações Mi sono guardata dalle tentazioni
das sombras do desejo dalle ombre del desiderio
das vozes dalle voci
dos segredos dai segreti
   
seria muito pedir-te sarebbe molto chiederti
que me veles o sono di vegliare il mio sonno
só mais uma vez. solo una volta ancora
   
   
«Detenho-me no cais» «Mi trattengo sulla banchina»
   
Detenho-me no cais Mi trattengo sulla banchina
Ainda não é a hora Ancora non è ora
Eu sei Lo so
Há barcos de um lado Ci sono navi da una parte
E comboios antigos de toda a parte E treni antichi dappertutto
Ainda não é a hora Ancora non è ora
Eu sei Lo so
Detenho-me no cais Mi trattengo sul molo
Eu sei não é ainda a hora Lo so non è ancora ora
As pessoas deslizam Le persone scivolano
Acertam as suas vidas Regolano la loro vita
Pelos relógios. con gli orologi
   
   
La dame à la licorne La dame à la licorne
   
Reaprender o mundo Reaprender o mundo
Em prisma novo: Em prisma novo:
Pequena bátega de sol a resolver-se Pequena bátega de sol a resolver-se
Em cisne, Em cisne,
Sereia harmonizando o universo Sereia harmonizando o universo
   
Ana Luísa Amaral, A génese do amor  
   
Podia ter-me guiado os passos para o café Avrei potuto guidare i miei passi per i caffè
Assim me haviam dito Mi avevano detto così
de ser poeta em Paris dell’essere poeta a Parigi
ter um bloco de notas un quaderno di appunti
de capa preta con la copertina nera
um lápis e as palavras soltas una matita e le parole sciolte
boina vermelha un basco rosso
as botas pretas um frio atento le scarpe nere un freddo attento
a noite e as suas sombras la notte e le sue ombre
   
e estar ali ao abandono E stare lì all’abbandono del
do dia contra a noite giorno contro la notte
alinhar as palavras esquecidas mettere in fila le parole dimenticate
uma a uma as mais bonitas. una per una le più belle.
Podíamos ter trocado os silêncios Avremmo potuto scambiare i silenzi
ou as histórias do sul e do norte o le storie del sud e del nord
à vez entre sorrisos a volte tra sorrisi
e o ruído da rua e il rumore della strada.
mas assim é Paris Ma è così Parigi
Apanha-nos pelas veias Ci prende per le vene
E foi preciso reaprender o gosto Ed è stato necessario riapprendere il gusto
o cheiro o toque os olhos l’odore il tocco gli occhi
os sentidos todos tutti i sensi
os fios de seda e lã i fili di seta e lana
diante da senhora e do unicórnio azul davanti alla signora e dell’unicorno azzurro
mon seul désir. mon seul désir.

¬ top of page


Iniziative
12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398