Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Balocchi da sobborgo di Andrej Rodionov
L’epos antieroico di una megalopoli

a cura di Francesca Lazzarin


Sono pronto a scommettere che chi applaude durante le letture di Rodionov, come me, prova un leggero tuffo al petto, come sulle montagne russe: la sensazione che questa zona d’ombra della realtà è sempre qui accanto, che può trovare posto nella tua stessa coscienza, fa sentire in qualche modo a disagio.

IL’JA KUKULIN

La prima raccolta pubblicata da Andrej Rodionov nel 2003 porta un titolo quanto mai emblematico: Dobro požalovat’ v Moskvu [Benvenuti a Mosca]. Niente di più adatto a riunire dietro un unico frontespizio i testi di quell’autore esordiente che, cresciuto nell’estrema periferia a nord-est della capitale russa, tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000 era stato acclamato a innumerevoli poetry slam. I soggetti dei suoi versi, precedentemente già stampati su rivista oltre che in rete, portavano il lettore, seguendo un immancabile movimento centrifugo, verso i margini di Mosca, dove anche l’intricata e abnorme tela di ragno della metropolitana si interrompe e cede il passo alle električki, i treni a breve tratta, e alle maršrutki, i minuscoli bus che collegano i capolinea della metro a una miriade di cittadine satellite tutte uguali: Mytišči, Ljubercy, Chimki … File e file squadrate di palazzi a quindici piani si alternano a chioschi di fiori o di polli alla griglia piazzati anarchicamente lungo le strade, anonime caffetterie dei tempi sovietici convivono indifferenti con i surrogati russi di Starbucks. E cantieri, cantieri ovunque, sempre al lavoro tra i pilastri in cemento armato di un futuro centro commerciale o di un nuovo mostro edilizio, perché – e questa è l’amara conclusione di una poesia dello stesso Rodionov, tratta dalla raccolta Igruški dlja okrain [Balocchi da sobborgo] – tutta la speranza sta lì, nel far crescere fino all’implosione questo ibrido suburbano («si spera solo nei cantieri, si tirano su nuove case», Okna gorjat v mnogoetažnych korpusach [Ardono le finestre di palazzi a molti piani], v. 40).

Chiunque sia stato in Russia sa bene come il distacco tra la città, soprattutto se si parla delle due metropoli Pietroburgo e Mosca, e una non meglio precisata ‘provincia’ che si estende su quasi un sesto del pianeta sia inimmaginabile. Nella seconda metà del Novecento ha iniziato a svilupparsi tra i due poli contrapposti di centr e glubinka – un termine colloquiale che si riferisce alla congerie di località remote, lontane dai centri pulsanti del paese – anche la realtà del sobborgo cresciuto senza criterio attorno al cuore di una megalopoli in continua espansione. Mosca è tradizionalmente una città che si è ampliata, dalla notte dei tempi, seguendo la traccia di cerchi concentrici sempre più grandi. Ma la realtà periferica che in russo si può chiamare, colorandosi di sfumature diverse e intraducibili, okraina, predmest’e o prigorod – termini le cui occorrenze nei testi di Rodionov non si contano – rifugge da questa logica e si gonfia in tutte le direzioni senza mai acquisire un profilo definito. I suoi tratti sono ben sintetizzati in un’affermazione che Vsevolod Emëlin, poeta e critico, ha riferito a una povest’ firmata da Dmitrij Danilov, ‘compagno di strada’ di Rodionov e simile a quest’ultimo nella scelta di esplorare il mondo suburbano moscovita. Emëlin ha parlato in quella sede di «margine [della città] che si espande all’infinito»: forse solo tramite un ossimoro si può cogliere l’essenza dell’okraina, originariamente legata alla parola kraj, ‘confine’ che, pure, in questo caso ha perso le sue coordinate geografiche.

La poesia di Rodionov può sicuramente inserirsi in un filone moscovita dove l’immagine della città è imprescindibile fattore costitutivo del testo. Nello specifico, la presenza della Mosca di oggi accomuna molti poeti e prosatori contemporanei di spicco: da Andrej Levkin a Evgenij Griškovec, da Aleksandr Iličevskij a Sergej Sokolovskij, solo per citarne alcuni. Ed è innanzitutto la Mosca degli anni ’90 e dei primi anni Zero a partorire gli eroi di Andrej Rodionov, come quelli ritratti nella sua quinta raccolta Balocchi da sobborgo, uscita nel 2007: i gopniki, adolescenti troppo avanti con gli anni che ammazzano la noia tra la strada e la sala giochi, una bottiglia di vodka alla mano, ricorrendo talvolta ad atti di violenza più o meno ingiustificata; o i bombži, senzatetto addormentati nei cantucci dei mercati abusivi; o, semplicemente, gente comune abbruttita da un’esistenza vissuta tra i gangli di un microcosmo caotico e disumano.

L’affresco di questo mondo ha fatto spesso ripensare a quella che è passata alla storia come ‘Scuola di Ljanozovo’ (Ljanozovskaja škola) o ‘lirica delle baracche’, una delle espressioni più pregnanti della controcultura sovietica a cavallo tra gli anni ’50 e ’60: voltate le spalle alla tronfia letteratura ufficiale, poeti e pittori avevano preso a incontrarsi nelle loro abitazioni fatiscenti alla periferia di Mosca, traducendo in versi o in immagini, e nella maniera più schietta possibile, la cruda realtà circostante. Tornando ancora più indietro nel tempo, si può ricordare anche quella poesia d’ispirazione urbana che aveva occupato un posto di non poco rilievo nella straordinaria stagione modernista d’inizio Novecento: all’epoca della trasformazione di Pietroburgo e Mosca in metropoli industriali, grandi poeti come Valerij Brjusov, Andrej Belyj, Aleksandr Blok, per non parlare ovviamente dei futuristi, avevano disseminato i loro versi di comignoli di fabbriche, tram e bettole di periferia.

A un secolo di distanza, l’attenzione è andata spostandosi sempre più ai margini di quella che da metropoli fin de siècle è diventata convulsa megalopoli del terzo millennio. Possiamo parlare di ‘poesia suburbana’ che però, e questo è un punto molto importante, non si realizza mai in un realistico bozzetto di costume. Se il simbolista Blok in Puzyri zemli (Le bolle della terra, 1905) aveva fatto balenare tra i fumi delle ciminiere di Pietroburgo demoni e spiritelli, le creature più o meno maligne immanenti al mondo circostante secondo l’atavico sentire slavo, Rodionov ci fa incontrare alieni sulla linea viola della metropolitana, esseri deformi a tre teste o bizzarri elfi blu danzanti in una discarica. Certo, al folclore antico-slavo si sono aggiunte le suggestioni della fantascienza di serie B e le figure sgargianti dei videogiochi anni ’80, ma l’elemento fantastico si intromette anche nell’iperrealistica narrazione di Rodionov.

I suoi testi, non a caso, sono stati accostati alle ballate (e spesso definiti psichodeličeskie ballady, ‘ballate psichedeliche’) o, per restare nel solco letterario russo, alle byliny, gli antichi componimenti poetici centrati sull’incontro con una creatura soprannaturale tra le usuali pieghe della quotidianità. Indubbiamente, come vuole la tradizione delle ballate o delle byliny, ci troviamo davanti a poesia spiccatamente narrativo-descrittiva, dalle dimensioni piuttosto estese (i testi, articolati quasi sempre in quartine, hanno una lunghezza media di ben dieci strofe; nella sua ultima raccolta, Novaja dramaturgija [Nuova drammaturgia], Rodionov è andato ancora oltre, redigendo veri e propri ‘poemi’ di notevole ampiezza), entro i cui confini si snodano le storie di personaggi veri o fantasiosi. Le intrusioni di questi ultimi, che assomigliano agli umani e agiscono come loro, sottolineano ulteriormente l’assurdità racchiusa nel caleidoscopio di un’esistenza che si rivela ancora più surreale se trascorsa ai margini di Mosca.

Differentemente da quanto avveniva nella poesia urbana di tradizione modernista, però, l’io narrante non indossa mai le vesti romantiche del vagabondo reietto e ribelle. Nella postfazione a Balocchi da sobborgo, Il’ja Kukulin ha brillantemente esordito con una definizione presa in prestito dalla sociologia. L’autore dei versi sarebbe un vključënnyj nabljudatel’, un ‘osservatore partecipante’ capace di scrutare e riferire i meccanismi di un mondo in cui è coscientemente immerso, dunque senza alcuna pretesa di oggettività, ma anzi includendo indirettamente anche se stesso nella variegata compagine degli osservati. Questa è la prospettiva della voce impegnata a raccontarci di un mondo ‘basso’ e ostinatamente antiestetico, i cui abi tanti sono lontanissimi tanto dall’attenzione mediatica quanto dagli stessi frequentatori delle serate poetiche in locali moscoviti come il Café Bilingua o il Proekt OGI – un pubblico colto e raffinato che, a dire il vero, costituisce il principale nucleo di lettori di Rodionov e di altra giovane poesia russa.

Gli eroi di Balocchi da sobborgo sono squallidi, tristi, volgari, profondamente crudeli e profondamente umani, per quanto non traspaia mai la patetica illusione che una qualche scintilla di umanità prima o poi trionfi: la vita ai confini di Mosca – definita senza mezzi termini «città del male» (Fonar’ [Il lampione], v. 1) – è troppo tesa, violenta e priva di prospettive per sperare in facili scappatoie. Si possono solo cercare il guadagno rapido, le droghe a buon mercato, il breve appagamento di una sessualità animalesca. Condizioni ‘estreme’, che pure si ripetono giorno dopo giorno e non consentono né di ritagliarsi uno spazio a sé congeniale, né di rifugiarsi in rassicuranti ruoli sociali, in «professioni irrimediabilmente antiquate» come recita, non a caso, il titolo della penultima raccolta di Rodionov, pubblicata nel 2008. Si vive una vita innaturale, dove «i gatti latrano tra calcinacci fatiscenti / e i cani miagolano, strazianti, senza sosta», dove «così fuori dal tempo / appare un neonato nella carrozzina / oppure una donna, se va in giro incinta» (Ardono le finestre di palazzi a molti piani, vv. 11-12; vv. 22-24).

Il narratore non sembra comunque interessato a far schizzare fuori dalla pagina un qualche grido di denuncia. Dai testi traspare piuttosto un disincantato pessimismo venato di ironico humour nero, tratto in molti casi dominante. E questo non è un unicum in quello che il poeta del samizdat leningradese Viktor Krivulin ha definito il «nero carnevale moscovita» impazzante nella poesia degli ultimi decenni, iniettata di una cupa euforia che non di rado si scioglie in tragedia. Leggendo le storie di Balocchi da sobborgo si può assistere a scene grottesche che sembrano uscite dal cinema tarantiniano, come quella in cui due balordi mascherati da omini del Lego rapinano un videopoker con la complicità di un personaggio dal nome impronunciabile, forse un ‘negro’ che però «a dire il vero era un poco bislacco / parlava russo in gergo, sapeva i proverbi» (Ja uvidel dom sinij-sinij [Ho visto una casa tutta blu], vv. 15-16); oppure alla relazione di un falegname psicolabile con una ragazza di provincia dalle pretese artistiche, capace di conquistare le gallerie più esclusive della capitale spacciando per suoi i disegnini osceni incisi da lui nel compensato, satira al vetriolo di un’arte contemporanea vacua e snob (Kak v šestidesjatye. Bylina [Come negli anni ’60. Bylina]).

Ma tra le righe di queste strampalate antifavole c’è spazio, talvolta, anche per momenti di velata compassione, come nel racconto su una capo-magazziniera di mezza età tradita dal marito in casa della suocera e sorpresa a canticchiare, tra i fumi dell’alcol, una celeberrima e struggente canzone del gruppo Akvarium (Davnym-davno, v magazine Knigi [In tempi lontani, nella libreria Kniga]); o di lirismo disarmante, come quando si parla degli alberi di mele ai margini di Mosca, che affondano le radici in un suolo impregnato di veleni eppure paiono ergersi a baluardi di un ultimo paradiso perduto (Pod jablonjami severa Moskvy, korjavymi [Sotto i meli di Mosca nord, decrepiti e nodosi]). Simili squarci sembrano contrastare con la cifra grottesca e ripugnante che spesso viene portata ai massimi livelli senza censure di sorta, suscitando in chi legge repulsione, riso isterico e inquietudine a un tempo. Un simile effetto straniante è dovuto anche all’anfibio impasto linguistico di Rodionov. A parte i riferimenti a realia del paesaggio suburbano, poco familiari non solo al pubblico straniero, ma anche a chi non sia cresciuto giocando coi ‘balocchi da sobborgo’, si tratta di una lingua situata sul sottile crinale tra letterarietà e non letterarietà, esattamente come i soggetti dei versi. Le poesie sono disseminate di termini estrapolati dallo slang dei videogiochi o della malavita, di innumerevoli relitti del gergo dei devjanostye, gli anni ’90 delle privatizzazioni selvagge e degli omicidi su commissione, l’epoca in cui, richiamando alla mente le parole di Boris Groys, una Russia allo sbaraglio allarmava l’Occidente alla maniera di un inquietante subconscio («scrivo nella lingua della metà degli anni ’90. Perciò tutti certo capiscono di cosa trattano i miei versi, ma oggi nessuno parla più così», ha ammesso Rodionov in un’intervista: la generazione a cui il poeta appartiene venne segnata proprio da quel decennio); o, ancora, di espressioni aggressive del mat, il turpiloquio-tabù russo, certo ben compatibili con una realtà brutale, trasposta su carta senza edulcorazioni. Ma, allo stesso tempo, non mancano passaggi scritti nella lingua poetica della lunga e gloriosa tradizione russa, insinuati nella pagina come in un complesso rebus intertestuale. La rielaborazione, in chiave ironica e talvolta grottesca, di svariati strati linguistici e referenti letterari agli antipodi tra loro, al di là di essere una colonna portante dell’era postmoderna, ricorda in realtà anche la soc-art (irriverente contrazione di socialističeskij realizm e pop-art), un altro frutto della cultura sovietica non-ufficiale degli anni ’70-’80. Parole d’ordine ed icone della mitologia sovietica venivano riproposte, in poesia come in arte, parodiate e contaminate da soggetti giocosi, surreali o osceni: se ne frangevano così i cliché e i tabù, creando un innesto del tutto nuovo.

Un buon esempio dei multiformi referenti stilistici di Rodionov è costituito dal metro impiegato in quasi tutti i testi: un akcentnyj stich (verso la cui unica regolarità è costituita dal numero fisso degli accenti e risulta rafforzata dalla presenza della rima, seppure spesso imperfetta o realizzata in semplice assonanza) di lunghezza sillabica varia. Se da un lato era stato il verso principe dei poeti futuristi, in primo luogo di Vladimir Majakovskij, tra gli anni ’10 e ’20 del Novecento, dall’altro ricorda la cadenza di certi rapper russi dall’ispirazione engagée, o le canzoni punk-rock serpeggianti nella controcultura degli anni della perestrojka, che peraltro Rodionov, in origine leader di un complesso musicale, apprezzava molto.

Queste somiglianze si riflettono anche nel declamato di Rodionov, che assomma infatti nelle sue letture il pathos oratorio di Majakovskij e il ritmo concitato del rap metropolitano. E questa commistione ha un effetto ipnotico sul pubblico che agli albori degli anni 2000 ha iniziato ad applaudire le sue performances, sede più congeniale per estrinsecare quanto, a detta dello stesso autore «in linea di principio è stato originariamente scritto per essere scandito ad alta voce, quando è presente anche una creazione sonora. Insomma – e questo è un punto importante! – scrivo con lo scopo di leggere per il pubblico e in pubblico», ha aggiunto Rodionov in un’intervista. La cura per la forma e l’abbondanza di sottotesti cui si è fatto precedentemente cenno – e se ne potrebbero estrapolare molti altri – ci ricordano che quanto leggiamo, al di là del realismo allucinante dei soggetti, è filtrato da un’intensa elaborazione artistica. Il risultato è un nuovo moskovskij mif (‘mito moscovita’) – Il’ja Kukulin ha paragonato Rodionov ai letopiscy, gli autori delle ‘cronache’ medievali russe, per non parlare del fatto che durante le serate poetiche, con il suo sguardo carismatico e assente insieme, l’autore di Balocchi da sobborgo sembra acquisire delle fattezze da ‘folle in Cristo’, da jurodivyj –, la creazione di un’epopea antieroica capace di catturare lo spirito più vero di un tempo e di un luogo e allo stesso tempo di trasfigurarlo, ora in chiave tragica, ora grottesca, in una continua altalena di sincerità e finzione, lirismo e farsa. Questo è forse il motivo per cui, come è stato scritto in una recensione, «Rodionov fa ridere e commuove allo stesso tempo» (N. Kurčatova). E, riprendendo la riflessione posta in epigrafe, ci fa anche «sentire in qualche modo a disagio».

Nota biografica

Andrej Viktorovič Rodionov nasce il 9 gennaio 1971 a Mytišči, città satellite a nord-est di Mosca. Si diploma all’Istituto Poligrafico e nel frattempo inizia a esibirsi suonando il basso nel gruppo punk-rock Brat’ja-koroli (I re fratelli), oltre a cimentarsi nel repertorio rap, da solo o insieme ai suoi accoliti del Nezavisimyj profsojuz Yeltsin-trip (la Lega indipendente Yeltsin-trip). Alla seconda metà degli anni ’90 risale il suo debutto come poeta e performer tra le pareti del circuito metropolitano. Nel 2002 è vincitore della quarta edizione del Russkij slem (Slam russo), un successo bissato appena un anno dopo, nel 2003. Da allora ha promosso e organizzato con regolarità serate e competizioni slam tra Mosca, Pietroburgo e Kiev. Tra le iniziative realizzate nella capitale basti ricordare le numerosissime letture nei locali di riferimento per le performances poetiche e musicali, il Proekt OGI e il Café Bilingua.

Nel 2005 è finalista al concorso Andrej Belyj e nel 2006 è insignito del premio Triunf. Ha pubblicato su diverse riviste e almanacchi (Novyj Mir, Oktjabr’, Arion, Vavilon e Avtornik). Dal 2003 ad oggi, inoltre, ha stampato sette raccolte. La poesia di Rodionov ha ottenuto il plauso di una critica che non di rado lo ha annoverato tra gli artisti più brillanti degli anni 2000, definendolo addirittura un nuovo Majakovskij per il linguaggio a tinte forti e il piglio energico delle letture. Si concorda però nel riconoscere i limiti, nel suo caso, di una dimensione unicamente testuale: motivo per cui alcuni dei volumi sono stati venduti con un cd in allegato. Sia nelle incisioni discografiche che nelle esecuzioni dal vivo Rodionov si è avvalso della collaborazione di complessi musicali come il duo elettronico Ëločnye igruški (Addobbi natalizi) e il gruppo rock Okraina (Sobborgo).

Membro dal 2002 al 2005 della ‘confraternita’ artistica Osumas šedševšie bezumcy (i Folli dissenatisi) e responsabile della rassegna di video-poesia Pjataja noga (La quinta gamba), nel 2008 entra a far parte anche del neonato Club poetico di Mosca (Moskovskij poetičeskij klub), che con il patrocinio della Stella Art Foundation promuove il confronto tra diverse forme espressive all’insegna di una ‘lingua mutuamente comprensibile’ tra poesia, musica e arti figurative. Nell’estate 2009 Rodionov e altri poeti del Club hanno proposto una loro installazione alla 63° Biennale di Venezia, Making words. Sotto gli alberi dei Giardini dell’Arsenale ha trovato spazio un composito palcoscenico che ha visto alternarsi poeti russi, greci, austriaci e italiani insieme ad artisti intenti a schizzare i propri disegni parallelamente alla lettura dei testi. Se non sta seguendo le tappe delle sue tournées, che oltre a diverse città russe e ucraine hanno compreso anche Londra e gli Stati Uniti, Andrej Rodionov dirige attualmente il laboratorio di coloratura tessuti al teatro musicale Stanislavskij e Nemirovič- Dančenko di Mosca.

Bibliografia di riferimento

A. Rodionov, Dobro požalovat’ v Moskvu, Sankt-Peterburg, Krasnyj Matros, 2003.
A. Rodionov, Pel’meni ustricy, Sankt-Peterburg, Krasnyj Matros, 2004.
A. Rodionov, Portret s natury, Ekaterinburg, Ul’tra Kul’tura, 2005.
A. Rodionov, Morro Kasl, Moskva, Raketa, 2006.
A. Rodionov, Igruški dlja okrain, Moskva, NLO, 2007.
A. Rodionov, Ljudi beznadežno ustarevšich professij, Moskva, NLO, 2008.
A. Rodionov, Novaja dramaturgija, Moskva, NLO, 2010.
http://a_rodionoff.livejournal.com (Blog di Andrej Rodionov dove è possibile leggere numerosi testi non inclusi nelle raccolte o comparsi su rivista, oltre a ricevere continui aggiornamenti sulle iniziative promosse dall’autore)
D. Bak, Opoezii Andreja Rodionova, in «Oktjabr» 1 (2011), <http://magazines.russ.ru/october/2011/1/barr.html> G. Daševskij, Priznak kak prizrak. O “mire slučajnych primet” v poezii Andreja Rodionova, in Weekend, n. 37, 2008.
D. Davydov, Vnesistemnyj element sredi zerkal i električek. Tvorčesvo Andreja Rodionova kak kul’turnaja innovacija, in Novoe literaturnoe obozrenie, n. 62, 2003.
V. Emelin, introduzione a D. Danilov, Čërnyj i zelënyj, Sankt-Peterburg 2004.
V. Krivulin, Mezzo secolo di poesia russa, in La nuova poesia russa, a cura di P. Galvagni, Milano 2003.
I. Kukulin, Rabotnik gorodskoj zakulisy, postfazione a A. Rodionov, Igruški dlja okrain, Moskva 2007.
N. Kurčatova, Andrej Rodionov. Pel’meny ustricy, in Kritičeskaja massa, n. 4, 2004.
M. Maurizio, Prossima fermata Cremlino. Percorsi reali e immaginari nella Mosca letteraria, Acireale-Roma 2011.
V. Muratchanov, Moskovskaja poezija: bitva za čeloveka, in Oktjabr’, n. 11, 2008.
Ju. Ugol’nikov, Andrej Rodionov. Novaja dramaturgija, in Novyj mir, n. 2, 2011.
E. Vežljan, Andrej Rodionov. Igruški dlja okrain, in Novyj Mir, n. 10, 2007.

Master cveta, Matiss krasilki. Intervi’ju s Andreem Rodionovym, a cura di Aleksandr Vosnesenskij, 8. 08. 2005, consultabile all’URL www.ultraculture.ru/rodionov-interview. Intervista di Anatolij Ul’janov ad Andrej Rodionov, in Šo, n. 5,
2008.

Tre poesie da Balocchi da sobborgo

(Traduzione di Francesca Lazzarin1)
Tutto prima o poi si spacca Все когда-нибудь ломается
Si è smarrita la console Потерялся автомат
Balla dentro la sua scatola Жук в коробочке болтается
Uno scarabeo innocente Жук ни в чем не виноват
   
Shoot’em up e rally di macchine Все солдатики и гоночки
Son balocchi da sobborgo Все игрушки для окраин
Nei paesotti va di moda Деревянный жук в коробочке
Quello scarabeo di legno2 В пригороде популярен
   
*** ***
   
Ardono le finestre di palazzi a molti piani Окна горят в многоэтажных корпусах
prima al loro posto c’era un bosco, e delle dacie раньше тут были лес и дачи
e qui vive di merda chi prima stava in centro херово тут жить тем, кто раньше жил в центрАх
chi ci ha perso nello scambio come chi ci ha guadagnato3 кого разменяли, кто - сдача
   
c’è chi si è trasferito dal viale Kozichinskij кто из Козихинского переехал переулка
c’è chi da via Stolešnikov4 ha fatto il trasloco кто из Столешнекова переулка переехал
chiusa in casa una vecchia aspetta di morire в одной квартире ждущая смерти бабулька
che gioia se creperà pure il tossico di fronte в другой наркоман, чью смерть встретят
  радостным смехом
   
per primi li mandano qui i loro parenti их в первую очередь сюда отсылают
con l’idea di tenersi una casuccia di scorta свои же родственники, желающие иметь про запас хатульку,
i gatti latrano tra calcinacci fatiscenti на пустыре здесь кошки лают
e i cani miagolano strazianti, senza sosta и собаки так страшно мяукают
   
tutto questo è una banca assai particolare это своеобразный такой банк
per gente che ha sbagliato, o l’ha tirata per le lunghe для людей неправильно или слишком долго
perché mai sono passato dal vostro parco millenario тянувших резину
fare acquisti nei vostri magazzini mi ripugna зачем я зашел в этот ваш юрский парк,
  мне страшно покупать тут что-то в ваших
  магазинах
   
non mi piace sapere che voi ci vivete мне не приятно знать, что вы тут есть
o meglio, mi piace, e non me ne vanto точнее, мне приятно, но это даже хуже
ironia della sorte, l’intero quartiere весь этот район, как чья-то страшная месть
non si può vincerlo colpendo ed affondando невозможно выиграть в конкурсе «кого закопают
  глубже»
   
proprio qui, tra banche colanti cemento именно здесь, около ненормально
così innaturale, così fuori dal tempo забетонированой сберкассы
appare un neonato nella carrozzina так неестественно и несвоевременно
oppure una donna, se va in giro incinta выглядит малыш, едущий в коляске
  или если женщина идет беременная
   
si sente un rombo seccante, ed ecco а вот черный плоский двухместный порш или мерс
una lucida cabrio mi sfreccia di nuovo внезапно проскочивший мимо меня с
e che cazzo tirate in ballo il progresso нездоровым ревом
- però certo qui è più figo che a Butovo o какой вам, папаша, к черту прогресс -
Birjulëvo5 хотя здесь безусловно круче чем в Бутово или Бирюлево
   
saremo a trenta chilometri dalla capitale здесь пока еще километров тридцать до Москвы
ma questo non deve aver spaventato что видимо не испугало вон того, в черных очках,
chi da fuori, in occhiali neri, è venuto per l’erba незнакомца
a tre pianeti dal sole, amico, ecco la nostra Terra. приехавшего сюда приобрести травы
  да, приятель, это третья планета от солнца
   
è atroce l’odore di cemento stantio какой ужасный здесь запах, какой мрачный звук
è tetro, da un’auto scura, il lungo stridio запах цемента и старости, рев черного автомобиля
di chi da queste parti se ne va cazzeggiando того, что здесь шастает, словно паук
nella sua tela disumana di ragno по какой-то бесчеловечной своей паутине
   
questo posto per un solo motivo lo amo я люблю это место только за то,
ci vive la gente, il che dovrebbe bastare что здесь живут люди, за это только
ma la vita qui è una lunga cinta d’asfalto хотя для многих жизнь здесь как бесконечный забор,
si spera solo nei cantieri, si tirano su nuove case но строят новые дома, вся надежда на стройку
   
*** ***
   
Sotto i meli di Mosca nord, decrepiti e nodosi Под яблонями севера Москвы корявыми
stilla gocce di bonAqua6 una sacra fonte источник святой и бонаква
tutti si dilettano in trastulli acidi ed astiosi и заняты все такими кислыми забавами
a Mosca nord spiluccano mele un poco storte закусывают севера Москвы кривыми яблоками
   
ho preso a bere anche peggio, meglio sarebbe stato стал пить еще больше, лучше б пил как ранее
bere come prima sotto i meli a nord di Mosca под старыми яблонями севера города
le cui cavità appestano monconi di parliament7 в чьих зловонных дуплах бычки парламента
che ti portano tumori nei polmoni e nella gola вызывающие рак легких и горла
   
stanno lì, tanto belli che paiono dipinti стоят они, красавицы писаные
in maggio sono bianchi, sembra che abbiano il pelo в мае они как белые подопытные мыши
sotto i meli di Mosca nord in tanti spesso pisciano под яблонями севера города много писают
nessuno ci verserà getti d’inchiostro, in compenso зато никто про них ничего не напишет
   
sotto i meli a Mosca nord c’è un pandemonio под яблонями севера Москвы черт ногу сломит
i rami dei vecchi belli del paese sono a pezzi и ветки все обломаны у бывших сельских
sotto i meli, brutta cosa, c’è chi gira solo красавиц
in cappello col frontino, e sul bus non ha il biglietto под яблонями, как нехорошее слово
  лишь в бейсболке гуляет автобусный заяц
   
sui meli a Mosca nord i rami sono grossi у яблонек севера Москвы толстые ветки
anche i bimbi li spezzano, i rami sottili тонкие ветки дети сразу ломают
e pure quelli grossi li spezzano, i bimbi да и толстые иногда ломают детки
i bimbi grandi e grossi a nord della metropoli толстые детки столицы северных окраин
   
sui meli di Mosca si impiastriccia lo schwarma у яблонек севера Москвы шаурма
avanzi di schwarma, tra i meli avviluppati остатки шаурмы на яблонях севера Москвы
polli fritti8 siedono tra le fronde, e sui rami куры гриль сидят на ветвях и хурма
come fanno certi frutti, maturano i cachi зреет на ветках, как некие плоды
   
si baciano con passione sotto i meli di Mosca под яблонями севера Москвы горячо
le ragazze che da sud e da nord sono venute целуются девушки юга и севера столицы
e se crede di aver visto una faccia losca или ругается матом мужичок
o straniera, impreca un poveraccio sparuto которому мерещатся других национальностей лица
   
non c’è quasi mai un tavolo sotto quei meli под яблонями почти никогда не стоит большой стол
la gente d’altronde non s’incontra più, adesso люди больше не собираются вместе
sotto i nordici meli non ci sono più paesi под северными яблонями нет больше сел
ma palazzi con dodici piani e un ingresso а лишь двенадцатиэтажные дома с одним подъездом
   
puoi trovare ogni tanto un campetto da gioco иногда здесь может быть площадка для игр
e coccodrilli9 con in bocca un’altalena rotta или два крокодила у которых в зубах перекладина
mai ho visto un coccodrillo riprodursi in coppia для качелей
ma gli hanno tracciato sopra quanto serve allo я не видал, как размножается крокодил,
scopo но у него все пририсовано для этих целей
   
se vai a Babuškino, o a Losinoostrovskij10 в Бабушкинском или Лосиноостровском районе
in molti cortili questi alberi crescono во многих дворах растут эти плодовые деревья
sui rami callosi gracchiano i corvi на мозолистых ветках каркают вороны
le figlie di Eva, i jeans allentati, cazzeggiano внизу шляется в еле натянутых джинсах племя Евье
   
Scusami! Scusa un corno! risuonano le grida слышатся крики Извини! Не извиню!
Sei solo una puttana! Puttana sarai tu! ты блядь! да ты и сама блядь!
sotto i meli a Mosca nord, come avvenne nell’Eden под яблонями севера Москвы как в раю
ti possono porgere anche quel frutto тебе могут и запретный плод дать
   
a Mosca nord il melo soffre e si tormenta северная яблоня Москвы потому так страдает
perchè ha udito di sotto la prima menzogna что под ней произнесена была первая ложь
e giorno dopo giorno sotto il melo anelano и ежедневные поиски потеряного рая
a un perduto paradiso i giovani di Mosca привлекают под яблони простую московскую
  молодежь
   
in smorfie sbeffeggianti le nubi si contorcono облака на небе складываются в глумливые морды
succo acido di mela ci rinfresca i gargarozzi яблочный уксус освежает полости ртов
cerchiamo il paradiso, ci aiuteranno loro мы ищем этот рай, нам эти яблоньки помогут,
i meli nodosi, a Mosca nord, nei sobborghi корявые яблони северных московских округов

Note

1 Ringrazio Alessandro Metlica per i preziosi suggerimenti stilistici durante la stesura di queste traduzioni.
2 Si allude a un passatempo dei bambini d’altri tempi, che amavano catturare piccoli scarabei e tenerli nelle caratteristiche scatole di fiammiferi colorate degli anni sovietici. Attualmente, come altrove, sono diffuse piccole scatole portafortuna con scarabei di legno al loro interno.
3 Ci si riferisce alla prassi di cedere un appartamento di proprietà in centro in cambio di appartamenti più piccoli nei nuovi complessi edilizi della regione moscovita. Vengono convinte a trasferirsi soprattutto persone anziane.
4 Strade nel centro a Mosca, vicine ad arterie pulsanti come la via Tverskaja e la via Petrovka.
5 Località della regione moscovita.
6 Acqua minerale molto diffusa in Russia, spesso insaporita con gusti di frutta, mela nella fattispecie.
7 Marca di sigarette.
8 Nella versione originale si gioca con il nome sulle insegne dei chioschi di polli allo spiedo: kury-gril’, ‘polli alla griglia’.
9 Nei campi gioco di Mosca si incontrano spesso giostre a forma di coccodrillo.
10 Quartieri della periferia nord di Mosca.

¬ top of page


Iniziative
16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

8 dicembre 2017
Semicerchio a Più Libri più Liberi

30 settembre 2017
Lettura per i 30 anni di Semicerchio

1 settembre 2017
Iscrizioni Scuola di scrittura creativa

30 agosto 2017
Festival di Poesia "Voci lontane voci sorelle" - Firenze, 30/8-6/10

25 maggio 2017
In memoria di Max Chiamenti

10 marzo 2017
La Compagnia delle poete alla scuola di Semicerchio

1 marzo 2017
30 anni di SC: lectio di Jesper Svenbro a Siena

28 febbraio 2017
30 anni di SC: dibattito sulla post-poesia a Siena

11 febbraio 2017
Ricordo di Gabriella Maleti

10 febbraio 2017
Maurizio Cucchi alla Scuola di Semicerchio

31 gennaio 2017
Volumi in recensione 2017: call for reviews

27 gennaio 2017
Antonio Moresco alla Scuola di Semicerchio

24 dicembre 2016
Bando del Premio di poesia Achmadoulina

10 dicembre 2016
Semicerchio su Bob Dylan alla Fiera di Roma

9 dicembre 2016
Incontro con Stefano Dal Bianco

25 novembre 2016
Letteratura e cinema: incontro con Massimo Gaudioso

18 novembre 2016
Incontro con Wu Ming 2 alla Scuola di Scrittura Creativa

1 novembre 2016
Addio a Remo Ceserani

13 ottobre 2016
Il Nobel per la letteratura a Bob Dylan

9 settembre 2016
Presentazione di "The Mechanic Reader" a Venezia

1 luglio 2016
La poesia italiana in prospettiva plurilingue - Paris 1 luglio 2016

10 giugno 2016
Lettura della Scuola Semicerchio alle Oblate

22 aprile 2016
Corso di sceneggiatura di film letterari

18 aprile 2016
Incontri e Agguati. Per Milo De Angelis

25 febbraio 2016
Incontro con SERGEJ ZAV’JALOV - Premio Bigongiari

11 dicembre 2015
Incontro con Nicola Lagioia

4 dicembre 2015
Incontro col narratore Giorgio Vasta

27 novembre 2015
Incontro con Alessandro Fo

13 novembre 2015
Incontro con Sauro Albisani

24 settembre 2015
La Cucina Poetica di Semicerchio a Siena

22 maggio 2014
25 anni di Scuola di Scrittura Creativa - i video

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398