Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

FEDERICA GIOMMONI, Νέης γενετῆρες ἀοιδῆς. Gli epigrammi dei “minori” del Ciclo di Agazia, introduzione, testo critico, traduzione e commento, Alessandria, Edizioni dell’Orso 2017 (Hellenica 67), pp. 272, € 32,00.


in: 
Semicerchio LVII (2017/2) Uncreative poetry, p. 53.


Gli studi sulla ‘rinascita’ del genere epigrammatico in età giustinianea si arricchiscono di un nuovo contributo, destinato ad affiancare i numerosi lavori dedicati, negli ultimi anni, ai più illustri poeti del Ciclo di Agazia. Con questo volume, una rielaborazione della sua tesi di dottorato, recentemente discussa presso l’Università degli Studi di Firenze, Federica Giommoni getta nuova luce sui versi dei poeti ‘minori’ della silloge, offrendone «un commento esaustivo e scientificamente organizzato» (p. VII). All’opera esegetica, di grande utilità per comprendere meglio una realtà letteraria del tutto peculiare, l’autrice affianca un infaticabile e accurato lavoro di edizione critica e traduzione, che rende il libro pienamente godibile per il filologo come per l’appassionato di poesia (ed anzi unisce rigore scientifico e qualità artistiche in una piacevole osmosi).
La prima parte del volume, suddivisa in tre capitoli, ha lo scopo di introdurre il lettore meno esperto alle principali problematiche connesse con lo studio della silloge agaziana. Dopo aver descritto le caratteristiche salienti della raccolta, l’autrice ricostruisce i complessi rapporti che gli epigrammisti ‘minori’ intrattengono con i loro modelli più importanti, tracciando un quadro variegato della loro formazione scolastica e mettendo in luce il loro debito nei confronti del nuovo stile inaugurato da Nonno di Panopoli. L’ultima sezione dell’introduzione ospita alcune preziose osservazioni sulla versificazione dei ‘minori’, frutto di un’attenta analisi metrica, a cui si aggiungono tre tabelle che permettono di conoscere ad un primo sguardo i pattern più diffusi nell’opera di un determinato poeta.
La seconda parte del libro accoglie l’edizione, la traduzione ed il commento dei 76 epigrammi, divisi per autore. Ogni sezione è aperta da un breve profilo biografico, che consente al lettore di accostarsi con consapevole spirito critico ai componimenti, mettendoli in relazione con l’ambiente storico-culturale e sociale in cui nascono. Nello stesso solco si inserisce la scelta di corredare i singoli testi di introduzioni agili, ma esaustive, a cui Federica Giommoni premette un titolo moderno. Quest’ultimo particolare sembra suggerire uno scopo divulgativo, certamente non trascurabile all’interno di un volume dedicato ai poeti meno noti della silloge agaziana. Nonostante l’autrice dichiari di rifuggire da qualsivoglia intento artistico, la traduzione risulta non solo fedele al dettato originario di ciascun epigramma, ma anche di piacevole lettura, come si può notare dai versi del curioso epitafio che Damocaride, probabilmente con vena parodica, dedica alla pernice domestica di Agazia (AP 7.206): «Collega dei cani divoratori di uomini, gatta malefica, / sei una dei cuccioli di Atteone. / Dopo aver mangiato la pernice del tuo padrone Agazia / piangi, come se avessi sbranato il padrone in persona. / E mentre tu ti perdi dietro alle pernici, ora i topi / ballano approfittando del tuo palato raffinato.»
Il commento riprende e sviluppa ampiamente i punti-chiave indicati nei capitoli iniziali del volume. Particolarmente apprezzabile è l’interesse che l’autrice dimostra per la cultura scolastica condivisa dagli autori e dai loro primi lettori; in quest’ottica, i testi analizzati si caricano di un valore storico, oltre che letterario, divenendo fonti privilegiate per conoscere l’influsso esercitato dalla paideia tardoantica sulla poesia e sulla società che attraverso di essa si esprime. La giovane studiosa dedica inoltre notevole attenzione all’affascinante problema del rapporto tra componimenti libreschi ed epigrafici, consentendo al lettore di cogliere la complessità della natura dell’epigramma, che in età giustinianea conosce un proliferare di incisioni su pietra composte da più o meno abili versificatori. Sul piano testuale, colpisce il gran numero di echi letterari che Federica Giommoni ha saputo rintracciare, tanto da ricostruire per ciascun epigramma una fitta selva di rimandi ad opere precedenti. Una ricerca indubbiamente stimolante, che non si trasforma mai in una mera accumulazione di loci: l’autrice motiva ampiamente le sue scelte, offrendo a studiosi ed appassionati la vivida immagine di un fitto dialogo tra i ‘minori’ ed i principali esponenti della poesia antica e tardoantica.
Il volume offre, dunque, un’esegesi completa di opere letterarie trascurate dalla critica, contestualizzandone le qualità all’interno della silloge agaziana e colmando un vuoto nello studio unitario della Tarda Antichità. Ma il rigore scientifico che anima il lavoro di Federica Giommoni non fa che esaltare il valore letterario di questi epigrammi, che ora può essere pienamente apprezzato anche dai lettori meno esperti di poesia tardoantica. In questa multiforme antologia, fatta di statue, bagni termali, danzatrici e funzionari di corte, si può ancora cogliere, ripulito della polvere del tempo, il gusto estetico di un’epoca tutt’altro che ‘decadente’.

(Fabrizio Petorella)

¬ top of page


Iniziative
8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398