Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

ANNELISA ALLEVA, Istinto e spettri, Milano, Jaca Book 2003, pp. 136,   € 12,00.

 

Secondo le indicazioni cronologiche che accompagnano ognuna delle sette sezioni del libro, Annelisa Alleva dà alle stampe il frutto (ma nel frattempo altre sillogi, tra cui ricordiamo almeno L’oro ereditato, di due anni fa, hanno visto la luce) di un ventennio di lavoro: 1981- 2001; un arco di tempo che non pregiudica l’uniformità formale, linguistica e tonale, delle liriche accolte nel suo primo «libro organico e importante» (Mussapi). Tanta risulta anzi la coerenza di pronuncia da autorizzare l’ipotesi che le date si riferiscano piuttosto all’occasione poetica che all’effettiva composizione dei testi (in modo analogo era solito situare nel tempo i suoi versi Vittorio Sereni). Alla compattezza stilistica corrisponde una varietà di argomenti e situazioni che si irraggia da due nuclei ispirativi predominanti: l’amore e la maternità. Al primo sono dedicate in misura esclusiva le sezioni estreme, In vita e Dopo, e dall’archetipo petrarchesco il volume non si limita a desumere genericamente la foggia strutturale, ma richiama la concezione amorosa trascritta nei termini di esperienza totalizzante, che involge nella sua cifra l’intera vicenda esistenziale dell’innamorata. La stessa figura dell’amato, inafferrabile e chiusa in una sua ambigua  inconoscibilità, promuove il ripiegamento diaristico, ragionativo, in un immaginario dialogo con l’assente, a momenti scosso da sussulti di intenerita effusione sentimentale. Nelle sezioni centrali del libro entra con prepotenza il tema della maternità. S’inizia con l’evento del parto, disegnato assecondando un’attitudine metaforica vicina ad un felice, attutito surrealismo: «Dal ventre scivolasti fuori / su rotaie amniotiche, / i capelli scuri intrisi di sangue, / la velocità accelerata dopo il tunnel, / palla dagli abissi [...] Dopo il varo del cordone reciso / arrivai a baciarti sulla fronte in singhiozzi». I figli, di cui si segue con apprensione e curiosità la crescita, sono fotografati nelle più disparate situazioni del quotidiano, forieri di un’emozione biologica che esalta le facoltà poetiche, la fioritura di immagini: «Più ti crescono i capelli, / più diventi antica. / A me brillano le tempie, / come le neve sotto i cespugli. / Più in me il rosso langue, / più il tuo rosa si fa sangue». Non è da escludere che tra queste poesie si possano riconoscere le prove più sicure e toccanti dell’intera raccolta. Ma anche le altre sezioni ospitano componimenti di valore, come Dai Brodskij, dieci strofe di dieci versi ciascuna, armonizzate su un efficace endecasillabo colloquiale, quasi in sordina, oppure alcune aperture sul dato paesaggistico, esempi di pura visibilità dove le immagini sono scandite in una serrata paratassi di colori puri: «L’oceano si lecca contro le rocce. / Il pelo brilla in contropelo. / Sciabordio d’oceano. / Steli d’acqua strappati. / Il cielo si sposta e rimane [...] La nuvola prende un po’ di nero / dall’asfalto e gli dà il suo argento», una tecnica basata sull’enumeratio che può ricordare l’estroso vitalismo govoniano oppure (l’autrice è studiosa di letterature slave), i momenti più quieti e svagati di Maiakovskij. Toccante, la poesia che segna, rispetto all’amante, una sorta di armistizio ancora imbevuto di trasporto, che giunge a una assoluzione resa più lacerante e grande dal fossato della morte: «La tua vendetta è impormi il perdono. / Quel tuo voler sempre avere l’ultima parola. / Il mio non poterti mettere al muro con gli uncini dei perché».

 

Paolo Maccari

 


¬ top of page


Iniziative
31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

18 giugno 2018
Libri recensibili per luglio 2018

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

4 maggio 2018
Incontro con Stefano Carrai

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

9 aprile 2018
Scaffai: "Letteratura e Ecologia" al Vieusseux

7 aprile 2018
Reading di poesia guidato da Caterina Bigazzi

5 aprile 2018
Incontro con Eraldo Affinati

3 marzo 2018
La poesia dei nuovi italiani. Con Barbara Serdakowski, in ricordo di Hasan

2 marzo 2018
Incontro con Grazia Verasani - annullato

27 febbraio 2018
Ceppo Internazionale ad André Ughetto - Firenze 27/2 ore 16

2 febbraio 2018
Ricordo di Hasan Atiya al-Nassar-Firenze

23 gennaio 2018
Mostra riviste poesia - Firenze Marucelliana

25 dicembre 2017
Addio ad Hasan Atiya al-Nassar

15 dicembre 2017
Antonella Anedda alla scuola di "Semicerchio"

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398