Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

Ringraziamo Rosemary Liedl per la concessione del testo



Ora dal primo cerchio discendendo
entro nel secondo
che più stretto cinghia
e di tanto aumenta il dolore
che urlano e guaiscono le anime in tormento.
Qui sta Minosse e orribilmente regna
e ringhia, giudice supremo,
e le colpe inquisisce sull’ entrata,
e sentenzia e condanna
se stesso avvinghiando.
Quando l’anima passata alla sventura
dinnanzi a lui aperta si confessa
vede Minosse, conoscitore dei peccati,
qual luogo dell’inferno
per lei è preparato
e tante volte si cinge con la coda
quanti gradi in giù comanda che sia messa.
Sempre dinnanzi a lui vi stanno in massa
ma sola ciascuna si presenta al giudizio,
si confessa, ascolta
poi va al precipizio.


«O tu che vieni nel luogo del dolore»
dice Minosse a me quando mi scorge
e interrompe l’atto del giudizio,
«a come entri bada e attento
che non t’inganni la tua guida, non t’inganni
l’ampiezza dell’entrata!».
E la mia guida a lui: «Ma perchè gridi?
Non puoi impedire
il suo prescritto andare, così
si vuole dove si può
ciò che si vuole e più
non domandare».


Ora grida e lamenti ora i dolenti
mi si fanno sentire
ora l’onda del pianto mi percuote
dove son giunto.
Sono in un luogo d’ogni luce muto,
muggisce come un mare tempestoso
se da venti contrari è attraversato.
La bufera d’inferno non ha tregua
con eguale violenza gli spiriti travolge
voltando e percuotendo li castiga.
Come le anime ci arrivano davanti
alla bufera salgono le urla
le strida e i lamenti e qui
bestemmiano la potenza divina.
Capisco allora che a questo tormento
sono dannati i peccatori carnali,
nel desiderio sorpassan la ragione.
E come gli stornelli portati dalle ali
in schiera larga e piena
al principio dell’inverno
trascorrono nel cielo,
così quel soffio innalza
gli spiriti dannati
di qua, di là, di giù, di su li sferza,
non vi è speranza mai che li conforti
né di sostare né di patir meno.
E come gru volando in lunga riga
lamentano nel canto
così vedo arrivare in tristi voci
ombre portate dall’eterna bufera,
allora dico: «Maestro
chi sono questi che il vento
allinea in quella schiera?»
«La prima di cui chiedi» dice,
era regina di molti paesi,
tanto fu stretta alla lussuria
che il desiderio proclamò sua legge
e più nessuno poté biasimarla,
è Semiramide, sposa di Nino (e di questi erede)
e governò l’Egitto, come si legge.
L’altra è Didone suicida per amore
dimenticando il giuramento
di fedeltà a Sicheo, alle sue ceneri.
Ecco Cleopatra, preda
di libidini molteplici,
ecco Elena, radice
di tempi infami,
con lei è il grande Achille, con amore
incrociò le armi invincibili
e fu sconfitto».
Paride, Tristano e migliaia
migliaia le vittime d’amore
come indica e nomina.
Smarrimento profondo, e paura m’invade
ai nomi delle donne e i cavalieri
e chiedo: «Poeta, volentieri
parlerei ai due che vanno insieme
leggeri sopra il vento».
Lui mi risponde: «Attento
quando sono vicini chiedi
per quell’amore che li tiene e muove
così verranno».


Subito come il vento a noi li piega
io dico: «O anime in affanno
venite qui a parlarmi, se non c’è
Chi lo impedisca!»
Quali colombi da un richiamo accesi
di desiderio, ad ali tese verso il dolce nido
per volontà dirigono decisi,
escono i due dalla schiera di Didone,
contro l’aria maligna volano a sfida
tanto pieno d’affetto e forte io grido.
E Francesca mi parla e dice: «O vivente
grazioso e benigno
nella tenebra di vento che attraversi
incontri noi che il mondo tinto
abbiamo di color sanguigno,
se fosse amico il Re dell’Universo
lui pregare vorremmo, per la tua pace
poiché di noi pietà, del nostro male
ci stai mostrando.
Quello che vuoi sentire chiedi,
parla seguendo il desiderio,
noi ti ascoltiamo, ora che il vento
si è calmato e tace.


La terra dove sono nata
è in riva al mare dove il Po discende
con tutti gli affluenti e trova la sua pace.
Amore che persona gentile subito accende,
e così fu per Paolo della mia persona, bella
che mi fu tolta, violento divampò
e fu spento nel sangue
e il suo principio e la fulminea fine
ancor mi offendono, mi dannano.


Amore che costringe ad amare
chi sia per noi d’amore preso
piacere così forte di Paolo mi prese
che ancor non mi abbandona,
e tu lo vedi. Amore
a morte uniti ci ha guidati,
Caìna aspetta colui che ci spense».
Questo dice Francesca, unita a Paolo,
io chino il viso e lo tengo basso
fin che il poeta chiede: «Che pensi?»,
allora gli rispondo adagio: «Quali
dolci pensieri
che desiderio
spinse coloro a scendere l’abisso!»
Poi rivolto a Francesca: «Pieno
di lacrime per il tuo martirio
tristissimo ti prego, dimmi
quando il tempo è dei dolci sospiri
come permette Amore
che amore
a tal punto ci inganni?»
E lei a me: «Nessun dolore
più grande che ricordarsi del tempo felice
nella miseria,
e lo sa bene il tuo Virgilio,
ma se a conoscere
la prima radice del nostro amore
hai tanto desiderio e affetto
farò come chi insieme
parla e piange.
Noi si leggeva un giorno per delizia
di Lancillotto, come amor lo prese,
soli eravamo e senza sospetti.
Molte volte gli occhi ci costrinse
quella lettura
a volgerci negli occhi
e il viso scolorare,
ma un punto solo fu quello che vinse.
Di quella bocca il riso
quando leggemmo
esser baciato da sì grande amante, Paolo
che mai da me non sia diviso,
la bocca mi baciò tutto tremando.
Quale strumento il libro,
e chi lo scrisse!
Quel giorno più non vi leggemmo
ancora».
Mentre Francesca parla e Paolo
piange di tanto sale la pietà
e il timore
ch’io vengo meno e cado
come corpo morto cade.


(finito il 14.8.1984)

¬ top of page


Iniziative
26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398