Home-page - Numeri
Presentazione
Sezioni bibliografiche
Comitato scientifico
Contatti e indirizzi
Dépliant e cedola acquisti
Links
20 anni di Semicerchio. Indice 1-34
Norme redazionali e Codice Etico
The Journal
Bibliographical Sections
Advisory Board
Contacts & Address
Saggi e testi online
Poesia angloafricana
Poesia angloindiana
Poesia americana (USA)
Poesia araba
Poesia australiana
Poesia brasiliana
Poesia ceca
Poesia cinese
Poesia classica e medievale
Poesia coreana
Poesia finlandese
Poesia francese
Poesia giapponese
Poesia greca
Poesia inglese
Poesia inglese postcoloniale
Poesia iraniana
Poesia ispano-americana
Poesia italiana
Poesia lituana
Poesia macedone
Poesia portoghese
Poesia russa
Poesia serbo-croata
Poesia olandese
Poesia slovena
Poesia spagnola
Poesia tedesca
Poesia ungherese
Poesia in musica (Canzoni)
Comparatistica & Strumenti
Altre aree linguistiche
Visits since 10 July '98

« indietro

ANDREA INGLESE, Bilico, Napoli, Edizioni d’if  2004, pp. 28,  3,50.
 
Libro inscritto nel segno dell’equilibrio precario, dell’incertezza, e del dubbio programmatico, Bilico di Andrea Inglese appare in realtà come una silloge tersa in cui il dettato poetico ha spigoli vivi. Le immagini si susseguono piane e inesorabili, lo sfasamento esistenziale di cui il libro è quasi delatore sembra affidato soprattutto alla connessione breve, sincopata delle immagini, e a certe loro distopìe, a certi tagli netti quanto obliqui. Il bilico è anche un cardine; è piano inclinato ma anche perno su cui ruota una porta, una finestra, uno sportello, o su cui si agganciano i piatti della bilancia. Proprio questa ambiguitas leggibile sulla soglia del testo – precarietà d’equilibrio e fulcro di movimento e di misura – percorre strutturalmente l’intera raccolta. Il suo perno è nella datità del reale, il suo rischioso scivolamento è nella percezione, nella lettura di quella datità. L’inquietudine monta quasi di soppiatto, in Bilico, quasi inavvertita, a guardarsi lentamente intorno. E a scoprire, intorno, non l’unico ma i molti anelli che non tengono, le smagliature che si aprono in silenzio, i nodi che s’allentano. Una prima versione mai pubblicata, diversamente articolata e comprendente anche testi che in questa licenziata non compaiono, si intitolava Dintorni maligni ed era distinta in due sezioni, In bilico e Molestie di passaggio. Vi dominava la stessa consapevolezza di disagio che emerge oggi dalle poesie di Bilico. La quotidianità è notomizzata, i gesti che ne condensano il carattere precario, quando non maligno, sono scelti con misura, emblematici nella loro schietta, comune esemplarità. C’è una disperante pulizia, nei versi di Andrea Inglese, una lingua decantata ed esatta, che procede, priva di aloni, «a rasoiate brevi», e un passo metrico scandito su un respiro calibrato, un tono mai urlato. In questa poesia perbene i gesti perbene non appaiono tali. Le minute occorrenze del quotidiano sono quelle che slogano l’esistenza, che la mostrano nella sua inerte vacuità, nel suo spiazzante catalogo di oggetti scompaginati, di «corpi opachi, / malfermi». Il problema della vita, la «coltre di preoccupazioni» che ci impedisce di «vederci chiaro», acquista trasparentissima evidenza sia nel novero di realia pericolosi o fastidiosi – «Ci sono cani in giro senza museruole / che possono farti a brandelli un polpaccio. / Ci sono idraulici che ti scassano il pavimento, / e poi spariscono. C’è il caldo / che ti fa sudare proprio dietro la nuca» – sia nel disincanto di incertezze sostanziali – «A quest’ora non sai neppure / dove lei sia esattamente / e con chi dorma stasera» – sia, infine, nella valenza allegorica di una fuga – «A forza di vedere polizieschi / mi convinco che il vero problema della vita / sta nel sopravvivere ad un inseguitore / armato. Bisogna riuscire a seminarlo, / senza esitazione / sulla scala antincendio. E mai / voltarsi indietro. / Mai osservare / le crepe di vernice sul corrimano». Questo è proprio ciò che Inglese disattende: egli si ferma a guardare le crepe di vernice sul corrimano. E tutto perde e acquista senso. L’unico senso possibile: quello della precarietà. Del turbamento. L’esterno è allora «il regno tetro della necessità». E dunque l’inseguitore armato gli è addosso. E così il perturbante che emerge dagli oggetti più usuali e noti, dalla familiarità con gli spazi abitati e con le persone che vi coabitano. L’ultimissima raccolta di Andrea Inglese, un e-book per le Edizioni Biagio Cepollaro (www.cepollaro.it 2005), è propriamente intitolata L’indomestico. Raccolta ancorata ad un presente «sfiammato», come è quello descritto nell’Inventario dei giovani che sono tanto cari agli dei da morire subito, da schiantarsi contro il sistema, «contro il muro, in gloria / di lamiere». Raccolta che soffre di una sempre più asfissiante oppressione, come è quella che raccorcia «a sproposito» i metri quadri casalinghi nella poesia I limoni, titolo montaliano quant’altri mai eppure niente affatto ‘scrosciante’, niente affatto solare, ma scaraventato nell’orbita vuota, piena di inquietudine dell’oggetto perturbante in termini freudiani: i limoni «nel piatto afgano, / pronti a cader fuori. Deformi, / grandi come patate» spremuti perché il loro succo fa bene alla salute, e vinti, arresi coi «vani» delle loro bucce di fronte al soggetto poetico che guarda «il loro piccolo vuoto / negli occhi».

Cecilia Bello Minciacchi

¬ top of page


Iniziative
15 ottobre 2022
Hodoeporica al Salon de la Revue di Parigi

19 settembre 2022
Poeti di "Semicerchio" presentano l'antologia ANIMALIA

13 maggio 2022
Carteggio Ripellino-Holan su Semicerchio. Roma 13 maggio

10 maggio 2022
Recensibili 2022

26 ottobre 2021
Nuovo premio ai traduttori di "Semicerchio"

16 ottobre 2021
Immaginare Dante. Università di Siena, 21 ottobre

11 ottobre 2021
La Divina Commedia nelle lingue orientali

8 ottobre 2021
Dante: riletture e traduzioni in lingua romanza. Firenze, Institut Français

21 settembre 2021
HODOEPORICA al Festival "Voci lontane Voci sorelle"

27 agosto 2021
Recensibili 2021

11 giugno 2021
Laboratorio Poesia in prosa

4 giugno 2021
Antologie europee di poesia giovane

28 maggio 2021
Le riviste in tempo di pandemia

28 maggio 2021
De Francesco: Laboratorio di traduzione da poesia barocca

21 maggio 2021
Jhumpa Lahiri intervistata da Antonella Francini

11 maggio 2021
Hodoeporica. Presentazione di "Semicerchio" 63 su Youtube

7 maggio 2021
Jorie Graham a dialogo con la sua traduttrice italiana

23 aprile 2021
La poesia di Franco Buffoni in spagnolo

16 aprile 2021
Filologia della canzone: presentazione di "Like a Rolling Stone" di M.G. Mossa

22 marzo 2021
Scuola aperta di Semicerchio aprile-giugno 2021

28 dicembre 2020
Bandi per collaborazione con Semicerchio e Centro I Deug-Su

20 novembre 2020
Pietro Tripodo Traduttore: presentazione online di Semicerchio 62

19 giugno 2020
Poesia russa: incontro finale del Virtual Lab di Semicerchio

1 giugno 2020
Call for papers: Semicerchio 63 "Gli ospiti del caso"

28 maggio 2020
Seminario di Andrea Sirotti sulla nuova Dickinson

22 maggio 2020
Seminario di Antonella Francini su AMY HEMPEL e LAUREN GROFF

30 aprile 2020
Laboratori digitali della Scuola Semicerchio

28 aprile 2020
Progetto di Riscrittura creativa della lirica trobadorica

8 dicembre 2019
Semicerchio a "Più libri più liberi"

6 dicembre 2019
Laura Pugno alla Scuola di Semicerchio

5 dicembre 2019
Convegno Compalit a Siena

4 dicembre 2019
Addio a Giuseppe Bevilacqua

29 novembre 2019
Maurizio Maggiani alla Scuola di Semicerchio

8 novembre 2019
Laboratorio di poesia: Valerio Magrelli

12 ottobre 2019
Semicerchio e LinguaFranca al Salon de la Revue di Parigi

27 settembre 2019
Reading della Scuola di Scrittura

25 settembre 2019
Ultimi giorni iscrizioni al Corso di scrittura creativa

20 settembre 2019
Incontro con Jorie Graham per l'uscita di "fast" (Garzanti)

19 giugno 2019
Addio ad Armando Gnisci

31 maggio 2019
I'M SO TIRED OF FLORENCE: READING MINA LOY

12 aprile 2019
Incontro con Marco Di Pasquale

28 marzo 2019
Sconti sul doppio Semicerchio-Ecopoetica 2018

27 marzo 2019
Semicerchio al Convegno di Narrazioni Ecologiche-Firenze

24 marzo 2019
Premio Ceppo: Semicerchio e Guccini a Pistoia

15 marzo 2019
Rosaria Lo Russo legge Sexton

6 febbraio 2019
Incontro sulla traduzione poetica -Siena

25 gennaio 2019
Assemblea sociale e nuovi laboratori

14 dicembre 2018
Incontro con Giorgio Falco

8 dicembre 2018
Semicerchio a "Più Libri Più Liberi" Roma

6 dicembre 2018
Semicerchio issue on MIGRATION AND IDENTITY. Call for papers

16 novembre 2018
"Folla delle vene" di Iacuzzi a Semicerchio

12 ottobre 2018
Inaugurazione XXX Corso di Poesia con Franco Buffoni

7 ottobre 2018
Festa della poesia a Montebeni

30 settembre 2018
Laboratorio pubblico di Alessandro Raveggi a Firenze Libro Aperto

23 settembre 2018
Mina Loy-Una rivoluzionaria nella Firenze dei futuristi -Villa Arrivabene

22 settembre 2018
Le Poete al Caffé Letterario

6 settembre 2018
In scadenza le iscrizioni ai corsi di scrittura creativa 2018-19

5 settembre 2018
Verusca Costenaro a L'Ora blu

9 giugno 2018
Semicerchio al Festival di Poesia di Genova

5 giugno 2018
La liberté d'expression à l'épreuve des langues - Paris

26 maggio 2018
Slam-Poetry al PIM-FEST, Rignano

19 maggio 2018
Lingue e dialetti: PIM-FEST a Rosano

17 maggio 2018
PIM-FEST: il programma

8 maggio 2018
Mia Lecomte a Pistoia

2 maggio 2018
Lezioni sulla canzone

» Archivio
 » Presentazione
 » Programmi in corso
 » Corsi precedenti
 » Statuto associazione
 » Scrittori e poeti
 » Blog
 » Forum
 » Audio e video lezioni
 » Materiali didattici
Editore
Pacini Editore
Distributore
PDE
Semicerchio è pubblicata col patrocinio del Dipartimento di Teoria e Documentazione delle Tradizioni Culturali dell'Università di Siena viale Cittadini 33, 52100 Arezzo, tel. +39-0575.926314, fax +39-0575.926312
web design: Gianni Cicali

Semicerchio, piazza Leopoldo 9, 50134 Firenze - tel./fax +39 055 495398